Come possiamo ottenere il futuro che vogliamo?

Ne 'La Terza Rivoluzione Industriale,' Jeremy Rifkin descrive un'infrastruttura completamente nuova che cambierà l'economia globale. Ma come superiamo gli evidenti problemi?

|
feb 14 2018, 12:41pm

Immagine: Nathan Bajar

Il mese scorso, durante lo State of the Union, Donald Trump ha proposto un investimento da 1.5 trilioni di dollari in infrastrutture che dovrebbero essere, presumibilmente, pensate per ristrutturare ponti, strade e migliorare i sistemi di telecomunicazione nel paese. Anche se dobbiamo ancora analizzare le specifiche di questo accordo, il dibattito politico riguardante la nuova era di investimenti infrastrutturali è stato sempre in gran parte focalizzato su chi saranno le persone che finiranno per pagare questi investimenti, non che cosa costruiremo con quei soldi.

"Il dibattito tra i democratici e i repubblicani gira attorno a, 'Verrà pagato dal governo federale o dai governi locali e statali? Favorirà la privatizzazione o manterrà le infrastrutture come pubbliche?' Questo è il dibattito," mi ha spiegato recentemente al telefono Jeremy Rifkin, un teorico sociale ed economico che ha lavorato come consulente ufficiale per l'Unione Europea e per la Cina. "Ciò che ci stiamo perdendo è che Trump sta investendo un trilione e mezzo di dollari a un'infrastruttura progettata per il 20esimo secolo."

Rifkin insegna nell'ambito dell'executive education program della Wharton School of Business della University of Pennsylvania, ed è l'autore di una serie di libri che riflettono su come l'America e gran parte del mondo abbiano raggiunto il punto di saturazione sulle potenzialità economiche e di efficienza della nostra attuale infrastruttura e dei nostri sistemi economici — e nel fare ciò, ci stiamo rapidamente dirigendo verso un precipizio ambientale e verso una crisi che porterà ad un'estinzione di massa. Ne La Terza Rivoluzione Industriale, un libro e un nuovo film pubblicato da VICE, Rifkin afferma che l'investimento nelle nuove tecnologie debba essere combinato da una volontà sociale e politica di trasformare radicalmente l'economia globale e di combattere con decisione il cambiamento climatico.

Il punto cruciale del discorso di Rifkin è che internet (e, presto, l'infrastruttura per la comunicazione in 5G) ci ha fornito un'infrastruttura comunicativa a costo marginale zero — distribuire una copia di una notizia, di una canzone, di una serie TV non differisce troppo dal fare lo stesso ma con miliardi di copie — , ma nel frattempo l'infrastruttura dei trasporti e quella energetica non ci sono state dietro. Rifkin descrive tre "internets" — un internet della comunicazione, uno dell'energia e uno dei trasporti — che cambieranno radicalmente o decentralizzeranno tutte le industrie sulla Terra e trasformeranno le economie nazionali che hanno fatto affidamento su risorse fossili costose e inefficienti.

"La convergenza di questi internet ci permetterà di lavorare con dei costi marginali bassi e fissi e di avere a che fare direttamente con la vita sociale ed economica," ha detto. "Ed evitare le industrie globali e verticalmente pervasive del 20esimo secolo."

Rifkin ha lavorato con la Regione Metropolitana di Rotterdam e L'Aia, il Gran Ducato del Lussembergo e l'Alta Francia per produrre un sofisticato piano da 500 pagine dei tipi di tecnologie e di cambiamenti politici, sociali ed economici che saranno necessari per implementare il suo piano. Questi piani trattano gli stessi temi di convergenza delle tecnologie e degli ideali che da tempo discutiamo qui su Motherboard, ed esplorano ciò che sarebbe possibile se le tecnologie emergenti riuscissero a superare le numerose problematiche che hanno generato con la loro diffusione.

"Lo sforzo politico dei millennial, dei loro figli e dei loro nipoti sarà la chiave per poter interpretare questi problemi."

