Gira questo articolo ai tuoi amici che credono alle scie chimiche

Abbiamo radunato esperti di clima e di geochimica per affrontare scientificamente una delle teorie cospirazioniste più popolari degli ultimi anni.

|
27 giugno 2018, 9:31am

Immagine: PublicDomainPictures.net 

Le scie chimiche — la teoria secondo cui le strisce bianche lasciate dagli aerei in volo siano parte di un piano governativo segreto — è una delle cospirazioni più pervasive del momento.

Uno studio recente ha scoperto che il 10 percento degli americani crede "assolutamente" alle scie chimiche, mentre un buon 30 percento ritiene che ci sia almeno un fondo di verità nella teoria. Eppure, la spiegazione sull'origine di queste scie bianche esiste ed è anche relativamente semplice — allora perché la teoria persiste?

Cominciamo smontando il nome stesso. Quelle che i cospirazionisti chiamano scie chimiche, sono in realtà chiamate scie di condensazione. Ovvero: vapore acqueo che si condensa nell'aria e crea nuvole fatte dall'uomo.

"Il carburante dei jet è una forma di idrocarburo," ha spiegato Ken Caldeira, un climatologo della Carnegie Institution for Science, nell'ultimo episodio del podcast di Motherboard US Science Solved It. "E quando bruci idrogeno, si ossida in forma di acqua, e quando bruci carbonio, forma diossido di carbonio. Per lo più stai guardando vapore acqueo, di cui grossa parte è uscita dal retro del motore e si è condensata in una sorta di nuvola artificiale."

Gli aerei che viaggiano ad altitudini minori, sotto i 7.000 metri, in genere non producono scie di condensazione perché l'aria non è abbastanza fredda. Ecco perché alle volte vediamo un aereo con la scia altre no, o notiamo che questa scompare in fretta. I cospirazionisti sostengono che questa sia la prova di un programma di irrorazione governativo, mentre, in realtà, è solo la conferma che l'aria varia in base ad altitudine e geografia.

"Se stessi volando sull'Alaska, magari in inverno, produrresti una scia facilmente anche con un aereo piccolo, perché è tutta una questione di temperature dell'aria intorno a te, non del tipo di aereo in sé," ha detto Mick West, programmatore di videogiochi e pilota in pensione che gestisce un sito chiamato MetaBunk, che fa debunking delle teorie cospirazioniste più popolari. "Se avessi una macchina in grado di guidare sulla cima del Monte Everest, produrresti una scia di condensazione anche con quella."

LEGGI DI PIÙ:
Le migliori teorie cospirazioniste sul lancio di Falcon Heavy di SpaceX
Antologia delle migliori teorie cospirazioniste sugli alieni
La setta convinta che l'Universo sia governato dall'elettricità

Non ci sono neanche prove di qualsiasi altro tipo. Nel 2016, Caldeira ha pubblicato un sondaggio fatto tra gli scienziati atmosferici più importanti del mondo, compresi chimici e geochimici. Il sondaggio ha riscontrato che 76 su 77 degli scienziati partecipanti non avevano trovato alcuna prova di un programma di irrorazione in atto, e che i presunti indizi potevano essere spiegati da altri fattori. L'unico scienziato fuori dal coro ha ritenuto inspiegabili solo degli "alti livelli di bario atmosferico in una zona remota che in genere ha quantitativi 'bassi' di bario nel terreno." Non proprio l'arma del delitto, diciamo.

Perché, allora, la teoria persiste? Parte del problema è che il governo americano e gli scienziati hanno svariati precedenti nel nascondere la verità al pubblico rispetto ad agenti chimici pericolosi ed esperimenti segreti, per cui una sana dose di scetticismo rispetto alla minestra servita da Zio Sam non è necessariamente una cosa sbagliata.

La teoria ha inoltre guadagnato terreno negli ultimi anni man mano che il pubblico veniva a conoscenza delle proposte di alcuni piani di geoingegneria: la manipolazione intenzionale e globale di processi ambientali, operata con l'obiettivo di mediare gli effetti del surriscaldamento del pianeta. Per quanto non sia ancora in atto, gli scienziati come Caldeira hanno usato modelli per mostrare che la geoingegneria è uno strumento potenzialmente valido per ridurre le temperature globali. E la possibilità ha convinto molti a credere che il programma sia già in funzione. Il problema è che, se pensi che il governo stia manipolando il clima, probabilmente non sarai il primo a sostenere l'implementazione di vere soluzioni contro il cambiamento climatico. E questo tipo di mentalità modella la tua vita quotidiana.

"Ho ricevuto una email da una donna che non lasciava giocare i suoi bambini in giardino, perché aveva paura che piovessero agenti chimici giù dalle scie chimiche in cielo, avvelenando i suoi figli," ha raccontato Caldeira a Motherboard. "È davvero una tragedia pensare che ci siano persone chiuse in casa per la paura di giocare in cortile. Voglio [rendere le persone più consapevoli] in parte per aiutare i bambini ad avere una vita migliore, perché nessuno dovrebbe sentirsi dire di restare al chiuso e di aver paura di uscire."

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MOTHERBOARD e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale.