Ecco 70 videogiochi giapponesi che tutti credevano persi per sempre

I 67 GB di giochi erano in una cartella chiamata “DO NOT UPLOAD” in un forum privato e potrebbero sparire presto di nuovo.

|
07 giugno 2018, 8:43am

Immagine: Labyrinthe

Fino a pochi giorni fa, tutti pensavano che il rarissimo videogioco giapponese per PC Labyrinthe, sviluppato da Caravan Interactive, fosse andato perduto per sempre. Questo, finché il mitico terzo capitolo della a sua volta oscurissima serie Horror Tour non è stato ritrovato all'interno di una cartella da 67 GB di file ROM su un forum privato. A quanto pare, anche altri giochi rari contenuti nella cartella verrano presto resi pubblici.

Fin dalla sua pubblicazione nel 1998, gli appassionati di retrogaming hanno setacciato il web per scovare il videogioco, senza nessun risultato. Su Amazon Japan, dove è disponibile la sua copertina, viene riportato anche il suo valore, ma il gioco non è disponibile. Invece, su un post del maggio 2014 su Hardcore Gamer 101 si sostiene che ”Labyrinthe è andato completamente perduto; viene da chiedersi se sia mai stato pubblicato per davvero.”

Anche il prequel di Labyrinthe è difficile da trovare. Horror Tour, noto in Occidente come Zeddas: Servant of Sheol, era disponibile per Sega Saturn e PC. Nel gioco, il protagonista intrappolato all'interno di un castello deve risolvere una serie di enigmi per proseguire la sua avventura e uccidere un demone malvagio di nome Zeddas. Horror Tour 2 è stato pubblicato per PC esclusivamente in giapponese ed è stato riscoperto nel 2014. Il finale del gioco lascia la storia in sospeso, così, da due decenni, i giocatori si chiedono come va a finire.

Ora, finalmente, potranno soddisfare la loro curiosità, anche se non sappiamo ancora da dove provenga il Labyrinthe appena scoperto. Secondo un YouTuber chiamato Saint, che ha pubblicato un video in cui gioca con il videogame e un link per scaricarlo su Mega, Labyrinthe e la bellezza di 70 altri titoli giapponesi rari o addirittura inediti stavano circolando in una directory di file sharing su un sito torrent privato.

Labyrinthe, insieme ad altri titoli rari tra cui Cookie's Bustle, Yellow Brick Road e Link Devicer 2074 erano conservati in una cartella chiamata ”DO NOT UPLOAD.” I membri del forum privato hanno esitato a caricare Labyrinthe nel timore che il collezionista privato che l'aveva creata avrebbe cancellato la cartella rendendo nuovamente non disponibile la collezione di giochi. Questa esitazione dimostra il rapporto, spesso teso, tra chi cerca di preservare i giochi e i collezionisti privati. Secondo uno screenshot caricato da Saint, il collezionista privato ha minacciato di togliere l'intera cartella di contenuti dalla directory e smettere completamente di caricare i giochi se qualcuno avesse diffuso Labyrinthe.

Dopo che il gioco è stato caricato su Mega, probabilmente la cartella verrà cancellata da internet. Ma chi ha condiviso il gioco con altre persone ha agito tutelando gli interessi di chi si occupa di preservare i giochi in tutto il mondo.

Phil Salvador, un bibliotecario e archivista digitale che gestisce The Obscuritory, un blog dedicato ai giochi meno conosciuti, ha spiegato via chat a Motherboard che l'esistenza di molti dei giochi emersi non era neanche nota ai giocatori occidentali.

”È strano perché quando si parla di 'giochi perduti', di solito vengono in mente solo alcuni titoli molto noti che la gente cerca di rintracciare da sempre,” ha aggiunto. ”Questa collezione comprende moltissimi giochi di cui non è disponibile quasi nessuna informazione in inglese e che la gente non pensava nemmeno di cercare, quindi è una scoperta eccitante quasi in modo discreto.”

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MOTHERBOARD e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale .

Salvador ha scritto su Obscuritory che i giochi stanno circolando dall'inizio di quest'anno, ma sono stati caricati solo ora per ”evitare qualsiasi danno personale,” considerando la loro natura privata. Salvador ha caricato Labyrinthe e molti altri giochi su Internet Archive e spera di riuscire a scoprirne altri.

”È strano perché non è davvero il modo migliore per preservare i giochi, ma solo per preservare i giochi che vengono scoperti con dei leak,” ha concluso. ”Idealmente dovremmo collaborare con i collezionisti per condividere giochi come questi. Ma, purtroppo, buona parte della raccolta e conservazione dei giochi passa attraverso situazioni di questo tipo.”

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.

Segui Motherboard su Facebook e Twitter.