Quantcast
Articoli

Aboliamo l'acqua in bottiglia

Sarebbe anche ora.

Jordan Pearson

Jordan Pearson

Immagine: Flickr/Keoni Cabral

L'acqua in bottiglia è una truffa. Ha lo stesso senso di un litro di aria imbottigliata in un tubo firmato da qualche designer di successo, ma anche dopo un paio di decenni sul mercato, il nostro istinto spesso ci chiede di recuperare al più presto un bella bottiglia di Fiuggi quando in piena estate soffri di secchezza delle fauci e frittura delle cervella. Quella in bottiglia non è acqua, è Acqua!

Per esempio, in Canada l'acqua in bottiglia arriva da delle sorgenti vicine ai Grandi Laghi, dove viene pompata per 3.71 dollari per milione di litri da aziende che, in seguito, la vendono generando profitti giganteschi. In Canada dozzine di comunità delle Prime Nazioni vivono ormai da decenni con la richiesta di bollire tutta l'acqua che usano per timore della presenza di agenti patogeni, e l'acqua potabile che ricevono è costretta alle bottiglie. Ovviamente, quest'acqua arriva da Nestle e da altre grosse aziende.

I legislatori e gli attivisti hanno chiesto di aumentare il prezzo che queste aziende pagano per pompare acqua da sorgenti municipali, ma alcuni esperti credono che questa misura non sia abbastanza. Invece, secondo molti, il pompaggio di acqua per profitto dovrebbe essere bandito in tutto e per tutto per ragioni sociali e scientifiche e la licenza di Nestle non dovrebbe essere rinnovata dal governo municipale.

"Rendere l'acqua un bene comune non significherebbe impedire a Nestle o a Coca-Cola di pompare acqua per produrre soda—Dovrebbe essere possibile pompare dell'acqua da usare in un prodotto, ma non pompare dell'acqua per usarla come un prodotto," ha spiegato Stephen Scharper, professore del programma di gestione della sostenibilità dell'Università di Toronto.

"Infine, questo processo comporterebbe la completa messa in disuso dell'acqua in bottiglia," ha continuato. Nel 2016 l'azienda di analisi dell'acqua di falda Harden Environmental Services ha concluso in un report che, "il pompaggio di acqua [da parte di Nestle] produce una depressurizzazione" della falda da cui l'acqua viene pompata, che potrebbe trasformare i pozzi o le falde settiche in spazi adatti al proliferari di contaminanti.

Inoltre, presto o tardi potremmo davvero finire l'acqua. La NASA lo scorso anno ha pubblicato dei dati che mostrano che "circa un terzo dei bacini di acqua di falda della Terra stanno venendo rapidamente consumati dal consumo umano." Assieme al cambiamento climatico, che sta intensificando i fenomeni di siccità in tutto il mondo, potremmo presto aver bisogno di quell'acqua, nel prossimo futuro.

L'acqua in bottiglia, inoltre, non è meglio dell'acqua corrente se viene controllata da strutture governative di controllo efficienti; storicamente, è sempre stata molto peggio di quella corrente. Nel 1999, l'organizzazione no-profit Natural Resources Defence Council ha prodotto un report che ha rivelato come il 25 percento dell'acqua in bottiglia non fosse diversa, in qualità, dall'acqua corrente. Nel 2006, dei test effettuati dalla città di Cleveland hanno rivelato dell'arsenico nelle bottiglie di acqua Fiji. Nel 2008, l'Environmental Working Group ha scoperto che alcuni marchi di acqua in bottiglia non erano diversi dall'acqua corrente, e che in alcuni casi superavano i limiti consentiti per i contaminanti.

"Non c'è bisogno di un intermediario industriale."

I governi municipali sono chiamati, per legge, a effettuare report annuali pubblici sulla qualità dell'acqua, ma gli imbottigliatori di acqua sono monitorati dai consumatori e non da agenzie ambientali. Mentre molti produttori pubblicano dei report sulla qualità, alcuni hanno affermato che questa differenza produce un divario nei benchmark di qualità richiesti ai marchi, rispetto agli enti municipali.

Una dei frangenti critici all'elminazione dell'acqua in bottiglia potrebbe affermare che forme di acqua portatile e rapidamente disponibili potrebbero essere richieste in contesti di emergenza. Per esempio, nelle comunità delle Prime Nazioni che si stanno affidando all'acqua in bottiglia fintanto che il problema con le loro sorgenti non sarà risolto. Non c'è motivo per cui il governo non potrebbe occuparsi di questo problema, ha spiegato Scharper.

"Solo perché c'è un'interruzione di servizio nelle strutture municipali, ciò non significa che deve esserci un'apertura nei confronti dello sfruttamento di queste condizioni per il profitto delle grandi corporation," ha spiegato Scharper. "Se non vengono garantiti i diritti umani, il governo ha il dovere di farlo. Possono fornire acqua da una fonte gestita dalla municipalità. Non c'è bisogno di un intermediario industriale."

Abbiamo preso decisione difficile prima di questa. Per esempio, nonostante la sua popolarità nel mondo della costruzione, l'amienti è stato infine bandita in molti paesi dopo decenni di indagini sui suoi danni. La città di Parigi, in Francia, ha bandito tutte le macchine costruite prima del 1997 dalle sue strade durante le ore diurne della settimana lavorativa per combattere l'inquinamento.

Alcune città hanno già comminciato a eliminare l'acqua in bottiglia. Nel 2009, la città australiana di Bundanoon ha completamente bandito l'acqua in bottiglia. Nel 2014, San Francisco ha bandito l'acqua in bottiglia nelle proprietà cittadine. Si può fare—C'è solo bisogno di un po' di forza di volontà politica.

Quindi, sì, basta con l'acqua in bottiglia.