Quantcast
net neutrality

Questo 'simulatore di mondo senza net neutrality' ti farà venire i brividi

In questo videogioco sei tu a decidere quali connessioni rallentare, velocizzare o chi disconnettere completamente da internet.

Federico Nejrotti

Federico Nejrotti

Ogni volta che la mia connessione internet non carica alla solita velocità mi chiedo quale possa essere il problema: penso ai download in corso, agli aggiornamenti in background, alle mie schede aperte. Se nessuna di queste opzioni nella lista viene spuntata e i rallentamenti risultano inspiegabili mi immagino sempre un piccolo omino dentro il mio modem che si strofina soddisfatto le mani mentre con un piede schiaccia i piccoli tubi che trasportano i dati di cui ho bisogno.

Ora — A quanto pare gli omini dentro ai modem non ci sono ancora, ma considerato come è andata negli ultimi mesi la battaglia per la net neutrality questi rallentamenti inspiegabili potrebbero presto diventare perfettamente comprensibili e 'Packets, Please!', un nuovo 'simulatore post-net-neutrality' sviluppato durante l'ultima Global Game Jam, li spiega perfettamente.

Segui Motherboard Italia su Facebook e Twitter.

Il simulatore, che si può giocare direttamente online alla pagina Itch.io di Cosmic Adventure Squad, si ispira interamente a 'Papers, Please', il videogioco del 2013 di Lucas Pope in cui il giocatore indossa i panni di una guardia di frontiera che deve decidere chi può entrare nel "glorioso stato di Arstotzka". In 'Packets, Please!' si fa può o meno lo stesso, ma anziché dare il lasciapassare a persone fisiche, si decidono le sorti delle connessioni dati di cittadini di tutto il mondo.

L'idea è di fornire ai giocatori uno vero e proprio simulatore di vita dopo la net neutrality, per cercare di spiegare in che modo la vita di chiunque potrebbe essere influenzata dalle politiche di neutrality della rete stando dalla parte della barricata che decide chi può avrà la priorità a connettersi a internet. Il giocatore, all'inizio di ogni giorno di gioco, riceverà delle istruzioni da CosmoCast, il provider internet per cui lavora, e dovrà quindi procedere a rallentare, velocizzare o disconnettere da internet gli utenti sulla base dei criteri decisi dall'azienda.

Immagine: Packets, Please — Cosmic Adventure Squad

Se hai un abbonamento Gold hai diritto a 200 gigabyte di traffico giornaliero, con un Silver a 100 e con un Bronze ad appena 50. Inoltre, con il passare dei giorni, CosmoCast diffonderà nuove direttive basate sull'anzianità di abbonamento dei clienti, sui servizi da loro utilizzati e addirittura sul loro paese di provenienza. Il gioco ci mette poco a costringere il giocatore a passare gran parte del tempo a rallentare costantemente le connessioni degli abbonati.

'Packets, Please!' è un progetto embrionale sviluppato nell'arco di 48 ore, ma benché le novità del gioco si esauriscano in poche decine di minuti, riesce a fornire uno sguardo immediato a un mondo senza net neutrality, una realtà che più passano i mesi più sembra plausibile.

Segui Federico su Twitter: @nejrottif