I maschi delle anatre sono in eterna competizione per le dimensioni del pene

Le anatre sono famose per i loro peni a forma di cavatappi e per le loro vagine complesse.

|
26 settembre 2017, 11:22am

Ci sono poche specie di uccelli che hanno il pene. Le anatre sono tra queste, e hanno una certa reputazione per la stranezza dei loro genitali — peni a forma di cavatappi e vagine complesse con vicoli ciechi e falsi passaggi. Alcuni peni di anatra sono relativamente grossi. Un gruppo di ricercatori dell'Alaska ha visto un'anatra con un pene di 42 cm, "molto più lungo dell'uccello stesso," mi ha detto l'esperta di fisiologia delle anatre Patricia Brennan al telefono.

Un'anatra in erezione. Immagine: P. Brennan

Brennan è a capo di un nuovo studio su The Auk: Ornithological Advances in cui cerca di capire l'impatto del contesto sociale sulla crescita e le dimensioni definitive del pene. Lo studio ha rivelato che effettivamente il contesto ha un ruolo, suggerendo che alcuni possono sviluppare dei genitali molto grandi per competere con gli altri maschi.

Brennan, docente di scienze biologiche al Mount Holyoke College, in Massachusetts, ha scoperto durante una ricerca precedente che i genitali di maschi e femmine si sono co-evoluti. Le vagine molto complesse delle femmine sono una risposta ai maschi che forzano il pene al loro interno. In quella che è stata definita una forma di conflitto sessuale, gli uomini hanno sviluppato peni lunghi a forma di spirale per rispondere alle vagine.

I genitali degli esemplari maschi sono dentro una specie di sacco interno al corpo, e fuoriescono quando è il momento giusto. Brennan ha immortalato la cosa in un video durante la sua ricerca. (Da vedere.)

Video: Science News/Vimeo

"Questa co-evoluzione è il risultato di una corsa per il controllo della riproduzione, perché gli esemplari maschili di anatra forzano le donne a copulare ma a loro non piace," ha detto Brennan. "Allora [le femmine] hanno sviluppato questa anatomia che impedisce ai maschi di attuare un'inseminazione forzata."

"Sono l'evoluzione definitiva di quanto in là può spingersi un pene."

Il nuovo paper di Brennan si concentra sulle condizioni che influiscono sulle dimensioni del pene. Si è concentrata sulla Oxyura jamaicensis [anche detta gobbo della Giamaica, ndr] conosciuta per essere molto promiscua, e sull'Aythya affinis [moretta americana, ndr] che ha un pene più piccolo e si accoppia stagionalmente. Ha osservato entrambi i gruppi per più di due anni.

Brennan ha ipotizzato che un pene più grosso potesse evolvere in risposta alle preferenze delle femmine. "Forse le femmine amano i peni grossi perché dicono qualcosa dei maschi" ha detto. "Ma io immagino che non sia plausibile, a causa di queste copulazioni forzate."

L'altra opzione, ha pensato, è che i peni più lunghi diano una possibilità ulteriore nella competizione per il partner. In quel caso, sarebbe più di una questione di apparenze. "Un maschio con un pene più lungo può depositare lo sperma più a fondo," ha detto.

Brennan ha separato entrambe le specie in gruppi diversi. Ha messo le morette americane in un gruppo con poche femmine, osservando che in media i maschi sviluppano peni più lunghi rispetto a quelli che vengono disposti per coppie.

"La competizione tra maschi favorisce i peni più lunghi," ha detto.

Le anatre giamaicane sono molto arrapate e hanno dei peni estremamente lunghi. Secondo Brennan, anche se dovesse metterli in competizione con altri maschi, non sarebbero in grado di sviluppare un membro più lungo perché i loro peni sono già piuttosto estremi. "Sono l'evoluzione definitiva di quanto in là può spingersi un pene," ha detto.

In questo gruppo, i maschi dominanti intimidivano fisicamente le anatre più piccole. Brennan ha scoperto che, come risultato, alcune delle morette americane più piccole mostravano un ritardo riproduttivo, e avevano bisogno di un tempo più lungo per raggiungere la maturazione riproduttiva completa.

"Sta battendo tutti gli altri in modo che non possano sviluppare un pene più grosso del normale," ha detto, spiegando che i maschi farebbero a gara per eliminare altri maschi più piccoli che si mostrano alle donne. "Quindi hai un gruppo di uomini che stanno cercando di far crescere questi peni, e poi il maschio dominante che cerca di evitarlo."

Questa è stata una sorpresa. "La soppressione riproduttiva dei maschi dominanti è conosciuta in alcune specie di mammiferi, ma negli uccelli non abbiamo le prove che possa succedere."

Brennan ha in programma di continuare a studiare i peni delle anatre. "Un esempio figo di modi alternativi in cui l'evoluzione può elaborare i genitali," ha detto. "Gli esemplari hanno l'abilità di essere molto strategici riguardo allo sviluppo di peni più o meno lunghi."