Qualcuno ha ricreato HyperCard, il tool storico di Apple inventato sotto acidi

Se vi siete persi il software che Bill Atkinson ha concepito negli anni Ottanta da strafatto, ViperCard è qui per voi.

|
apr 9 2018, 12:32pm

Screengrab: ViperCard/John Calhoun. Editing: Autore 

Una volta, se volevi usare un computer dovevi per forza sporcarti le mani con un po' di codice — tutta un'altra storia rispetto a comprare un nuovo computer oggi: lo accendi, premi un paio di pulsanti ed è fatta.

Ora, un'anima illuminata ha ricreato uno dei software prodigiosi che hanno contribuito ad appianare il divario tra utenti e programmatori: HyperCard, il tool di programmazione ipertestuale di Apple uscito nel 1987, che ricevevi incluso con l'ultimo modello di Mac all'epoca. HyperCard permetteva agli utenti di creare stack di card virtuali che eseguivano codice base scritto in un linguaggio chiamato HyperTalk. Gli stack potevano rimandare ad altre card, cosa che ha reso l'applicazione un'antesignana dell'ipertesto, diventato poi la base del web che usiamo ancora oggi.

La versione rimodernata di HyperCard si chiama ViperCard. È open source e parecchio divertente. Ti permette di creare rudimentali stack HyperCard e giocare con alcuni "stack speciali," come il gioco "Glider," che era stato originariamente pubblicato come shareware nel 1988. Non sappiamo molto della creazione di ViperCard, se non che è coperto dal copyright di tale Ben Fisher. Buon per te, Ben Fisher.

L'aspetto retrò di ViperCard e la ricostruzione fedele dell'esperienza riporta il pubblico indietro a quei giorni in cui gli utenti erano incoraggiati a interagire con le loro nuove macchine anziché seguire semplicemente un plico di istruzioni. In un'intervista del 2016, Bill Atkinson, creatore di HyperCard, ha spiegato che l'obiettivo del tool era "fornire capacità di programmazione alle persone appassionate di computer, anziché cercare di infondere un po' di passione nei programmatori."

Questa rivelazione, ha detto Atkinson nella stessa intervista, è arrivata da un trip di acidi. È una lunga storia, che inizia "su una panchina nel parco vicino alla casa [di Atkinson]" dopo aver "preso un paio di cartoni molto piacevoli." Durante il trip, Atkinson ha pensato alle similitudini tra le stelle e i lampioni e "ha visto la curvatura del pianeta." Alla fine, ha avuto un momento di illuminazione e compreso che l'obiettivo del suo lavoro doveva essere fare in modo che le persone normali interessate a diverse aree della conoscenza — musica, biologia, poesia, chimica e via dicendo — riuscissero a parlarsi tra loro. In altre parole, informazioni in grado di rimandare ad altre informazioni.

"Se puoi facilitare la connessione tra diversi corpi del sapere che sono legati uno all'altro, allora, magari, riuscirai a sviluppare un po' di saggezza in più sul pianeta," ha detto Atkinson nell'intervista.

Con ViperCard, un po' di quella visione tinta di acidi dell'informatica è di nuovo qui.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.