Questo studio sul cambiamento climatico è così angosciante che potrebbe mandarti in terapia

In media, un paper accademico è letto da una manciata di persone. "Deep Adaptation" è stato letto da almeno 100.000 persone — e molte di loro non l'hanno preso bene.

|
08 marzo 2019, 11:00am

L'autrice, con il paper "Deep Adaptation". Foto: VICE

Se vi dicessi che esiste un paper sul cambiamento climatico così catastrofico, in grado di alterare per sempre la nostra prospettiva sul mondo e deprimente che sta spedendo le persone dritte in gruppi di sostegno e le ha convinte a mollare il lavoro e trasferirsi in campagna?

Buone notizie: esiste davvero. Si intitola "Deep Adaptation: A Map for Navigating Climate Tragedy". L'ho scoperto grazie a una soffiata improbabile — un tizio che lavorava nella pubblicità e che ha mollato il suo lavoro per diventare un'ambientalista a tempo pieno. "Siamo fottuti," mi ha detto. "Il cambiamento climatico ci fotterà alla grande. Ho pensato 'forse mi conviene arrendermi a questo paper e trasferirmi nella campagna scozzese, in attesa dell'apocalisse?'"

"Deep Adaptation" non è come tutti gli altri paper accademici. Un po' è questione di linguaggio ("stiamo per giocare alla roulette russa con l'intera razza umana e abbiamo già due proiettili in canna"). Un po' di humor feroce ("stavo scherzando solo in parte, prima, quando mi sono chiesto che senso avesse persino scrivere questo paper"). Ma, soprattutto, è per le conclusioni senza scampo a cui giunge a proposito del nostro futuro. È troppo tardi per impedire al cambiamento climatico di devastare il pianeta — e il "collasso nel prossimo futuro è inevitabile."

Quanto prossimo? Diciamo dieci anni.

"È ora di considerare che sia già troppo tardi per evitare una catastrofe ambientale globale nell'arco della vita delle persone vive oggi."

Il professore Jem Bendell, che si occupa di sostenibilità all'Università di Cumbria, ha scritto il paper dopo aver preso un anno sabbatico alla fine del 2017 per revisionare e comprendere tutta la scienza recente relativa al clima "a fondo — senza girarci intorno," per dirla con le parole che ha usato al telefono con me.

Quello che ha scoperto lo ha terrorizzato. "Le prove ci dicono che siamo sull'orlo di un cambiamento climatico incontrollabile e devastante, che porterà fame, distruzione, migrazioni, malattie e guerre," ha scritto nel paper. "Le nostre norme di comportamento — la cosiddetta 'civiltà' — potrebbero degradarsi a loro volta."

"È ora," ha aggiunto, "di considerare che sia già troppo tardi per evitare una catastrofe ambientale globale nell'arco della vita delle persone vive oggi."

Persino una testa dura come me è consapevole di alcune delle cose che Bendell elenca. 17 degli ultimi 18 anni più caldi sono stati dopo il 2000. Gli scienziati credono già che presto non resterà più ghiaccio in Artico, e questo accelererà ancora di più il riscaldamento globale. E siamo nel pieno della sesta estinzione di massa.

Erik Buitenhuis, ricercatore del Tyndall Centre for Climate Change Research, mi ha detto che le conclusioni di Bendell possono suonare estreme, ma che in generale si trova d'accordo. "Credo che il collasso della nostra società sia inevitabile," ha detto, pur aggiungendo che "Il processo potrebbe richiedere da qualche decennio a qualche secolo."

La cosa più importante, ha detto Buitenhuis, è capire che gli effetti negativi del cambiamento climatico sono già reali: "È più probabile che, nei prossimi dieci anni, vedremo un deterioramento sempre più grave piuttosto che un disastro talmente grande da convincerci tutti che siamo spacciati."

"Il paper di Jem è ricco di fonti e riferimenti scientifici conclamati," ha detto il Professor Rupert Read, a capo del think-tank Green House e filosofo dell'Università di East Anglia. "Ecco perché sono con lui sui fondamenti. E non sono il solo."

"Quando parlo di fame, distruzione, migrazioni, malattie e guerre, intendo nella vita di ognuno di noi."

Read non è d'accordo con Bendell solo sull'idea che ci sia ancora tempo per scamparla; ha detto "è da arroganti pensare di sapere cosa ci riserva il futuro." Ma questo non significa che la premessa di Bendell sia sbagliata: "per come la vedo io, operare un adattamento radicale vuol dire farsi un'assicurazione rispetto alla possibilità — o probabilità — di un collasso," ha detto Read. "'Deep Adaptation' ci dice, 'cosa dobbiamo fare se il collasso è veramente una cosa con cui fare i conti?'"

Quando ho parlato con Bendell, mi ha detto che per lui "Deep Adaptation" è soprattutto un quadro etico e filosofico, più che una profezia. "Più ci rifiutiamo di parlare del cambiamento climatico come di qualcosa che sta già rovinando delle vite — perché non vogliamo pensarci, perché fa troppa paura o ci manda nel panico — meno tempo abbiamo per contenere i danni," ha detto.