Per esempio, abbiamo cominciato a vedere degli individui, dei governi locali e dei piccoli gruppi di persone che hanno cominciato a creare delle reti elettriche proprietarie basate sull'energia solare ed eolica. Se queste micro-reti sono possedute localmente e sono usate per dare energia a delle auto elettriche driverless che lavorano per un sistema di ride sharing locale connesso a un sistema di smart contract basato su blockchain, hai creato un sistema economico che non avrà, a un certo punto, alcun costo per essere attivato una volta che tutta l'infrastruttura alla sua base sarà oliata. Allo stesso tempo, le aziende energetiche tradizionali, le aziende di consegne, le auto personali, e i sistemi bancari verranno scosse nel profondo e il potere economico e politico tornerà in mano alle comunità regionali e locali.

"Nulla è più politico di smuovere i poteri centralizzati che fanno girare il mondo e la politica che li ha assecondati verso uno scenario in cui dell'energia pulita e distribuita può essere condivisa," ha detto Rifkin. "Tutto ciò è estremamente politico. Ci sono molti progetti in partenza, ma ciò che non si è ancora visto è una visione complessiva o una narrativa in grado di collegare tutti questi puntini."

Abbiamo visto tutte queste tecnologie svilupparsi nel mondo della ricerca e sotto forma di progetti ed esperimenti pilota in diverse parti del mondo, ma Rifkin propone di spingere l'acceleratore investendo sugli avanzamenti infrastrutturali e tecnologici necessari a farci arrivare a destinazione il più velocemente possibile.

"Non c'è ancora stata una rivoluzione perché si tratta di progetti pilota che non sono passati al livello successivo," ha detto Rifkin. "Ciò che non abbiamo fatto è stato cominciare a posare l'infrastruttura trasformativa su cui tutti questi progetti devono poter fare affidamento."

Ne La Terza Rivoluzione Industriale, Rifkin non si chiede cosa potrebbe succedere se queste tecnologie funzionassero; invece afferma che se non funzioneranno, o se non investiamo tutto ciò che abbiamo in esse, il nostro attuale affidamento sull'energia non-pulita ci ucciderà, presto o tardi.

Da persona che ha visto nascere gran parte delle tecnologie di cui Rifkin parla, è eccitante vedere qualcuno in grado di metterle insieme all'interno di una narrativa coerente e con una visione che potrebbe cambiare il mondo.

Ma ho anche visto in prima persona i problemi generati da queste tecnologie: la prima ondata dell'Internet of Things è stata un disastro senza mezzi termini, con milioni di baby monitor e sistemi di sorveglianza casalinga privi di qualunque protocollo di sicurezza che, connessi a internet, si sono trasformati in una botnet in grado di attaccare l'infrastruttura di internet; una nuova era del consumismo associata ai cicli di aggiornamento dei prodotti per elettrodomestici che fino a poco tempo fa duravano parecchio, che ora si trovano sostituiti da dispositivi smart che potrebbero anche non funzionare nei prossimi anni, se le aziende che li producono decidono di smettere di supportare il software che li fa funzionare.

La blockchain si porta dietro molte promesse, ma le critpovalute sono volatili, al momento, il mining è estremamente dannoso per l'ambiente e le criptovalute sono finite per diventare ancora più centralizzate rispetto a quelle che vorrebbero sostituire (e, tra l'altro, la tecnologia della blockchain potrebbe portare, per esempio, a vestiti che ci spiano.)

Il Ridesharing e quella delle auto senza pilota, fino a questo momento, sono state industrie dominate da aziende estremamente potenti della Silicon Valley, che hanno riscritto unilateralmente o ignorato le leggi per proteggere gli esseri umani. Mentre aziende come Uber, Google e Lyft minacciano di monopolizzare industrie che sono state la spina dorsale della nostra economia e una fonte importante di posti di lavoro per decenni.

