RICORDA: Google memorizza tutto quello che cerchi, da sempre

E ora puoi scaricare l'intera cronologia delle tue ricerche, dalla prima volta che hai aperto Google a oggi.

|
21 aprile 2015, 3:09pm

Per sempre. Immagine: Keso S/Flickr

La mia prima ricerca Google—la prima che Google ricordi, almeno—è stata "tetanus shot." La più recente, invece, "Tracy Morgan." Nel mezzo, ci sono altre 52.493 ricerche e Google se le ricorda tutte.

La cosa non dovrebbe sorprenderci. So che a Google non sfugge niente di me—e lo sapete anche voi. Con i suoi algoritmi e i suoi strumenti di analisi, sa più cose di me di quante ne sappia io stesso (statisticamente, le mie ricerche più frequenti su Google avvengono alle 10 di mattina nei martedì di marzo.) Ma nell'insieme è ancora un po' inquietante vedere la cronologia di ogni singola ricerca Google che hai fatto.

​L'azienda ora dà la possibilità di scaricare quella cronologia dai suoi server. In un file ZIP puoi avere tutta la cronologia di ogni minima stranezza che ti è balzata nella testa nel corso degli anni, di ogni ristorante di cui hai cercato la recensione, di ogni film di cui volevi leggere la critica.

Screengrab: Google

Google ha registrato tutte le volte in cui hai cercato soluzioni per i postumi o sintomi strani per una autodiagnosi. Conosce l'indirizzo dell'ospedale in cui sei andato a trovare una persona e sa che non conoscevi l'indirizzo per andare al suo funerale una settimana dopo. Sa di tutte le volte in cui hai cercato dei porno senza entrare in modalità incognito.

Ripeto, non voglio dire che si tratti di una scoperta sorprendente, ma colpisce. Sappiamo bene che Google collega le informazioni che ha su di te ai prodotti che ti vuole vendere per personalizzare gli ad e facilitare la tua navigazione. Magari a te sta anche bene—molte persone scambiano la loro privacy per questione di convenienza, o per qualcosa che non costa denaro. Ma se invece non ti stesse bene?

Puoi ​cambiare le impostazioni di modo che Google non colleghi le tue ricerche al tuo account. Si tratta di un inizio, ma Google continua comunque a loggare le ricerche in base agli indirizzi IP, che possono ancora essere potenzialmente collegati a te. Potresti anche usare Duck Duck Go, "il motore di ricerca che non ti traccia."

Ovviamente, Google non è l'unico a usare la tua cronologia delle ricerche. I suoi dati possono essere, e spesso lo sono, usati dallo stato o dalle forze dell'ordine. Nella prima metà dell'anno (i dati più recenti non sono disponibili) gli USA hanno fatto richiesta di dati privati a Google 12.539 volte. Google ha acconsentito nell'84 percento dei casi. Si pensa che anche la NSA possa metterci mano. Google dice che "sei l'unico a poter vedere la tua cronologia," ma sarà vero?