Wikipedia è impegnata in una caccia agli editor pagati segretamente

Wikipedia e Wikimedia Foundation devono trovare il modo di fermare gli editor che ricevono soldi di nascosto, senza scoraggiare i nuovi utenti.

|
lug 5 2017, 9:25am

Wikipedia è una bestia strana: una Biblioteca di Alessandria dei tempi nostri, che deve compiere sforzi quotidiani per cancellare i graffiti fatti sui suoi muri. Per un breve momento nel 2014, il portiere Tim Howard, star di una squadra di calcio alla US World Cup 2014, è stato segnalato sul sito come "segretario della difesa," e all'inizio di quest'anno Paul Ryan, house speaker del partito repubblicano americano, si è ritrovato in mezzo a una lista di invertebrati. Il vandalismo tormenta Wikipedia sin dal primo momento della sua nascita nel 2001, ma il sito è riuscito a prosperare nonostante questi problemi. Ma gli editor pagati, che creano e editano testi per adattarli ai bisogni dei propri clienti, rappresentano una sfida particolarmente spinosa, dato che parte del lavoro che compiono è permesso dai termini di utilizzo imposti da Wikimedia Foundation, a patto che dichiarino questi conflitti di interessi nelle pagine utente. Non tutti gli editor pagati però rivelano queste informazioni, preferendo forse i vantaggi offerti da un'apparenza di obiettività, e quelle stesse policy che hanno reso Wikipedia così utile — l'anonimato e il consenso — sono ora al centro di una controversia su come prevenire l'alterazione dei testi dell'enciclopedia da parte di editor pagati non dichiaratamente.

James Heilman, un medico e professore universitario che edita Wikipedia sotto il nome di Doc James, è uno dei molti Wikipediani che spingono per una supervisione più attenta di questa pratica. "Il problema dell'editing promozionale pagato ma non dichiarato, o UPPE [undisclosed paid promotional editing, ndt], è aumentato da quando Wikipedia è diventata più popolare nelle classifiche di ricerca," ha detto a Motherboard. "Al momento abbiamo svariate aziende che inviano email sia a chi ha già pagine Wikipedia per chiedere se vogliano 'migliorarle,' sia aziende e individui che creano pagine quando non esistono ancora. Quasi tutte le persone coinvolte negli UPPE agiscono in violazione delle policy della comunità, e di quelle di Wikimedia Foundation."

Michael Skirpan, un candidato PhD in informatica alla Colorado University, che ha concentrato i propri lavori recenti sulla sorveglianza e la raccolta dati, crede che la vitalità di Wikipedia dipenda da una risoluzione efficace delle questioni che potrebbero far sorgere dei dubbi sull'integrità e l'affidabilità del sito. "Lo status di Wikipedia come fonte di informazioni e riferimenti priva di spazi pubblicitari e ben referenziata è imprescindibile dalla sua utilità," ha spiegato a Motherboard. "Se resterà una piattaforma davvero aperta, proteggere questo obiettivo richiederà indagini su dispute prolungate, in cui un editor sospettato di ricevere pagamenti continua a modificare le voci in modi ingannevoli."

Molte persone hanno interferito con Wikipedia per ragioni di pubbliche relazioni, compresi operatori governativi. Membri del congresso hanno modificato le voci relative al vice Presidente Mike Pence e all'hacker fuggitivo Edward Snowden, facendo apparire meglio di prima Pence, e descrivendo invece Snowden come un "traditore." Ma i Wikipediani sono in grado di risolvere in fretta questioni così ovvie, così come possono supervisionare il lavoro degli editor pagati le cui affiliazioni aziendali siano esplicitate. Ma è molto più difficile controllare e fare fact-checking del lavoro di editor che non dichiarano di guadagnarsi da vivere generando voci su Wikipedia per figure non proprio pubbliche e infiocchettando i profili di aziende e altri grossi giocatori.

"Le persone coinvolte negli UPPE, semplicemente, non scrivono contenuti neutrali. Non è la stessa cosa che fare editing pagato ma dichiarato. Se il Consumer Reports o il CDC vogliono pagare le persone per aiutarli a migliorare i contenuti relativi alla sanità su Wikipedia, sono il primo ad approvare. Devono comunque dichiarare, ma è un tipo positivo di 'editing pagato,' purché non assumano persone per migliorare gli articoli sulle loro stesse organizzazioni," ha detto Heilman. "Abbiamo bisogno di più strumenti per tenere la questione degli UPPE sotto controllo. Parte di ciò che ci crea problemi è il fatto che il Wikimedia Movement è nato in seno a un gruppo che ha una considerazione eccessiva dell'anonimato"

Il ruolo migliore per Wikimedia Foundation sarebbe "aiutare a migliorare i sistemi della comunità e gli strumenti tecnologici"

All'inizio di gennaio, Heilman e diversi altri wikipediani hanno chiesto a Wikimedia Foundation (WMF), che ospita Wikipedia e altri siti wiki, di considerare la questione, compresi i termini entro cui il dipartimento legale di WMF debba e possa impiegare cause legali per ostacolare la pratica. Un insieme precedente di linee guida relative a ciò che si può considerare editing pagato accettabile, proposto nel 2010, non era riuscito a riscuotere approvazione, per quanto questa nuova discussione si sia concentrata più propriamente sull'incapacità degli editor di dichiarare i propri conflitti di interesse e il modo migliore per identificarli.

Jacob Rogers, consulente legale per Wikimedia Foundation, ha spiegato che le manovre in tribunale posso ottenere risultati solo fino a un certo punto, come ha scritto per email, infatti, "le azioni legali sono uno strumento impreciso: i tribunali usano le stesse soluzioni per ogni problema, e non sono al passo con la tecnologia moderna." Secondo Rogers, il ruolo migliore per Wikimedia Foundation sarebbe "aiutare a migliorare i sistemi della comunità e gli strumenti tecnologici così che le azioni legali diventino superflue nella maggior parte dei casi."

