Cresce l'uso terapeutico della marijuana nei bambini

Sempre più stati americani legalizzano l'uso terapeutico della cannabis per l'epilessia nei bambini.

|
mag 13 2014, 11:52am
Coltivazione a luce naturale presso il River Rock Medical Marijuana Center. Immagine: Antony Soufflé/Chicago Tribune

Curare i bambini con la marijuana medica non è comune, ma accade sempre più spesso. Molti degli stati americani in cui è stata legalizzata permettono di utilizzarla come terapia alternativa per i bambini, e perfino i neonati, affetti da epilessia. Per ora si tratta di Oregon, Colorado e California. L’Illinois potrebbe essere il prossimo.

Una commissione legislativa dell’Illinois ha recentemente approvato un provvedimento che prevede l’uso di marijuana medica per curare i bambini epilettici. Il disegno di legge—simile a quelli recentemente entrati in vigore in Wisconsin, Florida, Minnesota e Pennsylvania—deve ancora essere approvato.

Per saperne di più su questa tendenza controversa, mi sono rivolto a un medico Californiano che cura i bambini con la cannabis. Bonni Goldstein, direttore medico di Ghost Group, società di tecnologia nel settore emergente della marijuana, mi ha spiegato come funziona la terapia. 

Il sistema degli endocannabinoidi nel cervello registra gli effetti psicoattivi della marijuana e regola il livello di attività dei neurotrasmettitori, che sono responsabili per vari processi psicologici. Nei pazienti epilettici, questi neurotrasmettitori sono “sempre in azione,” ha detto Goldstein. Il cannabidiolo, or CBD—uno dei 60 cannabinoidi attivi presenti nella pianta di marijuana—può essere di aiuto.  

“Assumendo i cannabinoidi della pianta si riesce a rallentare il sistema degli endocannabinoidi nel cervello,” ha detto Goldstein.

Per centinaia di famiglie, è un trattamento miracoloso. Ma l’idea di curare i bambini con la marijuana resta controversa.

Goldstein ha dichiarato di aver avuto molto successo con l’olio a base di CBD, che ha portato a una riduzione delle crisi epilettiche nel 70-75 percento dei suoi pazienti. Ha detto che anche secondo uno studio del 2013 condotto dal National Institute of Health, pubblicato in Epilepsy & Behavior, sono diminuiti i sintomi dell’epilessia in 16 dei 19 bambini curati con il CBD. In due casi la malattia è persino sparita del tutto.

Sono decine le storie a lieto fine di famiglie con bambini epilettici. Ho parlato alla madre di uno dei pazienti di Goldstein, Genesis Rios, che mi ha detto che suo figlio aveva crisi epilettiche regolarmente durante il giorno, fino a quando ha iniziato il trattamento di CBD. Ora il bimbo può stare fino a due settimane senza avere crisi.

“È stato miracoloso,” mi ha detto Rios. “Era in crisi 24 ore al giorno, anche mentre dormiva, e nessuna medicina funzionava. Non aveva funzionato nient’altro, nemmeno un intervento chirurgico.”

Per centinaia di famiglie è davvero un trattamento miracoloso, e non solo per l’epilessia. In Austria si prescrive la marijuana terapeutica anche ai bambini autistici. Come segnalato da VICE l'anno scorso, negli Stati Uniti la cannabis è stata usata per il trattamento di bambini con la leucemia.

Ma l’idea di curare i bambini con la marijuana resta molto controversa. Alcuni mettono in discussione la validità del trattamento, e il problema è che sono poche le prove scientifiche a suo favore.

La marijuana è classificata come droga di tipo 1, il che rende molto difficile ottenere l’approvazione federale per studi scientifici. Spesso bisogna affrontare complicazioni burocratiche maggiori rispetto ad altre droghe di tipo 1, come l’LSD e l’MDMA.

In risposta a un disegno di legge del Minnesota per legalizzare l’uso terapeutico nei bambini, un ospedale pediatrico a St. Paul ha dichiarato: “Le prove scientifiche che giustifichino un uso regolare di marijuana sono scarse. Questa mancanza di informazioni non significa che la marijuana sia inefficace, ma data la mancanza di studi clinici non possiamo sapere se il trattamento sia sicuro ed efficace. Inoltre, non possiamo prevedere gli effetti a lungo termine dell’uso di marijuana sui bambini.”

