Apple ha già mandato in pensione il TouchID

RIP TouchID, 2013-2018.

|
set 13 2018, 8:53am

Riposa in pace, piccolo bottone magico.

Il TouchID avrebbe potuto cambiare il mondo, forse. Sicuramente poteva essere usato da un gatto, e degli hacker hanno scherzosamente offerto 10.000$, un libro erotico, delle bottiglie di superalcolici e altri tipi di alcol a chiunque fosse stato in grado di hackerarlo.

Sono bastati quattro giorni perché un hacker biometrico tedesco lo hackerasse. (Ma non si è ancora capito se abbia effettivamente ottenuto il libro e l'alcol.)

Il TouchID sembrava così promettente, ma la tanto agognata feature che Apple ha rivelato al mondo il 10 settembre del 2013 con il lancio dell'iPhone 5s (e che è ancora supportata da Apple, comunque), ora è morta.

Alcune persone su internet la stanno già piangendo. Apple l'ha uccisa senza troppi crismi annunciando una nuova serie di telefoni privi di bottoni durante il suo annuale evento marketing a Cupertino.

Uno screenshot dell'ormai defunto sito IsTouchIDHackedYet.com.

Al tempo, come un sacco di cose che Apple sta continuando a cercare di venderci, tutti pensavano che si sarebbe trattato di una rivoluzione. Il TouchID, per molti versi, lo fu davvero.

Erano finalmente i finiti in cui si schiacciava per 4 volte il numero '0' sullo schermo per sbloccare il telefono. Improvvisamente bastava posare il proprio dito sul pulsante home e voilà! Davvero, semplicissimo.

Anche se Phil Schiller lo aveva presentato al pubblico paragonando alla "noiosa password che devi inserire ogni volta," il TouchID è stata la prima feature di sicurezza a finire davvero sotto i riflettori di Apple durante un evento marketing. Al tempo, Schiller evidenziava, "metà degli utenti smartphone" non avevano alcuna password per il loro iPhone. Si trattava di un periodo diverso, in cui la polizia chiedeva pubblicamente agli utenti di aggiornare iOs per avere un dispositivo più sicuro, e Apple doveva ancora finire in tribunale insieme al governo USA per far sbloccare un iPhone bloccato.

Un flyer che il dipartimento di polizia di New York ha distribuito in giro per New York City in cui chiedeva agli utenti di installare il nuovo sistema operativo Apple per ridurre i furti.

I nuovi iPhone annunciati questo mercoledì, ovvero l'iPhone XS, l'XS Max e l'XR usano soltanto il FaceID, che apparentemente sarà il vero e proprio erede di TouchID. FaceID è stato introdotto nel 2017 con meno cerimonie del sue parente tattile.

"Per sbloccare il tuo telefono ti basta guardarlo e dare uno swipe up," spiegava al pubblico il vice presidente senior dell'ingegneria software di Apple Craig Federighi mentre l'allora nuovissimo iPhone X non riusciva a sbloccarsi. "Riproviamoci, dai."

A quanto pare, quel fail non è da attribuire al FaceID. E comunque, oggi gli utenti iPhone "amano" questa funzione, ha detto Schiller sul palco mercoledì.

Secondo Wired, il FaceID è "davvero difficile" da hackerare. È servito un po' più di tempo del TouchID per farlo, ma qualcuno ce l'ha fatta comunque. Ciononostante, molti esperti di sicurezza e privacy pensano che sia leggermente migliore del TouchID — anche se il tuo gemello cattivo potrebbe tranquillamente sbloccarti il telefono.

Il TouchID, per ora, continuerà a vivere negli iPhone più vecchi, inclusi il 7 e l'8, che hanno continuato ad apparire sul grande schermo dell'evento Apple di ieri come parte della "lineup" dell'azienda.

Ma a questo punto, non è chiaro se Apple in futuro resusciterà la feature in qualche prodotto futuro.

Ho chiesto ad un rappresentante di Apple se l'azienda riporterà in vita il TouchID, ma non ho ricevuto risposta in tempo.

Ci mancherai, piccolo bottone. Continuerò ad usarti — senza delle impronte digitali false — finché il mio iPhone 7 non morirà.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.