Rogers e i suoi colleghi al dipartimento legale hanno poi chiarito il proprio responso emettendo una dichiarazione consultiva su "modifiche pagate e relative denunce." La dichiarazione sottolinea che la prima linea di difesa nella maggior parte dei casi è la comunità stessa, che può rispondere educando gli utenti, avvertendoli e, in estremo, bloccandoli. Ha anche ricordato ai wikipediani che "denunciare" qualcun altro in genere non è un gesto ben visto, ma considerato "elemento sufficiente per un blocco immediato." Se da un lato una "indagine corretta" di casi di UPPE può essere difficile da distinguere da un "caccia" ai danni di chi è indagato, WMF ha affermato di aver "visto le comunità di Wikimedia riuscire a risolvere [altri] problemi con successo che richiedevano giudizi difficili da dare."

Il team legale di Wikimedia ha detto agli utenti che funziona meglio come ultima linea di difesa in queste situazioni. Raccoglie dati sugli editor pagati, può perseguire azioni legali contro editor pagati che usano i trademark di Wikipedia (come il logo del sito) sulle proprie pagine di lavoro, e può inviare lettere di diffida a chi viola ripetutamente i termini di servizio di Wikipedia.

Il wikipediano Heilman, che ha pubblicato un editoriale a proposito degli UPPE a luglio 2016, ha poi creato una workpage in risposta alla dichiarazione di WMF, scrivendo in una email che una pagina di quel tipo potrebbe aiutare i compagni wikipediani a "applicare con più facilità i criteri di cancellazione rapida G5 [una policy che consente la rimozione rapida di pagine create da utenti bloccati o bannati]." Ha anche aggiunto che non avrebbe aggiornato la lista fintantoché tutte queste discussioni sulle policy della comunità non fossero state completate.

Man mano che la situazione si evolve, i wikipediani e altri potrebbero voler consultare una serie di ricerche di vecchia data sulla natura dei contributi al sito.

Michael Skirpan, il candidato PhD della Colorado University che lavora su sorveglianza e raccolta dati, crede che gli editor pagati non dichiarati non dovrebbero poter sfruttare WIkipedia traendo vantaggio personale dall'anonimato, tanto importante per la comunità. "Si dovrebbe pensare a un utente che si rifiuta di dichiarare un'affiliazione come a qualcuno che si assume un rischio che può risultare nella perdita di determinati diritti sulla piattaforma," ha detto. "Le indagini sugli editor che ricevono denaro e non lo dichiarano non devono concludersi con l'esposizione totale dell'identità di tali persone, ma, piuttosto, con la dichiarazione, che dica che questo o quell'editor ha un'affiliazione con un'organizzazione che ha un conflitto di interessi sull'articolo in questione. D'altro canto, per casi gravi o recidivi, Wikipedia potrebbe dover cambiare la propria policy sulle aggressioni in modo da dichiarare che se un editor compie ripetuti tentativi al fine di trarre in inganno i lettori, mette a repentaglio il proprio diritto alla privacy, perché le indagini sono fondamentali al mantenimento dell'integrità dei contenuti."

Heilman, il medico che contribuisce a Wikipedia sotto il nome di Doc James, ha individuato diverse soluzioni al problema che, se implementate, potrebbero risolverlo. "Tanto per cominciare, possiamo consentire gli hyperlink ai post per la compravendita delle pagine Wikipedia e permettere la creazione di liste di agenti nocivi noti [una delle quali è già iniziata] che non solo aiuterebbero a individuare ulteriormente gli account fantoccio in questi gruppi, ma — ottimisticamente — anche a avvertire chiunque ne valuti l'assunzione e farli desistere," ha scritto in una email. "Inoltre, possiamo lavorare con i mercati online come Fiverr per rimuovere gli account su queste piattaforme che sono in conflitto con i nostri termini di utilizzo, sviluppare tool di IA per aiutare gli editor umani a riconoscere altri fantocci [o "sock," persone che usano più account Wikipedia per scopi impropri] e rafforzare i criteri di notabilità nella creazione di articoli per renderli meno suscettibili a giochi scorretti."

Man mano che la situazione si evolve, i wikipediani e altri potrebbero voler consultare una serie di ricerche di vecchia data sulla natura dei contributi al sito. Nel 2006, il programmatore e hacktivista Aaron Swartz sosteneva che i "collaboratori occasionali" fossero parte integrante dello sviluppo dei sito e "anziché cercare di spremere contenuti ulteriori chi già passa la vita su Wikipedia, dobbiamo allargare la base di chi contribuisce al sito in piccola misura." Un anno dopo, i ricercatori Denise Anthony, Sean Smith e Tim Williamson hanno pubblicato un paper a proposito della produzione open source, in cui si evidenzia come "la più alta qualità di scrittura" sul sito provenga da "un ampio numero di 'buoni samaritani' che contribuiscono solo una tantum." Il numero di editor è crollato negli anni recenti, però, e i problemi relativi alla cattiva condotta editoriale sono solo aumentati, ora che un numero limitato di persone ha un peso sempre maggiore.

Secondo l'opinione di Skirpan, trovare il giusto equilibrio tra incoraggiare i collaboratori e supervisionare il loro lavoro resterà uno sforzo collettivo. "Tanto l'estremo di blindare la piattaforma perché accedano solo editor selezionati quanto quello del rinunciare alla supervisione dell'integrità dei contenuti, finiranno per rovinare Wikipedia sul lungo periodo," ha detto.