Questi ricercatori hanno scoperto come trasformare la plastica che buttiamo in carburante

Il processo messo a punto dai chimici dell'Università di Purdue funziona con il polipropilene, materiale con cui è fatto un quarto dei rifiuti di plastica nel mondo.

|
11 febbraio 2019, 12:27pm

Il mondo sta affogando nella plastica. Ogni anno, oltre 300 milioni di tonnellate di plastica raggiungono le discariche o la natura, dove il materiale impiegherà centinaia di anni per decomporsi, uccidendo nel frattempo una varietà incredibile di animali.

Un team di chimici all'Università di Purdue potrebbero aver trovato una soluzione parziale ai nostri guai. Come spiegato in un paper pubblicato la settimana scorsa su Sustainable Chemistry and Engineering, i chimici hanno scoperto un modo per convertire il polipropilene — un tipo plastica comunemente usata per giocattoli, strumenti medici e prodotti di imballaggio come i sacchetti delle patatine — in un carburante simile al gasolio e al diesel. I ricercatori hanno detto che questo carburante è abbastanza puro da essere usato come miscela, uno dei composti del carburante usato per i veicoli motorizzati.

I rifiuti di polipropilene corrispondono solo a meno di un quarto dei 5 miliardi di tonnellate di plastica che — secondo le stime — abbiamo accumulato nelle discariche di tutto il mondo negli ultimi 50 anni.

Per trasformare il polipropilene in carburante, i ricercatori hanno usato acqua allo stato supercritico, una fase in cui mostra caratteristiche sia liquide che gassose, a seconda delle condizioni di pressione e temperatura. I chimici della Purdue Linda Wang e colleghi hanno riscaldato l'acqua tra i 380°C e i 500°C, a una pressione circa 2300 volte superiore di quella atmosferica a livello del mare.

Quando il polipropilene purificato è stato aggiunto all'acqua in stato supercritico, si è convertito in olio in qualche ora, in base alla temperatura. A circa 454°C, il tempo di conversione è sceso sotto l'ora.

I risultati del processo includevano olii simili al gasolio e al diesel. Stando ai ricercatori, il processo di trasformazione potrebbe essere usato per convertire circa il 90 percento dei rifiuti di propilene mondiali prodotti ogni anno in carburante.

"Lo smaltimento dei rifiuti di plastica, sia che si parli di riciclo che di scarto, non implica la fine della storia," ha detto Wang. "La plastica si degrada lentamente e rilascia microplastiche e sostanze chimiche tossiche nella terra e nell'acqua. È una catastrofe perché una volta che questi agenti inquinanti raggiungono l'oceano, è impossibile recuperarli completamente."

Il primo e più ovvio beneficio di questo nuovo processo di conversione è la possibilità di pulire l'ambiente, trovando un uso per i rifiuti di plastica. Ma come ha spiegato Wang in una dichiarazione, il fatto che il carburante prodotto possa essere venduto, è un incentivo non da poco per spingere l'industria del riciclo ad adottare la tecnica.

Indubbiamente, come ha sottolineato Wang, il fattore temporale è essenziale quando si parla di implementare strategie di riciclo efficaci. Ogni anno che passiamo senza fare niente, milioni di tonnellate di plastica contaminano gli oceani, finendo per essere mangiate dagli animali e per uccidere le barriere coralline. Questo tipo di plastica è notoriamente difficile da ripulire e rappresenta una minaccia sempre più grave all'intero ecosistema oceanico, la cui compromissione può portare a un effetto domino di crisi ambientali per tutto il pianeta.

Non è chiaro quanto sarà complesso implementare questo processo di conversione della plastica su ampia scala, ma almeno per una volta sempre che possa davvero esistere un "grande futuro per la plastica."

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.