'Wolfenstein II' dimostra che i nazisti negli USA sono sempre esistiti

Uno dei giochi più importanti dell'anno è fin troppo profetico.

|
ott 30 2017, 9:14am

I videogiochi e in particolare gli sparatutto si sono sempre divertiti a sterminare i nazisti. Sono ottima carne da macello perché non si portano dietro alcuna ambiguità morale. Sono cattivi iconici da fumetto. I veri crimini contro l'umanità che hanno commesso li rendono come sconosciuti, un 'Altro' diverso da noi — a nostra differenza, nella loro crudeltà sono a malapena umani — da cui forse si spiega il sottogenere dei videogiochi con i nazi-zombie. È facile uccidere ciò che non comprendi e riconosci.

Di tutti i videogiochi in cui riempi di piombo i nazi, il più iconico è di certo la serie di Wolfenstein. Wolfenstein 3D, uscito nel 1992 per opera di Id Software, ha definito la forma dello sparatutto in prima persona (prima che il team si spostasse sulla produzione di Doom), legando per sempre il genere all'atto di sterminare nazisti. In un certo senso, Wolfenstein II: The New Colossus è solo un altro gioco di Wolfenstein (ce ne sono stati 11 in tutto, ma questo è un sequel diretto al reboot della serie uscito nel 2014), un publisher di giochi con budget stellari che ritorna all'ovile perché i videogiochi sono un settore rischioso e si sa che conviene scommettere sulla quantità.

Ma il mondo è cambiato parecchio da quando l'ultimo gioco di Wolfenstein è uscito e per questo Wolfenstein II: The New Colossus si ritrova sotto la luce di uno strano riflettore. Si è invischiato nello scenario politico americano attuale e per caso porta con sé un messaggio che il suo pubblico ha bisogno di sentire: che quei nazi a cui abbiamo sparato per decenni non sono poi così alieni.

Il primo segnale d'allarme è che un videogioco che parla della conquista degli Stati Uniti da parte dei nazisti sembra molto inerente a ciò che si vede nei notiziari tutti i giorni. Ad agosto, i suprematisti della razza bianca hanno marciato per le strade di Charlottesville, in Virginia, con torce da giardino in mano e scandendo cori come "Gli ebrei non prenderanno il nostro posto." Dopo essersi scontrati con un fronte di opposizione fatto di manifestanti antifascisti, e dopo che un suprematista si è schiantato con la macchina sulla folla uccidendo una dei manifestanti, il presidente degli Stati Uniti ha detto che "entrambe le parti," erano responsabili della violenza.

All'inizio di questo mese, Bethesda ha pubblicato un nuovo manifesto pubblicitario con lo slogan "Make America Nazi-Free Again," sulla falsa riga dello slogan elettorale di Donald Trump "Make America Great Again." La settimana scorsa, Bethesda ha fatto uscire un nuovo annuncio in favore del prendere a pugni i nazisti. Il dibattito su se sia giusto o meno sferrare un cazzotto in faccia a un nazi si è acceso quando Richard Spencer, che ha aiutato a organizzare la marcia dei suprematisti a Charlottesville, è stato preso a pugni durante l'inaugurazione di Trump.

La cosa peggiore però è che alcuni giocatori stanno criticando apertamente la campagna pubblicitaria di Bethesda e la violenza contro i nazisti in Wolfenstein II in generale perché ritengono che sia razzista nei confronti delle persone bianche.

Sviluppare uno sparatutto da un mucchio di soldi come Wolfenstein II richiede anni di lavoro e — come mi ha detto via email Pete Hines, responsabile delle relazioni col pubblico — non sarebbe stato possibile per la compagnia predire il clima politico attuale con tanto anticipo. la cosa, ovviamente, non gli ha impedito di sfruttare la cosa ora.

