Perché dovremmo bere il latte di scarafaggio

Sì, seriamente.

|
27 luglio 2016, 2:15pm

Scusate davvero. Immagine: Wikipedia/Preiselbeere; Wikipedia/Larry D. Moore

È inutile girarci intorno, meglio parlarsi chiaro subito: sì, c'è una razza di scarafaggi che partorisce la prole senza fare le uova e——produce un "latte" che, a detta degli scienziati, dovremmo proprio bere.

Un bel respiro profondo, su. Sembra che la Diploptera punctata—una blatta piccola e simile a un chicco di caffè che in inglese è nota come Pacific beetle cockroach—sia in realtà vivipara, il che significa che partorisce i propri rampolli già formati e vivi, invece che incubarli nelle uova. Durante lo sviluppo, le piccole larve di scarafaggio vengono nutrite con una secrezione prodotta dalla madre. Quasi tutti i mammiferi sono vivipari, mentre per gli insetti è decisamente un'eccezione.

Consci di questo delizioso fatto, un gruppo di biologi dell'Institute for Stem Cell Biology and Regenerative Medicine in India ha deciso di scoprire se i cristalli di proteine del latte trovati nelle interiora dello scarafaggio fossero analoghe in qualche modo al contenuto del latte umano o vaccino. Quello che hanno scoperto è una sostanza incredibilmente ricca di proteine, dotata di un valore calorico tre volte quello del latte di bufala. In aggiunta a questo contenuto altamente proteico, il liquido è risultato anche molto stabile e caratterizzato da un meccanismo per il rilascio controllato dei nutrienti. Per questo motivo, i ricercatori credono che, una volta sintetizzato con successo, il latte di scarafaggio potrebbe essere uno dei super-cibi sostenibili del futuro.

"I cristalli sono come un cibo completo—hanno proteine, grassi e zuccheri. Se si guarda la sequenza delle proteine, ci sono tutti gli amminoacidi essenziali," ha detto a Times of India Sanchari Banerjee, co-autore dello studio che è stato pubblicato di recente su Internationa Union of Crystallography.

Banerjee e colleghi sono riusciti a sequenziare il latte del Pacific beetle cockroach, che deve la sua potenza nutritiva alle speciali proteine ancorate ai lipidi, chiamate cristalli Lili-Mip. Ma per farlo, il gruppo ha prima dovuto estrarre delicatamente il liquido dallo stomaco degli embrioni in crescita. Il processo ha richiesto circa 54 giorni di lavoro in laboratorio, e ha prodotto la quantità di latte che chiunque si aspetterebbe di poter raccogliere dalle pance di minuscoli scarafaggi.

Ovviamente, accumulare grosse quantità di questo prodotto non è proprio fattibile. Ma con la sequenza genetica delle proteine in mano, i ricercatori sperano di sintetizzare quantità maggiori di latte di scarafaggio in laboratorio. Non solo questo latticino alternativo potrebbe essere usato come fonte di acidi grassi e calorie per le popolazioni malnutrite, ma potrebbe anche fare bene all'ambiente.

Nel tragitto dalla mucca ai nostri frigoriferi, il latte che beviamo genera un'impronta di carbonio non da poco. Secondo uno studio commissionato dall'Innovative Center of US Dairy nel 2010, il due percento delle emissioni di gas serra della nazione sono legate ai trasporti del latte—parliamo di circa 8 kg di anidride carbonica per gallone. A livello mondiale, l'industria dei latticini è responsabile del quattro percento delle emissioni di carbonio.

Per quanto riguarda i vegani, le alternative derivate dalle piante non sono tanto meglio. Il latte di mandorla, che è composto essenzialmente di detriti di frutta secca annacquati, è stato di recente oggetto di aspre critiche, dopo che i consumatori si sono accorti di quanta acqua sia necessaria per produrlo. E Soylent, che sostiene di essere il cibo del futuro, sta affrontando ancora diverse difficoltà, come il fatto che la maggior parte delle persone, incredibilmente, ama mangiare.

Il latte di scarafaggio diventerà una panacea per i problemi legati alla fame e alla sostenibilità? Solo a patto che le persone riescano a superare l'avversione che provano all'idea di bere succo di insetto. Ad ogni modo, a mali estremi, estremi rimedi, e se l'obiettivo degli scienziati è semplicemente quello di riprodurre i cristalli che si trovano nel latte di scarafaggio, è davvero la stessa cosa?

"Sono davvero stabili. Potrebbero costituire un ottimo supplemento di proteine," ha detto Subramanian Ramaswamy, co-autore dello studio. "Se ciò che serve è un cibo che abbia un alto contenuto proteico e un meccanismo a rilascio controllato dei nutrienti, questo è un esempio perfetto."

Va bene, promettiamo di pensarci.