Cosa intende per danni? "La fame è il primo," ha risposto, portando a esempio i raccolti di grano ridotti in Europa nel 2018 per via della siccità — abbiamo raccolto 6 milioni di tonnellate di grano in meno, per intenderci. "Nella comunità scientifica al momento, la cosa appropriata da dire è che il 2018 è stata un'anomalia. Ma se guardi a cosa è successo negli ultimi anni, non è vero. C'è una possibilità che il 2018 sia il nuovo miglior scenario possibile."

Il che significa, secondo Bendell, che i governi devono cominciare a fare piani di emergenza in risposta al cambiamento climatico, compreso coltivare e fare scorta di cibo extra.

Nel paper non si perde in eufemismi: "Quando parlo di fame, distruzione, migrazioni, malattie e guerre, intendo nella vita di ognuno di noi. Se crollano le infrastrutture energetiche, presto non avrete più acqua dal rubinetto. Dipenderete dai vicini per il cibo e un riparo. Farete la fame. Non saprete se restare o andarvene. Avrete paura di finire ammazzati brutalmente, prima di morire di fame."

Quindi dobbiamo costruire bunker e comprare giubbotti antiproiettile? "Non c'è modo di uscirne, se non tutti insieme," ha detto. "Dobbiamo aiutare le persone a restare nutrite e idratate dove sono, per ridurre la crisi civile il più possibile." Dei manager di Silicon Valley che si preparano all'apocalisse in Nuova Zelanda, ha detto: "Quando i soldi non avranno più valore e le guardie armate devono nutrire i propri figli affamati, cosa pensi che faranno? Quei miliardari sono degli illusi."

"Quando ho pubblicato il paper, non mi aspettavo che dei quindicenni in Indonesia lo leggessero con i loro insegnanti"

Bendell non è sempre stato così tetro. Una volta lavorava per il WWF e nel 2012 ha fondato l'IFLAS (Institute For Leadership And Sustainability ) all'Università di Cumbria. Il World Economic Forum lo ha nominato uno Young Global Leader per il suo lavoro. Come è finito a scrivere un paper per cui la civiltà — e la sostenibilità ambientale per come la intendiamo ora — sono fritte?

"Sono un ambientalista da quando avevo 15 anni," mi ha detto. "Ho dedicato la mia vita professionale e personale alla causa della sostenibilità." Una volta che ha analizzato davvero a fondo i dati, però, si è accorto che il suo campo era del tutto irrilevante davanti alla catastrofe imminente.

Quel che non si aspettava era che il paper diventasse virale. "Era pensato per chi appartiene alla mia comunità professionale," ha detto. "Quando l'ho buttato fuori, non mi aspettavo che dei quindicenni in Indonesia lo leggessero con i loro insegnanti." Ha detto che "Deep Adaptation" è stato scaricato 110.000 volte da quando è stato pubblicato da IFLAS. "Una persona del giro delle economie alternative e dei bitcoin mi ha detto, 'Oh, tutti parlano di Deep Adaptation a Londra alle cene,'" ha riso.

I ricercatori dell'IPPR (Institute for Public Policy Reserch), un affermato think-tank progressista, hanno consultato il paper di Bendell per scrivere il loro nuovo report, "This is a crisis: Facing up to the age of environmental breakdown". Laurie Laybourn-Langton, autore principale, mi ha detto via email: "Apprezzo la franchezza del report nel parlare di problemi che così tante persone sembrano non voler affrontare. Ma non sottoscriviamo la visione per cui il collasso sociale è inevitabile."

Ha spiegato: "Questo in parte perché è difficilissimo predire i risultati di processi complessi e incerti come gli shock ambientali che interagiscono con i sistemi sociali ed economici. Non possiamo saperlo. Detto questo, non vanno neanche minimizzati — per questo chiediamo livelli maggiori di preparazione a questi shock."

1551200609387-JFC8HA
Gli effetti della siccità sulle mucche in Ethiopia. Foto: TheImage / Alamy Stock Photo

Non tutti sono super ok con il paper, però. Bendell l'ha inviato a una rivista accademica molto rispettata perché fosse pubblicato, senza successo. Il Sustainability Accounting, Management and Policy Journal (SAMPJ) mi ha detto che il paper aveva bisogno di "grosse revisioni" prima di poter essere pubblicato. Bendell ha finito per pubblicarlo tramite l'IFLAS e il suo blog. "Il processo accademico è tale che l'ho preso come un rifiuto a tutti gli effetti," mi ha spiegato, dicendo che i revisori volevano che cambiasse le sue conclusioni. "Non potevo riscriverlo da capo e dire che non pensavo che il collasso fosse inevitabile. Era chiedermi un altro paper."

Emerald, l'editore proprietario di SAMPJ, ha detto che il problema sta in come Bendell inquadra i riscontri del suo paper sul suo blog: "lo studio sul collasso che non vogliono che tu legga — per ora." Un portavoce mi ha detto: "La decisione è stata presa sulla base del merito del documento inviato e una revisione consona agli standard accademici. Non c'è ragione di ritenere che sia stata una decisione politica."