Ma ci sono segni di cambiamento. “L’American Medical Association sta facendo pressione a livello federale per riclassificare la cannabis, abbandonando l’etichetta di droga di tipo 1 e quindi rimuovendo molti ostacoli alla ricerca,” ha scritto Brian Andersen su Motherboard.

Per esempio, a Marzo il servizio sanitario pubblico degli Stati Uniti ha approvato lo studio della cannabis come potenziale cura per il disturbo post traumatico da stress (DPTS). All’inizio di quest’anno, la Food and Drug Administration ha approvato uno studio “per valutare se i cannabinoidi purificati siano efficaci nel trattamento di forme gravi di epilessia infantile che sono immuni ai farmaci antiepilettici standard.”

A prescindere dagli studi, alcuni non sono a loro agio con l’idea che i bambini facciano uso di marijuana. Alcuni sono contrari perché pensano possa danneggiare i programmi di prevenzione dell’uso di droga. Una cittadina nei pressi di San Diego ha recentemente minacciato di sporgere denuncia nei confronti di un’associazione no-profit che forniva marijuana medica per il trattamento di 800 bambini.

Ma Goldstein e altri entusiasti sostengono che, in realtà, la cannabis sia molto più sicura per i bambini della maggior parte dei farmaci usati tradizionalmente per trattare le crisi epilettiche. Questi possono causare “insufficienza epatica, anemia aplastica e una regressione del comportamento, della crescita e dello sviluppo,” ha detto. Ha voluto precisare che l’industria della marijuana ha fatto molta strada, quindi si possono trovare prodotti puliti, organici e privi di pesticidi per uso terapeutico.

Rios mi ha detto che suo figlio “sembrava fatto” quando prendeva le medicine tradizionali per l’epilessia, ma con l’olio di CBD, “è più vispo che mai.”

A una riunione della commissione legislativa dell’Illinois, Margaret Storey ha detto che sua figlia “è fatta tutto il giorno” di farmaci tradizionali, approvati dalla FDA e prescritti dal dottore, scrive il Chicago Tribune. “Quando gli vengono somministrati quei cocktail di farmaci, diventano tossicodipendenti,” ha detto un altro genitore a sostegno della marijuana medica, Adam Frederick.

Molti genitori stanno combattendo per il trattamento a base di olio di cannabis. Il più comune si chiama Charlotte’s Web e deriva da un tipo di marijuana che è particolarmente ricca di CBD e  povera di THC, ovvero il componente psicoattivo della cannabis—quello dall’effetto inebriante.

Molte famiglie scelgono di trasferirsi negli stati che permettono di somministrare olio di cannabis ai loro bambini.

La scorsa settimana, Democracy Now ha scritto di una famiglia di “rifugiati” che si è trasferita dal Virginia al Colorado per curare la figlia di 9 anni, che soffre di attacchi epilettici, con l’olio di cannabis. C’è una lista d’attesa di mesi per i pazienti che vogliono avere l’olio Charlotte’s Web.

“Negli ultimi mesi, più di cento famiglie si sono trasferite a Colorado Springs per l’olio, e molte madri si stanno organizzando politicamente per legalizzare l’uso terapeutico della marijuana contro l’epilessia,” ha scritto Reporter dalla Virginia.

Nel frattempo, sempre più stati stanno considerando la depenalizzazione, specialmente quando si tratta di marijuana destinata ai bambini con l’epilessia.

Il mese scorso, il senato della Florida ha approvato quasi all’unanimità un disegno di legge che consentirà l’uso dello Charlotte’s Web per il trattamento dell’epilessia. Tom Corbett, governatore di Philadelphia, è recentemente diventato a favore del trattamento di bambini epilettici con l’olio di cannabis, e la scorsa settimana un’undicenne gravemente epilettico è diventato il primo bambino in Nuova Zelanda a essere curato con la cannabis.

Fino a poco tempo fa, la guerra alle droghe aveva inibito la nostra capacità di comprendere i potenziali benefici di una pianta così importante. Ma la situazione sta cambiando, anche grazie ai medici che hanno visto risultati positivi persino nei bambini.

“È necessario fare più ricerca, e la cannabis deve essere rimossa dalla lista delle droghe di tipo 1,” ha detto Goldstein, che vuole che il governo capisca quanto sia grande l’impatto che la marijuana può avere sulla vita dei pazienti e le loro famiglie.