I fondatori di Liberland sono stati arrestati

I 12 attivisti sono stati arrestati dalla polizia croata per aver violato i confini della nazione che hanno autoproclamato.

|
mag 21 2015, 11:43am

Gli abitanti di Liberland, quel paese autoproclamato e il cui motto ufficiale è "vivi e lascia vivere," sono finiti in un sacco di guai ultimamente.

La Repubblica Libera di Liberland è nata in aprile dopo che il politico ceco Vit Jedlička si è recato in una zona geografica contesa sul confine serbo-croato e ci ha piantato una bandiera. Da allora, Jedlička e i suoi compagni attivisti si sono scontrati, fino anche all'arresto, con i paesi vicini.

Sabato sera, 12 coloni di Liberland, incluso Jedlička stesso, sono stati fatti prigionieri dalla polizia croata mentre cercavano di sbarcare sul neo-inventato suolo di Liberland, questo secondo la Liberland Settlement Association (LSA), un gruppo a sostegno della nazione.

Liberlanders in court. Image: Liberland Times

I liberlandiani arrestati stavano navigando in acque internazionali sul fiume Danubio quando la polizia croata ha spinto le loro tre piccole barche fino a riva. A quanto pare i poliziotti hanno portato gli attivisti, che sono tutti cittadini europei, in una stazione di polizia nella città di Draž contro la loro volontà.

Un esponente della LSA ha detto a Motherboard che i liberlandiani hanno passato la notte in cella ma che sono stati poi rilasciati. "Sono stati giudicati colpevoli di aver attraversato un confine illegalmente e sono stati multati," ha detto il portavoce.

Il fazzoletto di terra che Liberland occupa è stato conteso per decenni. Si trattava prima di terreno non reclamato ma sotto il controllo della Croazia, che ora afferma che non riconoscerà Liberland come nazione. La LSA dice che Liberland ha diritto di proprietà, citando una deposizione del loro consulente legale, il professor Thomas W. Bell della Chapman University.

"I territori non reclamati da altre nazioni si qualificano come terra nullius secondo la legge internazionale—terre di nessuno," ha detto Bell. "I liberlandiani vogliono semplicemente stabilirsi in un posto che nessun altro vuole."

L'organizzazione ha detto che le azioni della polizia croata violano l'articolo 49 della Quarta Convenzione di Ginevra, che proibisce la deportazione e il trasferimento forzato di individui che occupano un territorio.

"Faranno appello ad un tribunale di grado superiore perché non hanno attraversato il confine verso la Croazia e quindi non sono colpevoli," ha detto a Motherboard il portavoce della LSA.

Liberland's president heading to Liberland from Serbia. Image: Liberland Times

I liberlandiani non sembrano volersi arrendere tanto presto. La LSA ha stabilito un campo base in Serbia munito di energia elettrica e connessione internet da cui gli attivisti stanno lavorando giorno per giorno su ciò che serve per far diventare la nazione auto-proclamata un insediamento permanente.

"Facciamo appello alle autorità croate perché interrompano le ostilità contro i coloni pacifici di Liberland, e perché non violino di nuovo le leggi internazionali," ha detto il presidente della LSA Nicklas Nikolajsen in un comunicato. "Lasciateci sulla nostra isola in pace e creare lì una nuova società aperta a tutti."