Quantcast

Come creare il più potente olio di cannabis sul mercato

Daniel Oberhaus

Daniel Oberhaus

“Stiamo creando un prodotto che vale da 3 a 5 volte più dell’oro.”

A circa otto chilometri dal quartiere dei dispensari di Denver, conosciuto anche come il Miglio Verde, sulla riva occidentale del fiume Platter, c'è un edificio piccolo e anonimo. Se non fosse per le finestre sbarrate e la serratura digitale con codice di sicurezza, sarebbe difficile pensare che dall'altra parte della facciata di mattoni rossi stia succedendo qualcosa di straordinario. Una volta oltrepassata la porta, però, l'edificio si rivela brulicante di attività: scienziati in camice da laboratorio bianco che portano dei becher dentro e fuori una stanza con su scritto "NON ENTRARE", una notevole serie di cubicoli in cui PR e venditori scrivono con una mano e rispondono al telefono con l'altra, e un piccolo esercito di tecnici impegnati a usare siringhe per riempire minuscole fiale di vetro di un denso nettare dorato.

Questa è la sede di Organa Labs, il più grande produttore di oli di cannabis al mondo. Ogni dieci secondi qualcuno negli Stati Uniti acquista uno dei prodotti di Organa, ma che sia un dab, un energy drink o un orsetto gommoso, sono i distillati ultra-puri di oli di cannabis di Organa – il nettare dorato che veniva messo in quelle fialette – la vera chicca dei laboratori.

Alla fine di ottobre, Organa ha annunciato il lancio dei distillati Bakked, una linea di prodotti con oli di cannabis che contengono cannabinoidi, arrivando fino al 97% di THC attivo. Nello stesso giorno in cui sono stati immessi sul mercato i prodotti della linea dei distillati Bakked, sono andato a visitare Organa Labs per vedere come siano riusciti a rendere il fiore più amato in Colorado il più potente olio di cannabis sul mercato.

*

Immagine: Daniel Oberhaus

La chiave per creare un potente distillato di cannabis sta nel bocciolo. Organa lavora con dozzine di coltivatori di marijuana in Colorado e non è così raro vedere più di 900 chili di cannabis passare per le sue porte in un mese. Sebbene alcuni dei prodotti di Organa siano una miscela di cime – le foglie della pianta di cannabis – e boccioli, i suoi oli migliori, come il distillato Bakked 97%, usano solo il fiore. Come ama dire il presidente di Organa, Chris Driessen, "tagliamo la nostra erba con l'erba."

La potenza dei boccioli ottenuti da Organa determina quanto estratto frutteranno. In una giornata buona, gli scienziati di Organa riescono a ottenere una resa del 15 percento, il che significa che 15 grammi di fiori producono 1 grammo di olio distillato che può raggiungere il 90% di THC. Data questa resa relativamente bassa, la qualità del fiore è molto importante, il che spiega perché Organa si rivolga a coltivatori come Tim Cullen, della Colorado Harvest Company per la loro materia prima.

Tim Cullen controlla le sue piante in una delle serre della Colorado Harvest. Immagine: Daniel Oberhaus

Con 6.000 piante a vari stadi di crescita, Colorado Harvest è considerata un'azienda di media-grandezza per gli standard del Colorado. Ma il raccolto compensa la sua quantità con la qualità del suo prodotto, con alcune specie che producono fiori con quasi il 25% di THC. Secondo Cullen, la sua competenza nella coltivazione è il risultato di anni di pratica passati a crescere qualche pianta di cannabis nel suo seminterrato durante la sua precedente vita come insegnante di biologia in un liceo.

Quando il bocciolo e le cime forniti da Cullen e altri coltivatori arrivano all'Organa, vengono sminuzzate per rendere più semplice l'estrazione dei cannabinoidi dalle piante. Dopo, l'erba sminuzzata viene portata ad un estrattore, che usa CO2 supercritico – biossido di carbonio gassoso che diventa liquido sotto estrema pressione – come solvente per estrarre olio grezzo dalla pianta.

Secondo Driessen, il pionieristico uso del biossido di carbonio da parte di Organa è cruciale per la purezza dei loro prodotti. La maggior parte dei laboratori che producono estratti di cannabis fanno uso del butano come solvente per estrarre olio dalle piante di marijuana, solvente che porta una resa più abbondante a un costo inferiore. Il problema, ovviamente, è che il butano può lasciare un residuo nel prodotto finale e la maggior parte delle persone preferisce tenere le impurità lontane dai loro boccioli.

Ciò ha portato Organa a dedicarsi all'estrazione via CO2 supercritico per la loro cannabis, visto che a differenza del butano non lascia residui, e nel 2010 sono diventati il primo laboratorio al mondo autorizzato a utilizzare questo metodo di estrazione della cannabis.

Il presidente della Organa, Chris Driessen, con una bella busta di erba. Immagine: Daniel Oberhaus

Secondo Driessen, hanno ricevuto molte critiche da altri produttori per la loro decisione di passare all'estrazione con CO2 supercritico, perché questo metodo ha la reputazione di produrre oli di hashish insipidi e insapore. Questa nomea deriva dal fatto che l'olio grezzo prodotto con il processo di estrazione a CO2 è soggetto ad alta pressione e temperatura, che può volatilizzare i terpeni e far sì che l'erba perda il suo sapore. Per evitare che ciò accada, Organa separa quanti più terpeni possibili dalla pianta all'inizio del processo di estrazione supercritica, così che non vengano distrutti durante la produzione dell'olio grezzo.

