Se hai la batteria sempre scarica è colpa di Google

C'è processo ai danni di Google in cui viene accusato di consumare illegalmente la batteria degli smartphone.

|
23 luglio 2014, 11:59am
"Android Garden" Immagine: Flickr/Dan H

Le informazioni personali sui siti che visiti, le email che mandi e ricevi e le app che usi vengono regolarmente comunicate da un'applicazione all'altra all'interno del telefono, una pratica potenzialmente illegale che ne potrebbe far fuori la batteria.

Sapremo presto qualcosa di più su questa pratica, e sulle tecniche di condivisione delle informazioni di Google, ora che il giudice federale Paul Grewal ha deciso che c'è abbastanza materiale  per una class-action nei confronti dell'azienda.

La maggior parte delle affermazioni dei pubblici accusatori Robert DeMars e Lorena Barrios—ovvero che Google ha cambiato la propria politica sulla privacy nel marzo del 2012 per far sì che i video che visualizzi su Youtube influenzino gli annunci pubblicitari che poi trovi su Gmail, e che i post che condividi su Google+ indirizzino i suggerimenti di ricerca del browser e così via—sono state respinte sulla base del fatto che nessuno ti obbliga a utilizzare i servizi di Google, e che l'azienda può cambiare i termini del propria politica in fatto di privacy a proprio piacimento.

Ma questo non fa che confermare un'altra delle critiche mosse da DeMar e Barrios, ovvero che c'è “un forte consumo di batteria dovuto ad attività non autorizzate.” In altre parole, gli accusatori non vogliono che le informazioni vengano scambiate perché questo processo diminuisce la durata della batteria e rallenta il telefono. Oltretutto, sostengono che questo scambio avvenga anche tra applicazioni di terze parti.

Personalmente sospetto che il consumo di batteria dovuto a questa pratica sia minimo: Google “ammette che la divulgazione dei dati utente comporti l'invio di pochi byte di informazioni, contenenti nome, indirizzo email e codice di avviamento postale,” sostiene la sentenza. Anche se quei pochi byte, in effetti, finiscono per pesare sull'autonomia del cellulare.

Ma non è questo il punto—la maggior parte delle class-action contro l'azienda di Mountain View sono fallite perché non sono riuscite a rendere evidente un “danno dimostrabile” in ciò che faceva Google. L'utilizzo della batteria per un servizio non richiesto e senza alcuna compensazione potrebbe essere riconosciuto come, appunto, un danno dimostrabile.

“L'accusa di utilizzo non autorizzato di risorse, batteria compresa, dà il diritto di opporsi,” scrive Grewal. Google sostiene che alcuni problemi di autonomia preesistenti, associati alla trasmissione di informazioni, “sono stati risolti,” e che attualmente la maggior parte dei dati utente sono immagazzinati tramite il cloud, “che non comporta alcun consumo di batteria.”

Rimane il fatto che le trasmissioni di quei pochi byte di dati continuano. Forse sarà anche trascurabile, ma il fatto importante è che il giudice ha sentenziato che l'accusa “richiede un'indagine approfondita e sostenuta da fatti, che a questo punto della contesa la corte non può sostenere.” Il che significa cha abbiamo buone probabilità di poter gettare uno sguardo tra i meccanismi della gestione delle informazioni pubblicitarie di Google: quali informazioni sono condivise, con chi, e quando.

Al di là delle altre richieste dell'accusa, questo è un fatto rilevante. Se la class-action passa, la maggior parte degli utenti di Android andranno risarciti. E anche se non passa, potrebbe almeno rivelarci qualcosa di come i nostri dati vengono gestiti a Mountain View.

Google lawsuit