censura online

Questa panna cotta ai frutti di bosco è stata oscurata da Facebook

L'immagine pubblicata da un pub napoletano è stata oscurata dal social perché giudicata violenta.

Federico Martelli

Federico Martelli

Il 29 giugno, la pagina Facebook Lord Up Pub di un pub di Casoria, in Campania, ha postato la fotografia apparentemente innocua di una panna cotta ai frutti di bosco. I bot di Facebook, però, hanno oscurato la foto, al cui posto è apparso il messaggio standard ”Questa foto potrebbe mostrare immagini forti o violente.” Chiaramente, l'algoritmo che valuta le immagini pubblicate sul social ha frainteso la reale natura della salsa rossa scambiandola per sangue, imponendo un filtro.

L'immagine incriminata con e senza filtro per i contenuti "violenti."

Non è la prima volta che i bot di Facebook commettono questi errori, eppure ogni volta riescono a stupire. Tra i casi precedenti ricordiamo i post bloccati che citavano l'intellettuale Toni Negri e la poetessa Ada Negri — dove Facebook confondeva cognomi e insulti —, l'immagine di un pettirosso giudicata sessualmente esplicita — dove probabilmente l'algoritmo ha interpretato il petto dell'uccellino come un organo riproduttivo maschile —, oppure le censure di opere d'arte che rappresentano nudi — in cui la valenza pornografica del corpo umano è tutta da discutere. Su quest'ultimo punto si è espressa anche la campagna #freethenipple, che lotta notoriamente contro la censura ingiusta del corpo femminile, considerato culturalmente più "sessuale" di quello maschile.

L'anno scorso, abbiamo raccontato su Motherboard l'esperienza dei ban inappellabili operati da Facebook, sottolineando come comportino l'essere tagliati fuori da una parte importantissima della vita online. La conseguenza in questo caso non è così grave — la foto postata dal pub è diventata intanto virale e io personalmente in questo momento ho una gran voglia di dessert —, ma non possiamo fare altro che rinnovare l'appello a Facebook di garantire dei metodi più accurati per oscurare certi contenuti o bannare degli utenti. Forza bot di Facebook ce la potete fare.

Segui Federico su Twitter: @spaghettikraut

Segui Motherboard su Facebook e Twitter.