Amazon ha creato un esercito su Twitter che la difende a colpi di ottimismo

Una serie di account Twitter di dipendenti qualificati come Ambassadors di Amazon prende le difese dell'azienda sul social ogni volta che qualcuno la critica.

|
ago 24 2018, 11:54am

Immagine: screenshot da Twitter.

A quanto pare, Amazon ha trovato un nuovo modo di rispondere alle accuse di sfruttamento dei suoi dipendenti. Il tutto grazie a una serie di account Twitter qualificati come FC Ambassadors di Amazon — Ovvero, fulfillment centers ambassador.

Nelle ultime due settimane, 16 account Twitter che hanno molti aspetti in comune hanno iniziato a rispondere ai commenti negativi nei confronti di Jeff Bezos pubblicati in risposta a un tweet del politico Bernie Sanders. Il tweet commentava le condizioni di lavoro dei lavoratori dei centri di smistamento dell’azienda, facendo notare che nel giro di 10 secondi, Bezos guadagna più di quanto riesce a fare un dipendente di Amazon in un anno

Tutti questi account attribuiti a dipendenti dei centri di Amazon condividono le seguenti caratteristiche: riportano solo il nome ma non il cognome dei loro proprietari, hanno il logo con il sorriso di Amazon come immagine di copertina, le loro bio hanno la stessa struttura — titolo di lavoro @ centro di Amazon del caso, da quanto tempo lavorano per Amazon, Amazonian, 2 o 3 hobby —, rimandano tutti al servizio di tour dei centri di Amazon, ma soprattutto pubblicano post scritti con lo stesso tono in cui raccontano quanto è fantastico lavorare per Amazon.

Al momento, non sono stati rilevati profili di questo tipo attruibuibili a dipendenti non statunitensi.

Il The Guardian ha contattato diversi tra questi account più attivi su Twitter, ma non ha ricevuto risposta oltre ad aver chiesto chiarimenti ad Amazon stessa. Il portavoce di Amazon, Ty Rogers, ha assicurato via mail al The Guardian che i profili Twitter non sono bot ma dipendenti reali che lavorano nei centri di Amazon.

”Gli FC ambassadors sono dipendenti che capiscono cosa significa lavorare nelle nostre FC,” ha dichiarato il portavoce. ”La cosa più importante è che sono qui da abbastanza tempo per condividere onestamente i fatti sulla base dell'esperienza personale. È importante che svolgiamo un buon lavoro per informare le persone sull'ambiente reale all'interno dei nostri centri, e il programma per gli ambasciatori FC ne è una parte importante, insieme ai tour che offriamo".

Di seguito una carrelata dei Tweet prodotti da questo account che può dare un'idea del tono dei loro messaggi. Sembra un'epidemia di ottimismo e buonumore.

Da diverso tempo, vengono segnalate condizioni di lavoro disumane nelle sedi di Amazon. Dietro a offerte estremamente vantaggiose per i clienti, si celerebbe una penalizzazione della vita lavorativa per i dipendenti dell'azienda. Tra le segnalazioni diventate di dominio pubblico ci sono le pause alla toilette cronometrate, il personale sottopagato, gli obiettivi impossibili e le condizioni di lavoro estenuanti e ”intollerabili.” Il problema interessa anche l'Italia tanto che, a novembre scorso, i lavoratori della sede di Piacenza hanno proclamato uno sciopero durante il Black Friday per la mancata apertura di Amazon a una revisione del ciclo lavorativo estenuante.

Gli account Twitter FC Ambassadors di Amazon risponderebbero proprio ai tweet che toccano questi temi con dichiarazioni che sprizzano entusiasmo da tutti i pori. Al momento, questi tweet producono solo l'effetto di essere cringe, ovvero, disturbanti, risultando quindi controproducenti, Forse Amazon dovrebbe cambiare tattica.

Segui Federico su Twitter: @spaghettikraut