Immagine: Shutterstock

Buona apocalisse a tutti: la Terra sta per trasformarsi in una serra infernale

Secondo l'ultimo studio abbiamo tra i 10 e i 20 anni per fare qualcosa, ma dobbiamo iniziare subito.

|
ago 8 2018, 9:28am

Immagine: Shutterstock

Le ondate di caldo di questa estate stanno causando morti e incendi in diverse regioni del mondo. Gli ultimi tre anni sono stati i più caldi mai registrati e, probabilmente, anche il 2018 non sarà da meno. Le nostre scelte in ambito ambientale dei prossimi 10-20 anni determineranno se il nostro pianeta rimarrà un luogo ospitale per la vita umana o si incamminerà lungo una discesa irreversibile verso una serie di condizioni definite in un nuovo importante studio scientifico come ”Hothouse Earth”(Terra-serra.)

L'Hothouse Earth comprende condizioni ambientali apocalittiche in cui le temperature medie globali superano di circa 4-5 gradi Celsius (in regioni come l'Artico in media di 10 gradi °C) rispetto a quelle attuali. In aggiunta, il livello del mare aumenta di 10-60 metri a causa dello scioglimento della maggior parte dei ghiacci globali. In queste condizioni, la maggior parte della Terra diventa inabitabile. Lo scenario viene descritto in uno studio, intitolato "Trajectories of the Earth System in the Anthropocene” e pubblicato in Proceedings of the National Academy of Sciences.

Ridurre le emissioni di anidride carbonica per limitare i cambiamenti climatici di 2 gradi °C, come proposto nell'accordo di Parigi sul clima, non sarà sufficiente per evitare una "Terra-serra", ha dichiarato il co-autore dello studio Johan Rockström, direttore esecutivo del Stockholm Resilience Centre. Il fatto è che le temperature globali non sono determinate solamente dalle emissioni umane di anidride carbonica, ha aggiunto Rockström — anche sistemi naturali come le foreste e gli oceani giocano un ruolo importante.

Se il riscaldamento globale dovesse superare i 2 gradi °C, potrebbe innescare un feedback, o ”elemento di ribaltamento,” in uno o più dei nostri sistemi naturali e provocare un ulteriore surriscaldamento, ha dichiarato Rockström a Motherboard. Per mettere questi dati in prospettiva, le recenti ondate di caldo e gli incendi sono legati al cambiamento climatico che ha innalzato di 1 grado °C la temperatura media globale.

Leggi Anche: Guarda un ghiacciaio da 7.000 metri staccarsi dalla Groenlandia

Il disgelo del permafrost è uno dei 10 feedback esaminati nel paper. Il permafrost è presente in quasi un quarto della superficie terrestre dell'emisfero settentrionale. Se vaste aree di permafrost si sciogliessero, libererebbero enormi quantità di anidride carbonica e metano, aumentando il riscaldamento.

Altri feedback includono la scomparsa delle foresta amazzonica e della foresta boreale (ovvero, quando un'intera foresta muore improvvisamente a causa della siccità o per altre cause), la riduzione della copertura nevosa dell'emisfero settentrionale, dei ghiaccio marino antartico, di strati di ghiaccio polare e la perdita di ghiaccio marino estivo artico.

”Potenzialmente, questi elementi di ribaltamento possono agire come una fila di tessere del domino. Una volta che ne cade una, la Terra è spinta a farne cadere altre,” ha spiegato Rockström. È quasi impossibile fermare questo processo una volta iniziato, ha aggiunto, quindi, siamo sulla strada per l'Hothouse Earth.

”Nei prossimi dieci anni, dobbiamo diventare degli amministratori responsabili del pianeta. Questo è il più grande problema di sicurezza globale di tutti i tempi,” ha dichiarato Rockström.

Non è noto se un aumento di temperatura di 2,0 o anche solo di 1,5 gradi possa innescare uno o più di questi feedback, ma maggiore sarà l'aumento delle temperature globali, maggiore sarà il rischio. La buona notizia è che sappiamo cosa fare per evitare un futuro di Hothouse Earth, dice la co-autrice dello studio Katherine Richardson dell'Università di Copenhagen. ”Abbiamo la conoscenza e la capacità necessarie per agire. È una sfida alla nostra portata,” ha aggiunto.

Gli scienziati delineano tre principali aree di azione. La priorità assoluta per il prossimo decennio è ridurre in modo drastico le emissioni di anidride carbonica e fare sì che i nostri sistemi energetici se ne liberino il più rapidamente possibile. Questo processo è già avviato in parte perché, al momento, in molte aree del mondo, le energie alternative come l'eolico e il solare sono più economiche dell'energia fossile — oltre a non inquinare l'aria e creare più posti di lavoro.

La seconda priorità è arrestare la deforestazione e la conversione delle aree naturali per la produzione agricola. Le foreste e le altre aree naturali assorbono attualmente il 25 per cento delle nostre emissioni di anidride carbonica e la loro estensione deve aumentare.

La terza priorità è continuare a sviluppare tecnologie per estrarre l'anidride carbonica dall'atmosfera e immagazzinarla in modo sicuro per migliaia di anni. Un'azienda canadese, la Carbon Engineering, ha sviluppato di recente un processo che elimina il l'anidride carbonica dall'atmosfera per produrre un combustibile liquido con zero emissioni di anidride carbonica. Tuttavia, al momento, i suoi costi restano elevati, così come quelli delle altre tecnologie per rimuovere l'anidride carbonica.

Molti di questi processi sono già in corso senza l'appoggio dei governi nazionali. I singoli cittadini, le comunità e le aziende hanno capito la loro importanza e stiamo iniziando a limitare il nostro impatto sulla Terra, ha detto Richardson a Motherboard. Ad esempio, una coalizione di Stati, città e organizzazioni che rappresentano più della metà dell'economia statunitense sono unite nel raggiungimento degli obiettivi climatici di Parigi, indipendentemente da ciò che fa l'amministrazione Trump, ha spiegato.

Un altro grande cambiamento verso la sostenibilità planetaria è il calo dei tassi di fertilità quasi ovunque nel mondo, sottolinea la co-autrice Diana Liverman dell'Institute of the Environment at the University of Arizona. Finché le scelte delle donne continueranno ad essere sostenute, la popolazione globale si stabilizzerà riducendo la necessità di nutrire, dare un alloggio e sostentare un numero sempre maggiore di persone, ha spiegato Liverman in un'intervista.

Al momento, la sfida principale è ridurre il consumo di materiali ed energia nei paesi ricchi e garantire che i paesi poveri e a medio reddito percorrano la strada per uno sviluppo a basse emissioni di anidride carbonica.

I sondaggi globali mostrano che le persone e, soprattutto, i giovani adulti, ne sono consapevoli, sono disposti ad agire e vogliono che i loro governi facciano di più.

”Ma non possiamo essere compiacenti... se scegliamo di non intraprendere le azioni necessarie ci troveremo nei guai," ha concluso Liverman.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MOTHERBOARD e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.