Dopo il processo estrattivo, l'olio è decarbossilato in una fornace di vuoto per attivare il THC. Il THC che si trova nelle piante di cannabis e nell'olio non raffinato è una forma acida non psicoattiva chiamata THC-A, ma se se ne vuole sentire l'effetto bisogna attivarla. Fumando uno spinello è la combustione del bocciolo ad attivarla, ma quando si sta creando un olio di hashish è meglio attivare il THC in precedenza in modo che richieda una temperatura di vaporizzazione più bassa una volta in mano al consumatore (perché nessuno vuole un dab che sa di bruciato).

Il responsabile di ricerca e sviluppo di Organa Lab con alcune apparecchiature per l'estrazione con CO2 supercritico. Immagine: Daniel Oberhaus

Dopo che l'olio grezzo è stato estratto dalle piante usando CO2 supercritico, ci sono ancora dei terpeni, per cui l'olio non raffinato passa per un processo di winterization, che fondamentalmente consiste nel mischiare l'olio con dell'etanolo per poi congelarlo. Ciò rende possibile separare sostanze indesiderate come cere e clorofilla dall'olio così che rimangano solo terpeni e cannabinoidi.

Dopo la winterization, l'olio grezzo viene raffinato in un evaporatore rotante per rimuovere l'etanolo in eccesso. A questo punto i terpeni e i cannabinoidi isolati nell'olio raffinato sono portati al centro del laboratorio di ricerca e sviluppo di Organa. Questa stanzetta ospita quasi un milione di dollari di attrezzatura scientifica e qui si svolgono i processi di raffinazione di routine, brevettati dall'Organa. Il secreto sullo speciale processo di distillazione di Organa qui è di fondamentale importanza e non sono permesse fotografie – quando stai creando un prodotto che "vale da tre a cinque volte più dell'oro," viene difficile biasimare i tecnici di laboratorio per la loro paranoia.

Alcuni tipi di oli di cannabis distillati. Immagine: Daniel Oberhaus

Qui i tecnici di laboratorio purificano ulteriormente il prodotto separando i terpeni rimanenti dall'olio raffinato. Sebbene Driessen e il responsabile di ricerca e sviluppo di Organa, un biochimico che supervisiona la ricerca dei laboratori Organa, non siano entrati nei dettagli, l'idea di base è quella di separare il contenuto dell'olio a livello molecolare: i terpeni sono fatti evaporare dall'olio, condensati e poi raccolti. Questi terpeni sono poi mischiati a quelli isolati durante il processo di estrazione supercritica e la mistura è distillata ancora. Il risultato finale è una sostanza dorata con la consistenza della melassa.

Uno degli evaporatori rotanti di Organa: l'olio di hashish è nel bulbo di destra e l'etanolo evapora nel bulbo trasparente a sinistra. Immagine: Daniel Oberhaus

Il distillato di terpeni è poi reimmesso nell'olio ultra-puro usando uno strumento di distillazione a breve distanza. Ciò aiuta a ridurre la viscosità e produce i sapori ed effetti tipici delle diverse varietà di olio. A questo punto, l'olio è alla sua massima potenza e purezza: fino al 97% di THC attivo nel caso del nuovo prodotto di Organa, il distillato Bakked, e con un pieno carico di terpeni.

Dopo aver effettuato dei test di cromatografia liquida e spettrometria di massa sul distillato per confermarne purezza e potenza, l'olio è portato sul retro del laboratorio dove una manciata di impiegati si occupano di riscaldare l'olio e iniettarlo nelle cartucce che verranno poi distribuite ai dispensari di tutto il Colorado.

Sebbene il solo essere in grado di produrre un distillato di cannabis con una potenza del 97 percento sia già di per se un'impresa, il responsabile di ricerca e sviluppo e i suoi colleghi sono capaci di creare estratti con più del 99% di THC – la problematica sta nel crearne più di una manciata alla volta.

La maggior parte delle cartucce di olio di hashish della Organa sono riempite a mano. Immagine: Daniel Oberhaus

"La corsa alla potenza è già finita," ha detto Driessen. "Il responsabile di ricerca e sviluppo e la sua squadra possono purificare roba con più del 99 percento di THC, e tutti mettono il THC e la potenza sullo stesso piano, perché il THC è ciò che dà l'effetto psicoattivo. Ma in realtà l'esperienza che si cerca è una combinazione di tutti i cannabinoidi, che lavorano all'unisono per un effetto d'insieme."

Questo, secondo Driessen, è ciò che rende i prodotti di Organa diversi da altri distillati di cannabis ultrapotenti, come le Dragon Balls di X-tracted Labs, che hanno il 99% di cannabinoidi totali, composti al 92% di THC attivo. L'ultimo distillato Bakked di Organa ha il 97% di THC attivo, ma continua a mantenere alti livelli di terpeni e altri cannabinoidi che producono un gusto specifico e un effetto controllato, ottenibile solamente grazie all'estrazione con CO2 supercritico e i metodi di distillazione molecolare brevettati da Organa.

Una cartuccia di olio Bakked 85%, pronto per la spedizione. Immagine: Daniel Oberhaus

"Storicamente, l'estrazione con CO2 e ilmprocesso di raffinazione associato hanno distrutto i terpeni, che sono la fonte di sapore, odore e maggior effetto," ha detto Driessen. "Oggi siamo in grado di preservare questi terpeni nel processo estrattivo e purificarli durante la distillazione. Questo ci permette di mantenere la vera essenza della pianta."

Correzione: questo articolo precedentemente definiva il butano cancerogeno, cosa non vera. Il butano è un idrocarburo e se usato in alte dosi può essere fatale, ma nelle quantità residuali trovate nei dab non è generalmente considerato pericoloso. Motherboard si scusa per l'errore.