Il cazzeggio su Internet è diventato un corso universitario

Gli studenti dovranno prendere tutto il materiale derivante dal cazzeggio e trasformarlo in un’opera letteraria.

|
30 ottobre 2014, 12:12pm

Immagine: HeatSync Lab/Flickr

Il prossimo semestre, alla University of Pennsylvania, gli studenti potranno entrare in un'aula, tirare fuori i loro portatili, i loro cellulari o i loro tablet e stare lì, per tre ore, a fare quello che senza dubbio fanno molto spesso: cazzeggiare su Internet.

Il nuovo corso di scrittura creativa della facoltà sta tentando di eliminare lo stigma da un'attività che milioni di persone fanno ogni giorno, nel tentativo di capire come lavorano le nostre menti quando stiamo navigando a caso su reddit, Facebook, Buzzfeed, mentre guardiamo dei porno o mentre facciamo qualunque cosa si faccia nel tempo libero.

"Sono davvero stanco di leggere ogni settimana articoli sul New York Times che ci fanno sentire uno schifo perché spendiamo così tanto tempo su internet," mi ha detto Kenneth Goldsmith, un poeta e professore di fama mondiale. "Secondo me il fatto che Internet ci stia rendendo più stupidi è una stronzata. Penso che internet ci stia rendendo invece più intelligenti. C'è questo nuovo tipo di moralità costruita attorno alla colpa e alla vergogna dell'era digitale che non ha alcun senso."

Cerco l'attenzione che riversano sui tablet, sui telefoni, sugli schermi, sulla musica. 

Così i suoi studenti comprenderanno cosa esattamente significhi sprecare il tempo. È uno spreco di tempo sbirciare qualche post sui forum o commenti su internet? È uno spreco di tempo chattare coi tuoi amici? È uno spreco di tempo fare zapping su YouTube? Possiamo incanalare, consciamente o inconsciamente, le cose che facciamo su internet per creare un'opera d'arte, il prossimo grande romanzo americano o un'autobiografia?

Il compito dei suoi studenti sarà provarci. Per la maggior parte del corso sprecheranno tempo su Internet, certo, ma ad un certo punto dovranno prendere tutto il materiale derivante dal cazzeggio—cronologia dei browser, sms, screenshot e qualunque altra cosa—e trasformarlo in "un'opera letteraria convincente ed emotiva."

Uno dei primi tentativi di Goldsmith di "stampare internet"

Goldsmith dice che per la maggior parte del ventesimo secolo, artisti e scrittori hanno speso una quantità incredibile di tempo a tentare di sbirciare nel loro inconscio per trovare nuovi modi per creare opere surreali. Con il nostro utilizzo giornaliero di Internet, potremmo aver trovato un modo per farlo in maniera piuttosto semplice.

"Stiamo cercando di plasmare un prodotto artistico a partire dallo stato di distrazione che è normalmente generato da una chiacchierata al telefono con qualcuno mentre allo stesso tempo si naviga su Internet, o dal chattare mentre si guarda un video," ha detto. "Questo è ciò voglio che succeda nel corso. Voglio l'attenzione che riversano sui tablet, sui telefoni, sugli schermi, sulla musica."

"Le distrazioni dei dispositivi elettronici e il multitasking sono il nuovo surrealismo—i surrealisti volevano sviluppare l'inconscio, noi ora lo facciamo di continuo," ha aggiunto.

Dovremmo essere interessati a cazzeggiare su internet, piuttosto che evitarlo.

Queste parole arrivano da un uomo che una volta ha provato a fare in modo che il mondo "stampasse internet," con l'idea che tutto ciò che c'è sopra valga la pena di essere salvato e archiviato e che Internet sia il "più grande poema mai scritto," tristemente illeggibile a causa della sua lunghezza. Dice che stiamo tutti "costruendo un incredibile ritratto di cosa significhi vivere al giorno d'oggi."

Goldsmith spera di poter eliminare lo stigma che oggi è così strettamente collegato al fissare uno schermo tutto il giorno, uno stigma che ritiene fortemente frainteso. Oggi scriviamo e leggiamo più che mai: importa davvero se quello che leggiamo e scriviamo sono chat, tweet o post su reddit?

"Stiamo scrivendo un'enormità di cose, ma in qualche modo la cultura continua a svalutarle. Penso che sì, questa sia scrittura reale," ha detto. "Se possiamo considerare la scrittura poesia, allora l'alienazione e la colpa possono essere eliminate e la scrittura celebrata. Dovremmo essere interessati a cazzeggiare su Internet, piuttosto che evitarlo."