Un appello firmato da 15.000 scienziati di 184 paesi dice che siamo spacciati

Esperti di tutte le discipline, compresi molti premi Nobel, hanno ribadito che il futuro dell'umanità è appeso a un filo.

|
nov 15 2017, 12:03pm

Una folla di persone a un concerto a Parigi. Immagine: James Cridland/Flickr

Per più di 15.000 scienziati di 184 paesi una cosa è molto chiara: la salute e il benessere degli esseri umani presente e passato sono messi fortemente a rischio da cambiamento climatico, deforestazione, accesso all'acqua potabile, estinzione di alcune specie e crescita demografica.

Eminenti scienziati come Jane Goodall, E.O. Wilson, e James Hansen sono tra quelli che hanno co-firmato l'appello pubblicato lunedì sul BioScience. L'articolo, intitolato World Scientists' Warning to Humanity: A Second Notice, ha 15.372 firmatari in totale, provenienti da tutte le discipline scientifiche. Secondo alcuni è il documento formale più esteso mai firmato da degli scienziati.

Si tratta di una "seconda versione", un aggiornamento dell'originale World Scientists' Warning to Humanity, un documento pubblicato nel 1992, esattamente 25 anni fa. Firmato da 1.700 scienziati, inclusi molti vincitori di un Nobel, è un documento che mette in guardia sull'impatto dell'uomo che mette a "serio rischio il futuro che ci auguriamo per la società umana" e specifica molti trend preoccupanti.

Jane Goodall. Immagine: Urban Explorer Hamburg/Flickr

"Abbiamo scritto l'aggiornamento perché volevamo che il pubblico conoscesse la situazione attuale, ha detto William Ripple, un ecologista della Oregon State University coautore della seconda edizione. Con poche eccezioni, questi trend sono peggiorati tutti di molto, nel corso di 25 anni.

"Dal 1992, le emissioni di CO2 sono aumentate del 62 percento e la temperatura globale del 29, mentre l'abbondanza di forme di vita vertebrate è diminuita del 29 percento," ha detto Ripple a Motherboard.

I dati riportati dai ricercatori hanno rivelato che negli ultimi 25 anni si sono verificati:

  • Una riduzione del 26 percento nella disponibilità di acqua potabile pro capite.
  • Un aumento del 75 percento del numero di 'zone morte' nell'oceano
  • Una perdita di oltre 300 millioni di acri di foresta.

"Questi trend sono allarmanti. Abbiamo bisogno della natura per la nostra stessa sopravvivenza," ha detto.

Piante, animali, insetti, pesci e altre specie in natura hanno ruoli fondamentali come produrre ossigeno, pulire l'acqua, impollinare. Nel complesso, i beni e servizi offerti dalla natura hanno un valore stimato tra i 125 e i 145 trilioni di dollari l'anno. E con l'aggiunta di 2 miliardi di persone dal 1992 — un aumento della popolazione mondiale del 35 percento — questi servizi vitali sono sotto pressione costante, è scritto nell'articolo.

L'unico trend positivo è il risanamento dello strato di ozono, che ci protegge dai raggi ultravioletti. Nel 1987, le nazioni ONU si sono accordate con il Protocollo di Montreal per togliere dal commercio gli agenti chimici che danneggiavano l'ozono. L'uso crescente di energie rinnovabili è un altro trend positivo, ha detto Ripple.

C'era un piccolo focus sul cambiamento climatico nel documento del 1992, a suggeriva che fosse necessario eliminare l'uso di combustibili fossili. Alla conferenza ONU sul cambiamento climatico di Bonn, in Germania, che si è tenuta lunedì, un altro gruppo di scienziati ha messo in guardia sulla possibile crescita di emissioni di CO2 negli ultimi tre anni.

"Il cambiamento climatico esistei, ed è pericoloso. Non può che peggiorare," ha detto Johan Rockström, direttore esecutivo del Centro per la Resilienza di Stoccolma, un centro internazionale per la ricerca sulla sostenibilità, in pratica.

Le emissioni degli Stati Uniti dovrebbero crescere del 2.2 percento nel 2018 più che altro perché sono previsti venti freddi. Le emissioni di Cina e India stanno ancora crescendo, anche se in misura minore rispetto ad anni fa.

Immagine: NASA/Wikimedia Commons

"La notizia che le emissioni stanno aumentando dopo tre anni di iato è un grosso passo all'indietro per l'umanità," ha detto Amy Luers, direttore esecutivo di Future Earth, un'organizzazione internazionale di ricerca scientifica nel campo sella sostenibilità.

Le emissioni devono essere vicino allo zero entro il 2050," ha detto Luers in un comunicato.

Ripple concorda sulla necessità di ridurre le emissioni di CO2 e aggiunge che il loro articolo contiene una serie di suggerimenti su come fare, inclusa la creazione di più parchi e zone verdi, vietare l'uccisione di animali selvaggi, proporre diete a chilometro zero, espandere i piani di educazione alle donne, e adottare in blocco energia rinnovabile e altre tecnologie "green".

"Lavorando insieme possiamo fare dei grandi progressi per il futuro dell'umanità e del pianeta da cui dipendiamo," conclude l'articolo ottimisticamente.

"Stiamo sperando che il nostro paper inneschi un dibattito pubblico su clima e ambiente," ha detto Ripple.

Comunque, nel 1992 i media avevano ignorato l'appello: secondo The New York Times e il Washington Post non era degno di nota.

Seguici su Facebook e Twitter