SpaceX ha fatto una festa per decidere il tuo futuro su Marte ma non ti ha invitato

A differenza della NASA — i cui documenti sono da sempre pubblici — le aziende spaziali private non sono tenute alla trasparenza completa. Ma se lo spazio è l'ultimo bene comune dell'umanità, forse c'è un problema.

|
ago 9 2018, 2:03pm

Immagine: Shutterstock; Composizione: Motherboard 

Due anni fa, mi trovavo all'International Astronautical Congress in Messico, dove Elon Musk ha rivelato per la prima volta i suoi piani per la colonizzazione del pianeta rosso. Il messaggio principale era semplice — tutti a bordo, sfigati, andiamo su Marte! — e dei dettagli, tipo come avrebbe fatto una persona normale a pagare un biglietto da 200.000 dollari senza diventare un servo a contratto della corporazione SpaceX, ci saremmo preoccupati più tardi.

Dopo che l'umanità ha passato anni a sognare di poter viaggiare nello spazio, Musk sembrava sul punto di tramutare la cosa in realtà.

Martedì e mercoledì di questa settimana, SpaceX ha tenuto il suo "Mars Workshop" inaugurale all'Università del Colorado di Boulder. La conferenza intendeva ribadire la serietà delle ambizioni marziane dell'azienda, e gettare una prima parte delle fondamenta tecniche necessarie per trasferire centinaia di persone a decine di milioni di chilometri da qui, attraverso lo spazio vuoto.

Ma difficilmente ne avrete sentito parlare. I partecipanti al Mars Workshop comprendevano esclusivamente membri dell'industria e accademici a cui è stato esplicitamente chiesto di non sbandierare la conferenza o il fatto che fossero invitati. Solo due anni dopo il loro annuncio, partecipare ai piani di Musk che porteranno la nostra specie su Marte è diventata una faccenda su invito esclusivo.

Si tratta di un allontanamento netto dalle politiche sulle comunicazioni adottate dalla NASA e mette in evidenza i problemi associati con la privatizzazione delle risorse pubbliche. A seguito della fine del programma Apollo, la NASA ha compiuto un sforzo significativo nell'aumentare la propria trasparenza e mettere attivamente al corrente il pubblico sulle proprie attività. Qualora qualche documento ufficiale non fosse stato pubblicato, il popolo americano aveva pur sempre a disposizione il Freedom of Information Act, per ottenere informazioni sul lavoro dell'agenzia.

Questo tipo di sistemi di controllo non esiste per SpaceX e altre aziende private. Mentre la NASA rende pubbliche documentazioni estese sugli sviluppi tecnologici sul Technical Reports Server, la tecnologia di SpaceX è una proprietà intellettuale privata. Mentre la NASA tiene i progetti su Marte in bella vista, SpaceX discute dei propri dietro porte chiuse. Nonostante SpaceX abbia esplicitamente dichiarato di voler dare forma al futuro della nostra intera specie, solo poche dozzine di persone sono state "invitate" a commentare questi piani.

È preoccupante perché lo spazio è il più grande e definitivo bene comune, ma sta venendo affidato a corporazioni private perché ne facciano ciò che vogliono. Lo spazio appartiene a tutti, ma aziende come SpaceX non hanno alcun mandato federale che li obblighi a dichiarare le proprie intenzioni. Il resto di noi è condannato a scoprire le cose dopo che sono accadute, ad avere la visione del domani di Musk calcata in cima della nostra. Siamo completamente tagliati fuori dalla conversazione e privati della possibilità di avere una qualche forma di controllo sul futuro collettivo.

Prima che si rivelasse come l'ennesimo miliardario che odia la stampa, fa di tutto per opporsi ai sindacati e diventa nervoso quando si trova in prossimità dei più poveri, Musk è stato in grado di impacchettare le proprie imprese con una retorica umanitaria tale da far sembrare plausibile poter diventare schifosamente ricchi solo Facendo la Cosa Giusta. Tesla metterà fine alla nostra dipendenza dai carburanti fossili; Boring Company metterà fine al traffico; Solar City porterà elettricità economica e pulita a tutti; e SpaceX trasformerà la nostra specie in una civiltà multiplanetaria.

In questi giorni è molto più difficile per Musk far finta di star lavorando per il bene superiore o persino di avere la minima idea di cosa potrebbe mai essere questo bene superiore per le persone. Ma quando hai così tanti soldi che colonizzare un altro pianeta diventa una possibilità realistica, che importanza ha l'opinione pubblica, in fondo?

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.