Quantcast
Immagine: Motherboard Italia

Venezia nel 2100 potrebbe essere sommersa, ed è colpa del cambiamento climatico

Federico Nejrotti

Federico Nejrotti

Ne parliamo nel nostro documentario 'Venezia 2100', ora online.

Immagine: Motherboard Italia

Il cambiamento climatico è il problema più urgente della storia dell'umanità, e oggi ci troviamo davvero per la prima volta da quando siamo qui sulla Terra a temere concretamente per la sopravvivenza della nostra specie.

Con le temperature in costante aumento, il rapido incremento del livello del mare globale e i sempre più frequenti disastri naturali, sono sempre di più le persone che stanno cercando di capire come agire per arginare questo fenomeno la cui causa principale siamo proprio noi: gli esseri umani.

Per raccontare questo fenomeno abbiamo realizzato 'Venezia 2100', un documentario sul rapporto tra la città di Venezia e il cambiamento climatico.

GUARDA VENEZIA 2100

Anche se gli abitanti di una delle città più visitate d'Italia hanno da sempre saputo convivere con la laguna, i pesanti interventi umani dell'ultimo secolo stanno mettendo a rischio l'equilibrio di questo ecosistema a metà tra terra e mare. Pochi mesi fa, un gruppo di ricercatori italiani ha pubblicato delle nuove stime e ha previsto un innalzamento critico del livello del mare già a partire dal 2100. Per questo motivo, Venezia potrebbe essere in pericolo.

Abbiamo parlato con ricercatori, commercianti e studiosi della città per capire in che modo Venezia si sta preparando per affrontare questo problema e per capire quanto è percepita la portata globale del fenomeno.

Venezia, più di ogni altra città nel mondo, è il simbolo del rapporto tra umani e natura: se fino ad oggi questo equilibrio è stato mantenuto attraverso lenti ma costanti cambiamenti della durata di secoli, la rivoluzione industriale ha accelerato a dismisura il mutamento delle condizioni del pianeta a tal punto da mettere a repentaglio proprio questo equilibrio.

'Venezia 2100' è online su tutti i nostri canali.

Seguici su Facebook e Twitter