L'unico modo per salvare la Net Neutrality è costruire il nostro internet

Dobbiamo smettere di fare affidamento sulle grandi aziende e costruire infrastrutture internet locali, economiche e decentralizzate.

|
24 novembre 2017, 12:55pm

Immagine: screenshot via YouTube/"Lo and Behold"

La Federal Communications Commission ha annunciato questa settimana la rimozione totale o quasi di tutto ciò che protegge la net neutrality negli Stati Uniti. Potevamo sperare che una commissione di plutocrati del settore delle telecomunicazioni intenti dal giorno uno a riavvolgere il nastro per qualsiasi legge e normativa imposta all'industria si pieghi sotto il peso dell'opinione pubblica, ma, a questo punto, è difficile contarci.

È ora invece di passare all'azione, che non significa firmare petizioni online, dare upvote a un post su Reddit o chiamare i propri rappresentanti politici.

La net neutrality in quanto principio del governo federale americano sarò presto morta e sepolta, ma le protezioni che l'accompagnano sono estremamente popolari tra i cittadini americani e parte integrante di internet per come lo conosciamo. Piuttosto che mettere un principio tanto fondamentale nelle mani dei politici, i cui interessi e capricci cambiano a seconda di chi li finanzia, la net neutrality deve essere protetta da una rivoluzione popolare che riguardi la proprietà stessa delle infrastrutture e delle reti di internet.

In parole povere, dobbiamo smettere di fare affidamento sul monopolio delle grandi aziende di telecomunicazioni e costruire infrastrutture internet a proprietà locale, economiche e decentralizzate. La buona notizia è che, almeno in gran parte degli Stati Uniti, è davvero possibile farlo.

È l'occasione perfetta per lanciare un internet service provider tutto tuo, far leva sulla fibra disponibile pubblicamente o raccogliere sostegno politico per nuove reti di proprietà di amministrazioni locali. Negli ultimi mesi, Motherboard ha raccontato una dopo l'altra le miriadi di modi in cui le comunità ignorate dalle grosse aziende di telecomunicazioni hanno costruito le proprie reti internet o abbiano unito gli sforzi con piccoli ISP che si sono impegnati a proteggere la net neutrality per portare connessioni veloci ed economiche alle città grandi e piccole del paese.

Un futuro in cui gli ISP sono di proprietà di governi locali, piccole aziende, comunità no-profit, e delle persone che servono è la strada da seguire e l'unico modo realistico di mettere fine al controllo che le grandi aziende hanno su mezzo pianeta.

A Detroit, la Equitable Internet Initiative sta costruendo infrastrutture per connessioni wireless che sono di proprietà delle comunità, in città che le grandi aziende non vogliono neanche prendere in considerazione. Centinaia di paesi hanno costruito ISP propri. Le comunità rurali stanno piantando antenne per internet wireless in cima a montagne, silos per il grano e alberi alti. Le connessioni più veloci negli Stati Uniti sono fornite da governi locali, non grosse aziende di telecomunicazioni. Nella California del Sud, Tribal Digital Village sta usando banda televisiva libera per fornire internet alle persone. In tutto il paese, il potere delle grosse aziende è rifiutato e sovvertito e non serve avere un mucchio di soldi, un esercito di avvocati o una laurea di ingegneria elettronica per passare all'azione.

Motherboard continuerà a celebrare e amplificare questi progetti, ma non è abbastanza. A cominciare da ora, ecco cos'altro faremo:

  • Inizieremo a fare ricerca e pubblicare articoli tecnici e video che spieghino come funzionano i nuovi hardware e software per le reti wireless, come usarli e come usare tecnologie già disponibili ed economiche, per dare il via al tuo piccolo ISP.
  • Parleremo con attivisti, imprenditori, avvocati, esperti di tecnologia, ingegneri di rete e politici che hanno navigato le acque legali, tecniche e politiche che è bene conoscere per lanciare un ISP di proprietà comunitaria. Useremo queste conversazioni per creare istruzioni chiare su come possiate fare anche voi la stessa cosa.
  • Getteremo le basi di una guida comprensiva alle varie tecnologie e metodi per creare infrastrutture internet decentralizzate, che pubblicheremo il prossimo anno.

Se volete aiutarci o partecipare, fatevi sentire.

Seguici su Facebook e Twitter.