Bild: Jon Sullivan/Wikimedia Commons

I corvi sono così intelligenti da aver hackerato l'esperimento di questi ricercatori

Un gruppo di ricercatori ha dovuto rimuovere un corvo da un esperimento perché temevano avrebbe insegnato agli altri corvi come hackerarlo.

|
lug 14 2017, 12:41pm

Bild: Jon Sullivan/Wikimedia Commons

Credo che questo sia il primo capitolo dell'Alba del Pianeta dei Corvi.

Infatti, questi uccelli sono così intelligenti che riescono a organizzarsi in vista degli eventi futuri — un'abilità osservata solamente negli umani e nei grandi primati — e riescono a rifiutare una ricompensa immediata perché consapevoli di poterne ricevere una migliore in futuro. È ciò che afferma un nuovo studio pubblicato in questi giorni su Science.

I corvi, assieme alle ghiandaie, appartengono alla famiglia dei corvidi, noti per la loro intelligenza: studi precedenti hanno approfondito la nostra conoscenza delle ghiandaie dell'Eurasia, per esempio, e ci hanno mostrato come immagazzinino cibi per uso futuro. Ma in molti hanno affermato come questa loro abilità di stoccare cibo per il futuro sia il limite delle loro abilità di pianificazione.

Video: Can Kabadayi e Mathias Osvath. GIF: Jacob Dubé

In questo studio, i ricercatori della Lund University in Svezia hanno addestrato dei corvi a lasciar cadere una piccola pietra in un tubo di un macchina che in cambio restituisce del cibo. In seguito, i corvi sono stati posizionati in una stanza munita della macchina, che poi è stata rimossa, ma senza pietre. Ancora, dopo un'ora, agli uccelli è stata mostrata una serie di oggetti: una pietra e diverse oggetti diversi e inutili allo scopo. Quasi ognuno di loro ha scelto la roccia, e l'86 percento è riuscita a sfruttarla per mettere in funzione la macchina che è stata avvicinata a loro circa quindici minuti dopo.

In un altro esperimento, il 78 percento dei corvi è riuscito a barattare con un umano per scambiare un tappo di bottiglia con una ricompensa, un tasso di successo maggiore di quello riscontrato in esperimenti simili svolti con primati.

Ho chiesto un parere su Skype a Can Kabadayi, dottorando in scienze cognitive e co-autore del paper. (Nella sua foto del profilo, lui ha un corvo appollaiato sulla testa e uno sulla spalla.)

Mi ha descritto come uno degli esperimenti ha preso una piega inattesa: un corvo ha capito come interagire con la scatola della ricompensa, poi ha iniziato ad insegnare il metodo agli altri corvi e, infine, ha elaborato il proprio metodo personale. Invece di infilare un sassolino per sbloccare la ricompensa, il futuro Sovrano del Regno dei Corvi ha ammassato una serie di rametti nel tubo per poi spingere un altro rametto lungo il tubo e forzarlo. L'uccello è stato rimosso dall'esperimento prima di poter insegnare ad altri esemplari il suo metodo.

Kabadayi mi ha spiegato come sia scontato che le scimmie abbiano tratti cognitivi simili agli esseri umani — come la capacità di pianificare il futuro — perché sono i nostri antenati più vicini. L'evoluzione di corvidi come i corvi è talmente lontana dalla nostra che potrebbe implicare che abbiano sviluppato questa capacità per i propri motivi specifici. "I corvi sono dinosauri-volatili il cui antenato comune con i mammiferi risale a circa 320 milioni di anni fa," viene sottolineato nel paper di Science.

"Si tratta di un'evoluzione indipendente della complessità cognitiva, un'idea affascinante, perché dimostra come l'evoluzione ripropone delle buone soluzioni. In questo caso, le capacità di pianificazione", ha detto Kabadayi.

Il fatto che i corvidi abbiano un cervello delle dimensioni di una noce non è per forza svantaggioso. Uno studio pubblicato l'anno scorso ha rivelato che, anche se i loro cervelli sono molto più piccoli di quelli di alcune scimmie, come la scimmia cappuccina, in certe aree dei cervelli dei corvidi e dei pappagalli di grandi dimensioni sono presenti un gran numero di neuroni. Kabadayi ha detto che le loro velocità di connessione potrebbe essere ancora maggiore di quella dei mammiferi a causa della grande concentrazione e prossimità di questi neuroni.

"Sì è sempre pensato al cervello degli uccelli come limitato, quasi come se cervello-da-uccello fosse un insulto, ma dovrebbe essere un complimento," ha detto Kabadayi. Quanto a quell'uccello che ha capito come hackerare l'esperimento, lui ei suoi colleghi l'hanno soprannominato "il piccolo ingegnere."

Kabadayi mi ha detto che le persone sono affascinate da corvidi soprattutto perché rappresentano alcuni tra gli animali più intelligenti con cui interagiscono su base quotidiana. Certo, le scimmie possono risultare spaventose, ma non vi guardano mentre vi incamminate verso la vostra auto o rubano coltelli da una scena del crimine a sorpresa. Di sicuro, abbiamo un rapporto molto più personale con loro.