È morto il fondatore di un exchange di criptovalute e ora nessuno può recuperare 190 milioni di dollari

L'exchange canadese QuadrigaCX deve ai propri clienti circa 127 milioni di euro in criptovalute, ma l'unico che aveva le chiavi per accedere ai fondi è defunto.

|
05 febbraio 2019, 11:07am

Immagine: Shutterstock 

Il fondatore di un exchange di criptovalute canadese è morto all'improvviso mentre era all'estero, lasciando inaccessibili circa 190 milioni di dollari canadesi (circa 127 milioni di euro) in token digitali dovuti ai clienti, stando ai documenti depositati in tribunale la settimana scorsa. dalla vedova dell'uomo.

QuadrigaCX è un exchange di criptovalute ben noto, in cui clienti canadesi possono depositare fondi per commerciare token come i Bitcoin sulla piattaforma. QuadrigaCX ha una storia finanziaria travagliata — l'anno scorso la banca canadese CIBC ha congelato i conti relativi all'exchange perché non riusciva a determinare chi fosse il proprietario dei fondi in questione. Inoltre, in passato, i clienti si sono lamentati perché non riuscivano a ritirare i soldi dall'exchange.

La settimana scorsa, QuadrigaCX ha presentato un'istanza per la protezione dei creditori alla Corte Suprema di Nova Scotia. Nella deposizione giurata, pubblicata da Coindesk, Jennifer Robertson — vedova del fondatore dell'exchange — ha rivelato che l'azienda deve agli oltre 90.000 clienti circa 260 milioni di dollari canadesi (circa 174 milioni di euro), di cui 70 milioni in valuta fiat e circa 190 milioni in criptovalute, stando ai prezzi aggiornati.

La maggior parte di questi fondi è apparentemente inaccessibile dopo che il fondatore, il 30enne Gerald Cotten, è morto pochi mesi fa in India per complicazioni dovute al Morbo di Crohn, stando alla deposizione.

I fondi di criptovalute sono gestiti con l'uso di "chiavi" private — se la chiave viene perduta, o il detentore sparisce senza far sapere ai colleghi come accedere alle chiavi, allora la criptovaluta è a tutti gli effetti persa

Stando sempre ai documenti del tribunale, Cotten "aveva la responsabilità esclusiva" della gestione delle monete dell'exchange. I fondi di criptovalute sono gestiti con l'uso di "chiavi" private — se la chiave è perduta, o il detentore sparisce senza far sapere ai colleghi come accedere alle chiavi, allora la criptovaluta è a tutti gli effetti persa. Stando alla deposizione, la maggior parte dei fondi dell'exchange erano conservati in "cold storage" (ovvero: offline), il che fa presupporre che le chiavi fossero conservate su un dispositivo sicuro non connesso a internet per ragioni di sicurezza. È come il caveau di una banca, paragonato a quello che un cassiere ha a portata di mano.

Stando alla deposizione di Robertson, Cotten era "sempre molto attento alla sicurezza," e, finora, qualsiasi tentativo di accedere ai fondi in cold storage è stato inutile. Stando alla deposizione, Cotten aveva una chiavetta USB criptata e un portatile criptato, ambedue inaccessibili al momento. "L'inventario di criptovalute di Quadriga è impenetrabile e parte di esso potrebbe essere del tutto perduto," si legge nella deposizione.

Cotten ha firmato un testamento il 27 novembre 2018, ha riportato il Globe and Mail, pochi giorni prima di morire, il 9 dicembre 2018. Il testamento rendeva Robertson esecutrice dei suoi averi e conteneva disposizioni come 100.000 dollari lasciati per la cura dei due chihuahua — ma, a quanto pare, zero istruzioni su come ritirare i fondi in criptovalute in caso di sua prematura dipartita.

Robertson ha assunto un investigatore, tale Christopher McBryan, per cercare di forzare i dispositivi bloccati e recuperare token o registri di affari, stando alla deposizione.

Quando Motherboard lo ha contattato per un commento, McBryan ha invocato il privilegio avvocato-cliente e ha chiesto di fare riferimento allo studio legale per cui lavora, Waddell Phillips. Nessun portavoce di Waddell Phillips si è reso disponibile per un commento.

L'idea che un solo dirigente controllasse la maggior parte dei fondi clientelari e che non abbia pensato a un piano di emergenza per erogare quei fondi in caso di morte — specialmente dopo aver firmato un testamento — ha stranito molte persone nella comunità delle criptovalute, che sospettano sia tutta un'elaborata frode.

Jesse Powell, CEO dell'exchange di criptovalute statuintense Kraken, ha detto a Motherboard in una email che Kraken sta usando registri di blockchain disponibili pubblicamente e tiene traccia dei fondi perduti.

"Considerata la levatura delle persone coinvolte e la quantità di tempo che hanno dovuto investire per fare dei piani, non mi sembra credibile che abbiano lasciato che accadesse una cosa così, a meno che non volessero che succedesse," ha detto Powell a Motherboard via email.

Kraken si sta mettendo "attivamente" in contatto con le autorità canadesi, comprese quelle federali, ha detto Powell.

"Abbiamo seri dubbi sulla storia ufficiale e vorremmo condividere i nostri pensieri e le nostre scoperte," ha scritto Powell. "Solo le forze dell'ordine potranno acquisire le informazioni private ma rilevanti che al momento non sono pubbliche, per mettere insieme tutti i pezzi."

La polizia federale canadese non ha risposto alla richiesta di commento di Motherboard.

In cima ai guai di Quadriga c'è poi l'impossibilità di risarcire i clienti con valuta fiat. La banca canadese CIBC ha congelato i conti che appartenevano a uno dei processori di pagamento di Quadriga, Costodian, l'anno scorso — una situazione poi degenerata in battaglia in tribunale. Alla fine, CIBC ha concesso i fondi alla corte, che li ha poi restituiti a Costodian in forma di assegni bancari. Stando alla deposizione di Robertson, Costodian non è riuscita a trovare un partner bancario che accettasse gli assegni e l'exchange stesso non ha potuto aprire un conto in banca.

Quadriga chiederà alla corte questa settimana di riconoscere la società di revisione Ernst & Young come ispettore finanziario. Quando contattati, i portavoce di Ernst & Young hanno declinato di fornire un commento.

Un altro giorno come tanti nel mondo delle criptovalute.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US