"Abbiamo usato alcune delle frasi del Presidente perché rendono purtroppo perfettamente idea di qual è l'eco tra il mondo del gioco e quello reale," ha detto Hines. "Ci sono veri nazisti che marciano apertamente nelle strade degli Stati Uniti d'America nel 2017. Pensa solo per un attimo che razza di follia è."

Ma è davvero così folle? Wolfenstein II, strano ma vero, ci dice di no. È chiaro dai primi momenti del gioco, che approfondiscono il passato del protagonista BJ Blazkowicz. Si tratta di un bambino nel Texas di inizio Ventesimo Secolo cresciuto da una madre ebrea immigrata e da un padre americano bianco e razzista.

Sappiamo che è razzista perché punisce Blazkowicz quando scopre che sta diventando amico di una ragazzina afroamericana, che chiama con la N-word per ben due volte nei primi 10 minuti del gioco. È stridente, ma magari è ciò che serve per dipingere quest'uomo, che incolpa la discendenza ebraica della moglie e il fatto che il figlio frequenti persone di un'altra etnia del fallimento della propria impresa — chiunque, tranne se stesso.

Dal primissimo momento, Wolfenstein II avverte i giocatori che potrebbe non piacergli, ma il razzismo contro cui stanno combattendo è — letteralmente — anche una parte del loro personaggio.

Con questo espediente prepara anche il terreno per dopo, quando Wolfenstein II implica che il Terzo Reich ha preso il sopravvento in America in parte per via di certi suoi ideali già affini con quelli di molti americani (per saperne di più sulla vera storia di cosa il Terzo Reich ha imparato dal razzismo codificato in America durante gli anni Trenta, questo articolo dell'Atlantic sul libro di James Q. Whitman Hitler's American Model è un buon inizio).

Blazkowicz non segue le orme del padre. Invece, cresce per diventare una macchina stermina nazi e, dopo gli eventi del primo gioco, un simbolo di speranza per chi osa opporsi alla dominio mondiale nazista. Ma questa parte non è dimenticata. In Wolfenstein II, quando Blazkowicz chiede l'aiuto di Grace Walker, capitana afroamericana di un movimento di opposizione ai nazisti che richiama il vero partito delle Black Panther, lei non si trattiene. Gli dice che gli americani bianchi non stanno combattendo i nazi come lei. Che quando hanno preso il sopravvento, i bianchi hanno lasciato che il Ku Klux Klan governasse il sud.

"I mostri hanno fatto tutto questo," dice Blazkowicz a Grace nel nascondiglio di lei in cima a un Empire State Building diroccato, che guarda le rovine di New York, distrutta da una bomba nucleare, mentre discutono di ciò che i nazisti hanno fatto all'America.

"Non i mostri. Gli uomini," lo corregge lei.

Uomini come il padre di Blazkowicz. Uomini come quelli che marciano con le torce a Charlottesville. Ecco cos'è che fa davvero paura dei nazisti: non sono solo cattivi da videogiochi come zombie e alieni. Sono qualcosa che possiamo diventare quando non facciamo attenzione. È qualcosa di già presente nella nostra società.

Image: Bethesda

È bene inoltre sottolineare che, sì, sotto qualsiasi altro aspetto, Wolfenstein II è esattamente ciò che mi aspettavo. Uno sparatutto grottescamente esagerato dove posso far saltare il cervello ai nazisti, scioglierli con il laser e mozzargli le gambe con un'ascia prima di schiantargliela in faccia mentre li guardo negli occhi. Lascierò che siano gli esperti a discutere su se sia o meno salutare, ma mi ha fatto sentire alla grande. Davvero, davvero alla grande. Non c'è mai stato momento più catartico per giocare a un videogioco in cui uccidi nazisti senza pietà e, a mio avviso, non c'è mai stato un Wolfenstein migliore di questo, per cui funziona.

Il fatto poi che racconti qualcosa di pertinente a ciò che sta succedendo ora nel mondo lo rende uno dei giochi più importanti dell'anno.

Seguici su Facebook e Twitter