Perché un festival di videogiochi ha fatto infuriare la Lega

Organizzato all'interno della manifestazione Giocanda a Pavia, l'evento ha presentato anche un gioco intitolato 'Little Antifa Novel,' per cui la Lega presenterà un'interpellanza giovedì.

|
ott 10 2018, 10:26am

'Little Antifa Novel' di Mauro Vanetti, Chiara Colangelo e Davide Gastaldo

Lo scorso fine settimana, a Pavia, la manifestazione di giochi di strada Giocanda ha presentato per la prima volta un micro-festival videoludico, chiamato Videogiocanda. L’evento culturale apparentemente innocuo ha attirato l’attenzione della Lega, che giovedì presenterà in consiglio comunale un’interpellanza e, secondo fonti vicine alla giunta, ci sarebbero malumori anche in questura e nella maggioranza di centrosinistra.

Videogiocanda è stato organizzato dallo sviluppatore indipendente Mauro Vanetti (autore di Two Interviewees), in collaborazione con l’associazione Game Happens — che ha curato uno showcase di videogiochi indipendenti internazionali e ha collaborato a una tavola rotonda in cui il prestigiatore e attivista Mariano Tomatis, la direttrice del Museo per la Storia dell’Università e del Museo di Fisica Lidia Falomo Bernarduzzi, l’attrice Chiara Vitti e il regista Filippo Ticozzi hanno discusso del rapporto tra il loro lavoro e alcuni videogiochi.

È stato inoltre organizzato uno showcase dedicato a opere realizzate da sviluppatori pavesi e curato da Vanetti, autore insieme a Chiara Colangelo e Davide Gastaldo di uno dei videogiochi in mostra: Little Antifa Novel. Proprio questo gioco è la ragione scatenante della rimostranza della Lega.

Pubblico del festival Videogiocanda 2018 durante l'evento. Il gioco nello schermo al centro è 'Little Antifa Novel'. Foto di Matteo Lupetti

Little Antifa Novel è un racconto interattivo a bivi: il giocatore deve organizzare la contro-manifestazione che il 5 novembre 2016 si è opposta al corteo neofascista di Pavia, che prima di allora si svolgeva annualmente, unendo ai membri della sezione locale di CasaPound — colpevoli in seguito di un’aggressione proprio contro Vanetti — altri gruppi del Nord Italia. La contro-manifestazione — promossa anche dall’ANPI — è stata sciolta con violenza dalla polizia, ma dal 2017 la manifestazione neofascista è stata finalmente vietata.

Nel gioco, vari personaggi si rivolgono al giocatore esponendogli una situazione — la notizia del corteo neofascista, la necessità di parlare con la polizia per chiedere lo spazio per una contro-manifestazione, la decisione su come coinvolgere il sindaco — e il giocatore deve scegliere tra diverse alternative come procedere, parlando a propria volta con polizia, politici, neofascisti e compagni dell'ARCI Radio Aut. Si può mantenere una posizione più "moderata," evitando del tutto lo scontro, o unirsi a chi vuole scendere in piazza — in questo modo, il gioco può concludersi in svariati modi.

Screenshot via: Little Antifa Novel
Screenshot via: Little Antifa Novel

"A Pavia, nell'ambito di una manifestazione patrocinata dal Comune, è stato presentato un videogioco inerente una manifestazione non autorizzata di ‘antifascisti’ (di fine 2016, che ha visto la presenza del sindaco)” ha scritto a Motherboard via chat Matteo Mognaschi, capogruppo leghista responsabile dell’interpellanza. “Trovo questa cosa assolutamente grave, perché legittima un comportamento illegale in un contesto istituzionale come è una manifestazione patrocinata e rivolta ad un pubblico di ragazzi.”

Ma per Vanetti Little Antifa Novel — da lui definito “un ludovolantino” — è più di una legittimazione di un comportamento illegale, anche perché non ci sono ancora state condanne per la contro-manifestazione e i 7 indagati — tra cui Vanetti — devono ancora essere processati.

Screenshot via: Little Antifa Novel

“In Little Antifa Novel il tema era piuttosto delicato: qual è la tattica giusta per fermare i nazisti?” ha spiegato a Motherboard lo sviluppatore in un messaggio diretto su Twitter. “Ho deciso, pur avendo un mio punto di vista che non nascondo, di lasciare una certa libertà esplorativa al giocatore. Il gioco non finisce con un punteggio, non c'è il finale giusto, non c'è vincere o perdere [...]. È possibile tenere una linea determinata ma difensiva, come abbiamo fatto noi il 5 novembre 2016, quando la polizia ha cercato di farci sloggiare e noi abbiamo resistito. Ma è anche possibile decidere di ritirarsi o addirittura di non scendere in piazza e lasciare i neonazisti liberi di agire indisturbati. Inoltre, è possibile tentare di contrattaccare [...]. Credo che io, Chiara e Davide abbiamo fatto un gioco molto ‘onesto’ verso il giocatore: non lo imbocca, non lo porta per mano dove vogliamo noi.”

In attesa di sapere come si svolgerà la diatriba politica, il nostro consiglio è di provarlo: potete giocare a Little Antifa Novel gratuitamente sul vostro browser.