Immagine via u/Nitrox911 su Reddit  

Un'analisi del porno Lego, il fetish che rovinerà la tua infanzia

Il web è pieno di video con un sacco di mattoncini arrapati.

|
03 settembre 2018, 9:49am

Immagine via u/Nitrox911 su Reddit  

"Se qualcosa esiste, allora esiste anche la sua versione porno," dice la Rule 34 dell'internet.
I link e i video contenuti in questo articolo potrebbero essere considerati NSFW. Occhio a premere play se siete in ufficio, insomma.

Sbattere bambole e soldatini gli uni contro gli altri in modo vagamente erotico è un'attività che può fare parte dello sviluppo di un bambino in un essere umano dotato di sessualità. Alcuni di questi ragazzini, però, sono cresciuti in adulti che continuano a far scopare tra loro i propri omini dei Lego. Sono artisti e registi di film in stop-motion. Benvenuti, nel mondo del porno Lego.

Con il termine agalmatofilia si descrive l'attrazione sessuale per gli oggetti figurativi. Le sex doll e le statue sono l'esempio più immediato da ricondurre a questa parafilia, ma direi che anche i pupazzetti dei Lego sessualizzati rientrano tranquillamente.

Più cerchi porno Lego, più ne guardi; e più ne guardi, più cominci a chiederti quali siano le probabilità che qualcuno che ti è vicino e caro consumi porno Lego per svagarsi. Esiste un subreddit dedicato al porno Lego con 725 iscritti, e solo 15 post spalmati in un periodo di 5 anni, evidentemente perché conta la qualità più che la quantità — o perché ci sono più persone che consumano porno Lego di quante sono quelle che lo producono.

C'è il Big Lego Porn Album, una gloriosa raccolta di alcuni dei migliori esempi del genere, da cartoni in stile New Yorker di sex worker Lego a ibridazioni a tema Lego e tentacoli. Diverse di queste immagini hanno un watermark che recita drew.corrupt.net, un link che al momento rimanda a un blog in lingua giapponese sul bambino appena nato di qualcuno — decisamente niente a che fare con mattoncini colorati che scopano duro. Questo album ha accumulato più di 34.000 visualizzazioni.

r/legoporn presenta un paio di crosspost da r/bdsm with bricks, obiettivamente molto artistici. Un altro incrocio tra reami della narrativa e Lego è poi Harry Potter.

Forse la loro eccitazione deriva dai giocattoli stessi. Non possiamo saperlo finché non chiediamo.

Buona parte del porno Lego consiste di disegni fatti dai fan di un personaggio di nome Wyldstyle, presente nel film Lego Movie, uscito nel 2014. Non ci vuole molto a capire perché Wyldstyle possa arrapare, nello specifico: È doppiata da Elizabeth Banks, è sfrontata e rappresenta l'interesse amoroso proibito del protagonista del film. Indossa anche un body di pelle con una zip davanti. Andiamo. Ha l'aspetto di una che capace di divorarti e saresti solo contento se lo facesse.

Poi ci sono i film in stop-motion. Il video "Lego Porn" della YouTuber Kimberly Regan, caricato nel 2007, evoca un'estetica anni Settanta e il cliché del "fattorino della pizza." Le visualizzazioni superano il milione. Non è mai facilissimo capire la differenza tra battute e parodie porno fatte con i Lego e un contenuto effettivamente fetish — ma questo ricade più probabilmente nel primo insieme.

Fin qui tutto bene, ma il vero apice del genere è "French Anal Lego Sluts 7," un film d'autore del 2008 caricato su Pornhub. L'ignoto regista ha aggiunto tette e peni di pongo ai pupazzetti, per extra realismo. È vera arte. E lo scorcio della Torre Eiffel dalla finestra è un tocco elegantissimo.

Tra le menzioni d'onore, va inserita per forza l'opera magna di Alex Eylar: Eylar ha preso le figure dei Lego e ha ricreato i commenti ai video porno, con risultati terribili e da morir dal ridere. Non propriamente "porno Lego," ma possiamo considerarla parte del più ampio Universo del Porno Lego.

Ho chiesto a Carolanne Marcantonio, terapista sessuale e co-fondatrice di Wiser Sex Therapy a New York, di aiutarmi ad analizzare il porno Lego in quanto fetish. "I gusti sessuali sono vasti e in continua espansione," mi ha detto via email. "Alcuni potrebbero mettere i [pupazzi] Lego in quelle posizioni semplicemente perché è divertente; altri perché li eccita sessualmente. Può darsi che non sia una fantasia lega tanto ai Lego di per sé, ma più all'esplorare azioni come l'umiliazione e il degrado."

Manipolare figure che somigliano all'essere umano in situazioni sessuali o degradanti attira alcuni, ha detto Marcantonio, come metodo per mettere in pratica qualcosa che non possono o non vogliono fare nella vita reale. "Ci sono ovviamente modi per esplorare questi desideri anche nella realtà, in contesti sicuri, sani e consensuali," ha detto. "Ma non tutti sono pronti a fare il passo dai giocattoli alla messa in pratica reale con altri esseri umani, e magari per alcune delle persone che giocano con i Lego non è comunque quello lo scopo ultimo. Forse la loro eccitazione deriva dai giocattoli stessi. Non possiamo saperlo finché non chiediamo. E persino in quel caso, il motivo potrebbe avere radici nell'inconscio."

I mondi virtuali basati su mattoncini simili ai Lego — come Minecraft e Roblox — hanno reso più semplice che mai simulare fetish e atti sessuali usando i mondi delle costruzioni. È come fare

Virtual block-based, Lego-like worlds like Minecraft and Roblox have made it easier than ever to simulate fetishes and sex acts using buildable worlds. È come fare "woohoo" in The Sims, ma più... squadrato.

Ho mandato una email alla Lego Group in cerca di un commento su questa particolare nicchia di fan: Perché, a loro avviso, il loro prodotto è così attraente per queste persone?

"Grazie per averci contattato," ha risposto un portavoce dell'azienda. "Non abbiamo niente da aggiungere rispetto al contesto, in quanto non legato a noi o ai nostri obiettivi come azienda in alcun modo."

Una risposta un po' più abbottonata di quella data dalla portavoce di LEGO Emma Owen al Daily Star nel 2016:

"Ogni giorno vediamo fan che costruiscono e creano progetti di qualsiasi tipo con i prodotti LEGO®. E, alle volte, creano qualcosa che noi personalmente non faremmo mai, dopo tutto siamo una marca di giocattoli per bambini. Ma, in fondo, questo è il vero punto di LEGO: Chiunque può costruire qualsiasi cosa riesca a immaginare."

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.