Quantcast
CRISPR

Sempre più gente modifica il proprio genoma in diretta su Facebook

"Voglio vivere in un mondo in cui la gente ubriaca invece che andare a farsi un tatuaggio decide di usare CRISPR su se stesso.”

Alessandro Tavecchio

Alessandro Tavecchio

Screenshot via: Facebook/Tristan Roberts

Josiah Zayner è un personaggio interessante. Poco più di 30 anni, un dottorato in biofisica dell’Università di Chicago, ha lavorato all’AMES Research Center della NASA. Ma la ricerca accademica lo annoia: troppo lenta, troppo poco innovativa. Zayner si inventa allora una start-up nel suo garage e comincia a vendere, grazie a un crowdfunding, un kit per utilizzare CRISPR-Cas9 nella cucina di casa: una sorta di piccolo chimico dell’ingegneria genetica.

Poi, questo ottobre, ha tentato di modificare il suo genoma durante un live su Facebook.
In teoria l’obiettivo dell’esperimento è rompere il gene della miostatina, che blocca la crescita dei muscoli, e sostituirlo con una proteina fluorescente, per verificare in quante e quali cellule è effettivamente riuscito ad arrivare CRISPR. Che succederà veramente? “I don’t know,” ammette Zayner durante la diretta. I rischi sono ovviamente numerosi, da semplici infezioni e infiammazioni fino al cancro, se Cas9 dovesse andare a tagliare nei posti sbagliati. La probabilità che funzioni, e si ritrovi con grossi muscoli fluo, è piuttosto remota.

Ma per Zayner non è importante l’efficacia o la sicurezza della procedura. A parole, quello che gli interessa è rendere queste tecnologie più democratiche e accessibili possibili, anche fuori da accademia e industria farmaceutica. “Voglio vivere in un mondo in cui la gente da ubriaca invece che andare a farsi un tatuaggio decide di usare CRISPR su se stesso,” ha dichiarato a Buzzfeed News.

Nonostante l’esuberanza, Zayner è sempre molto attento a quello che dice e scrive. Sa benissimo di muoversi in un’area grigia della legge: tutti i materiali che vende con la sua start-up sono accompagnati da disclaimer che ne proibiscono l’uso sull’uomo, e anche le sue guide su come ripetere a casa il suo esperimento con la miostatina o costruirsi un vaccino per il cancro fai da te sono da intendersi come “esercizio di libertà di espressione, senza finalità terapeutiche.”
Zayner è stata la prima persona ad auto-somministrarsi una terapia genica in diretta Facebook, ma solo per pochi giorni. Perché se per lui questa è una crociata libertario-transumanista per rendere la modificazione del proprio genoma un diritto universale, altri arrivano al biohacking per vie molto diverse.

Qualche giorno dopo in livestream è andato Tristan Roberts, programmatore ventisettenne, che nel 2011 ha scoperto di aver contratto l’HIV. All’inizio, seguendo la classica terapia con cocktail anti-retrovirale, Tristan riusciva a tenere sotto il controllo il virus: ma, dopo un problema con la sua assicurazione sanitaria, si è ritrovato improvvisamente senza possibilità di seguire una terapia tradizionale. A quel punto è stato contattato da Ascendence Biomedical, una start-up di 3 biohacker di inclinazione transumanista, che stava cercando delle cavie per una terapia genica umana per poi divulgare pubblicamente i risultati su internet.

“Sconsigliamo fortemente a chiunque veda questo video di ripetere l’esperimento a casa.“

Secondo quanto dichiarato a Gizmodo, il trattamento si basa sull’anticorpo N6, che in rari casi viene prodotto da pazienti infetti da HIV, e che da tempo è considerato uno dei migliori candidati per sviluppare un vaccino. Ma i tempi della ricerca erano troppo lenti, e così, seduto di fianco al CEO di Ascendence che recitava “sconsigliamo fortemente a chiunque veda questo video di ripetere l’esperimento a casa,“ Tristan si è iniettato una terapia genica mai testata prima sull’uomo. Da solo, ovviamente, per aggirare tutti gli ostacoli legali. Ascendence vende il plasmide utilizzato “per finalità di ricerca”, così come un trattamento anti-invecchiamento per estendere la propria speranza di vita.

Il risultato più probabile per Tristan è che non succederà nulla. Certo è che non sembra chiarissimo se, da programmatore, sappia realmente quello a cui sta andando incontro, considerato come nel video confonda DNA e RNA e debba farsi spiegare ripetutamente in cosa consiste il trattamento dal biohacker seduto sul divano di casa.

Come queste trovate mediatiche dovrebbero convincere gli enti regolatori ad allentare la presa e rendere più accessibili e democratiche queste tecnologie non è molto chiaro. Zayner sostiene che un mondo in cui tutti possono modificare il proprio genoma in qualsiasi momento “sarebbe molto più interessante." Speriamo solo che non sia lo stesso tipo di mondo interessante di cui parla una certa antica maledizione cinese.