La nostra infrastruttura di telecomunicazioni non solo non è competitiva, ma vive anche all'interno di un contesto normativo in cui i provider hanno appena ucciso la neutralità delle reti su cui sarà basata la maggior parte di questa tecnologia. Facebook, Google, Twitter e Apple monopolizzano sempre di più i modi in cui fruiamo delle informazioni, utilizzano algoritmi per confinarci all'interno di esistenze e verità parallele al mondo esterno e lavorano costantemente per ottenere un ulteriore controllo sulle loro piattaforme e sui loro ecosistemi.

"Quello che è successo è che gli autisti hanno iniziato a chiedersi 'A cosa servono Uber e Lyft?'"

Perché il piano di Rifkin possa funzionare, allora, dobbiamo superare tutti o gran parte di questi problemi politici, sociali ed economici sempre più radicati. Rifkin ha riflettuto a lungo su questi problemi ed è consapevole delle difficoltà :"Non sono un utopista", ha detto. Sono solo fiducioso restando costantemente vigile. Non credo che il nostro destino è segnato, ma non penso che ci ritroviamo a vivere nel mondo ideale e sono piuttosto preoccupato ".

”Come possiamo assicurarci che nessuno resti escluso quando tutti sono connessi? Come ci assicureremo che i governi non sfruttino questa terza rivoluzione industriale delle infrastrutture per i loro fini politici o che le aziende di internet non la sfruttino per appropriarsi di tutti i nostri dati privati per costruire dei monopoli? Come possiamo proteggere la sicurezza dei dati quando vediamo che i malware mettono in crisi il sistema ogni giorno,” ha detto Rifkin. ”Come possiamo garantire piattaforme pubbliche non monopolizzate da Google, Facebook e Twitter?”

"Credo sia ingenuo pensare che i Google, i Facebook e gli Alibaba saranno tra le poche piattaforme ad amministrare il mondo"

Ci sono certamente molti segnali positivi che rimandano a un futuro in cui riusciremo a superare questi problemi; vale la pena tenere d'occhio quello che sta cominciando ad accadere con il ridesharing e l'infrastruttura di internet, dove sono in atto diverse piccole rivoluzioni locali. Le comunità locali stanno avviando i propri Uber e i propri ISP.

”Il ragionamento di Uber era questo: mettiamo su un sito web fico, poi facciamo in modo che ogni proprietario di auto del mondo lavori per noi,” ha aggiunto. ”Hanno utilizzato una piattaforma distribuita, aperta e trasparente con costi marginali molto bassi o nulli per costituire un'azienda gigante, integrata a livello globale e finanziata da Goldman Sachs e Google. Quello che è successo è che gli autisti hanno iniziato a chiedersi "A cosa servono Uber e Lyft? Assisteremo alla nascita di cooperative di ridesharing create intorno ai conducenti a livello regionale, che otterranno finanziamenti bancari e manterranno i loro guadagni all'interno della loro comunità e dei loro territori d'origine."

Risolvere lo squilibrio tecnologico non è un problema di Rifkin, ma nostro. Negli ultimi anni, è stato facile guardare alla tecnologia come a una forza che ha peggiorato il mondo. Ma queste tecnologie ci forniscono almeno una via d'uscita plausibile dalla crisi ambientale che stiamo attraversando. La questione è capire come possiamo far funzionare la tecnologia a nostro favore invece che contro di noi e se possiamo raccogliere la volontà politica di creare un sistema più progressista ed equo.

Credo sia ingenuo pensare che i Google, i Facebook e gli Alibaba saranno tra le poche piattaforme ad amministrare il mondo — Guardo queste aziende e non posso credere che i millennial permetteranno che ci sia una sola piattaforma per la logistica, una per le comunicazioni e una per l’intrattenimento. Sappiamo che ci sono alternative,” ha detto Rifkin. “Credo che lo sforzo politico dei millennial, dei loro figli e dei loro nipoti, sarà il modo in cui ci occuperemo di questi problemi.”

Seguici su Facebook e Twitter.