"Emerald ha chiesto all'autore di correggere il blog post per riflettere i fatti. Questa richiesta è stata ignorata. Il post continua a sostenere implicitamente che il paper sia stato rifiutato perché troppo controverso. Il paper non è stato rifiutato, ha subito una revisione consistente per via degli standard rigorosi della pubblicazione."

Bendell dice di aver risposto alle richieste di Emerald di redarre il post — ma solo se avessero considerato di rivelargli le decisioni dei revisori (per regola, le decisioni dei revisori accademici sono anonime). "Quel titolo può essere letto in molti modi," ha detto. "È un paper che i revisori non hanno voluto farvi leggere. Non hanno voluto pubblicarlo."

Leggerlo lo ha gettato in un baratro depressivo. "In un certo senso, è come se mi avessero diagnosticato una malattia terminale"

Il senso di angoscia e fine del mondo relativo al clima non è niente di nuovo — i prepper fanno scorta di cibo secco da decenni. Ma il paper di Bendell sembra avere colpito un nervo particolare, soprattutto se consideriamo che un paper scientifico — in media —viene letto solo da una manciata di persone. Rupert Read mi ha detto che gli è stato inviato contemporaneamente da tre altri accademici quando è comparso online. Ma non è diventato virale su Twitter. Non è stato spinto da una persona famosa. È stato menzionato brevemente da un articolo di Bloomberg Businessweek, fine.

"Deep Adaptation" è un fenomeno sociale unico: un paper accademico che diventa virale per passaparola.

Nathan Savelli, insegnante del liceo di Hamilton, Canada, ha ricevuto il paper da un ambientalista locale. Leggerlo lo ha gettato in un baratro depressivo. "In un certo senso, è come se mi avessero diagnosticato una malattia terminale," mi ha detto. "Se posso essere onesto, è stato un misto di tristezza intollerabile ed estrema rabbia."

Savelli si è sentito così giù che ha cercato l'aiuto di un gruppo di supporto organizzato da 350.org, un movimento ambientalista globale. "Sono andato alle sedute in passato per altri problemi, ma mai una di gruppo, e ho pensato che poteva aiutarmi," mi ha detto. È stato così? "Non sono certo che abbia ridotto il mio dolore, ma è stato confortante stare con gente che capiva come mi sento."

E qui sta il problema di "Deep Adaptation": Se accetti che il paper sia interamente corretto nel predire il collasso, come fai a continuare a vivere? Come fai anche solo ad alzarti dal letto al mattino?

"Sono consapevole delle emozioni difficili che scatena," ha ammesso Bendell. "Penso assolutamente che, se ti imbatti nel [paper], dolore e disperazione sono reazioni naturali. Perché non è OK? Moriamo tutti, prima o poi. La vita è caducità." Sul suo blog, elenca diverse fonti di supporto psicologico, compresi gruppi Facebook e LinkedIn che discutono l'argomento e offrono aiuto a chi non riesce a farci i conti da solo.

Ma, ha aggiunto Bendell, leggere il paper è stata un'esperienza "di trasformazione" per qualcuno. "Le persone trovano la spinta per vivere secondo i propri termini — connettendosi con i propri desideri. Come vorresti vivere e perché non lo fai ora, anziché rimandare?"

In un caso, ha persino spinto un'accademica di alto livello a mollare il lavoro e la città. A dicembre 2017, la dottoressa Alison Green ha lasciato il suo posto come vice-cancelliere dell'Università di Arden. Aveva letto il report dell'IPCC — che avvertiva che il pianeta non sta evitando neanche un po' l'aumento delle temperature globali —, oltre alle 1.656 pagine del National Climate Assessment su come il cambiamento climatico sta condizionando drammaticamente le nostre vite — e poi ha letto il paper di Bendell.

Le tre cose combinate l'hanno convinta a fare un cambio di vita drastico. "Ciò che voglio è lasciare accademia e città. Me ne andrò in collina," mi ha detto al telefono. "Il mio piano è prendere una piccola tenuta e vivere più vicina alla natura."

Leggere il paper, ha detto, ha contribuito a cristallizzare la sua crescente angoscia rispetto ai ritmi e alle proporzioni del cambiamento climatico. "La cosa che mi ha sconvolto davvero è che un sociologo — non qualche fissato, ma un professore di un'istituzione affermata, con una carriera importante — dicesse che il collasso, a suo avviso, era inevitabile."

"Questa cosa," ha aggiunto, "ha avuto un effetto profondo su di me."

Non è la sola. Bendell stesso dice di stare ancora lavorando su quanto riconciliare del suo lavoro come accademico con le sue conclusioni sul futuro.

"Penso che il motivo per cui il mio discorso e il mio paper siano diventati virali è che è la prima volta che un sociologo dice queste cose in modo categorico," ha detto. "Non vogliamo affrontare niente di tutto questo. Ma è il momento di spezzare questo tabù e parlare seriamente di cosa fare ora."

@misszing

Questo articolo è apparso originariamente su VICE UK.