Steam ha lanciato una sezione segreta di videogiochi per adulti

La controversa politica di Valve sui contenuti erotici o pornografici è cambiata ancora con l'introduzione di un nuovo filtro, ma alcuni sviluppatori di visual novel restano diffidenti.

|
set 13 2018, 10:00am

Immagine via: Steam/Negligee Love Stories

Steam di Valve — la principale piattaforma di distribuzione digitale di videogiochi per PC in Occidente — ha un nuovo filtro per i contenuti per nascondere i videogiochi sessualmente espliciti. Questa notizia ha un doppio significato: Steam ammette ora contenuti sessualmente espliciti, ma — finché non togliete questo filtro che è abilitato di default — non li vedrete sulla piattaforma, se non cercandone il titolo.

Per disabilitare il filtro (ben nascosto), dovete accedere alle impostazioni di Steam e cliccare su “Dettagli dell’account” nella scheda “Account.” Le opzioni per i “Contenuti non adatti ai minori” si trovano nella scheda “Preferenze” (potete arrivarci direttamente da qui), e l’opzione da abilitare è “Contenuti sessuali espliciti o solo per adulti.”

L’introduzione della categoria — e del filtro per nasconderla — è parte della nuova politica di Steam, di cui abbiamo parlato in passato su Motherboard: è benvenuto qualsiasi videogioco che non sia “illegale o chiaramente nato per il trolling.” Valve aveva avuto sinora un comportamento contraddittorio con i contenuti sessuali: prima non li aveva ammessi, poi li aveva in parte ammessi, poi a maggio 2018 aveva minacciato di escludere videogiochi già approvati perché considerati “pornografici” (anche se presenti su Steam in versioni censurate), infine aveva deciso di sospenderne l’ammissione finché non avesse introdotto appositi filtri per circoscriverli.

“Valve non ci ha dato consigli su come avremmo dovuto riproporre Starnova” ha spiegato a Motherboard via email Christopher Ling di Sekai Project, editore di visual novel che per mesi ha atteso che Valve implementasse i filtri per poter finalmente pubblicare Shining Song Starnova, sviluppato da Love in Space. “Comunque, considerando che è una nuova politica e [che] non è chiaro come possa cambiare nel tempo, abbiamo scelto di essere cauti con questo titolo,” ha concluso Ling, riferendosi alla pubblicazione del gioco in versione censurata.

“Non ci aspettiamo di avere notizie da Valve,” mi scrive Peter Rasmussen di Lupiesoft, che a maggio 2018 rischiò di veder rimuovere da Steam la sua visual novel Mutiny!!. “Ci troviamo in una specie di zona grigia dove non riusciamo esattamente a capire se Valve abbia davvero cambiato la sua politica. Possiamo mettere su Steam giochi senza censure ora? Certo, ma che accade se, come è già successo, due giorni dopo decidono di cambiare idea?” A conferma della confusione, Steam elenca ancora tra i contenuti vietati sulla piattaforma proprio la pornografia.

Dharker Studio ha invece approfittato delle nuove regole per proporre in versione integrale la sua nuova visual novel Negligee Love Stories, rendendola il primo titolo esplicitamente pornografico destinato a uscire senza censure su Steam. E l’arrivo su Steam di Negligee Love Stories ha acceso le speranze di sviluppatori che hanno visto in passato escludere le loro opere dalla piattaforma.

You Must be 18 or Older to Enter di Seemingly Pointless (James Earl Cox III e Joe Cox) è stato rimosso da Steam a dicembre 2017, dopo solo due mesi dalla sua uscita, perché giudicato pornografico. Il videogioco, realizzato con grafica ASCII (cioè le immagini sono create con caratteri tipografici), racconta del terrore di essere scoperti dai genitori quando si è ragazzini e ci si avventura su siti pornografici.

“Sto lavorando [per riproporre You Must be 18 or Older to Enter su Steam]” mi scrive James Earl Cox III via Twitter. “Al momento sto aspettando di avere notizie da Valve sulla possibilità di rendere nuovamente disponibile il gioco. Ma è incredibile quanto sia grosso questo cambiamento.”

Di certo, per ora, le testimonianze hanno un filo conduttore: la comunicazione di Valve con gli sviluppatori resta scarsa e molti hanno quindi ancora parecchi dubbi irrisolti.