Blackphone è lo smartphone perfetto per i paranoici

Se il problema della sicurezza ti mette ansia e vuoi continuare a usare Android, questo è lo smartphone che fa per te.

|
ott 8 2015, 9:11am

Quest'estate, dopo aver saputo che una serie di bug rendevano circa 950 milioni di utenti di Android vulnerabili agli hacker, ho deciso di abbandonare Android per passare al lato oscuro e scintillante di Apple.

Ero stufo del sistema traballante di Android, in cui aggiornamenti e patch di sicurezza dipendono da produttori e distributori, un sistema in cui, anche se Google rilascia una patch fondamentale, non puoi ottenerla subito perché le varie Samsung e Sony ci mettono tantissimo a fornire gli aggiornamenti.

Essendo un fan di Android, la mia decisione di passare al lato oscuro non è stata facile e quindi gli ho concesso un'ultima possibilità, provando il nuovo Blackphone 2 della Silent Circle.

Il Blackphone 2 è un telefono Android prodotto da Silent Circle, una società che ha iniziato vendendo app indirizzate a clienti attenti a privacy e sicurezza. Un paio di anni fa Silent Circle ha deciso di creare un dispositivo che esegue una versione radicalmente rimaneggiata di Android, "riservato per natura", come recita lo slogan riportato anche sul retro del modello.

In altre parole, un telefono Android per paranoici.

Hanno creato un telefono Android per paranoici.

Il primo Blackphone era talmente oltre che non aveva nemmeno applicazioni Google. Per installare Gmail o Google Maps era necessario comprarle attraverso l'app di Amazon dal momento che non c'era modo di installare Google Play Store. L'ho provato l'anno scorso e non mi sono deciso a comprarlo proprio a causa di queste limitazioni.

Il nuovo Blackphone non è così estremo. Di base sono incluse tutte le app di Google ma le innovazioni sono le varie funzionalità da autentici paranoici che possono essere controllate attraverso la comoda app "Security Center".

La cosa più importante per me è che Silent Circle si è impegnata seriamente per garantire la massima sicurezza, rilasciando gli aggiornamenti più importanti contemporaneamente a Google. (Sono stati tra i primi ad aggiornare Stagefright, ancora prima che ne venissero resi noti i bug).

Un aspetto carino è quello che consente di controllare il tipo di dati a cui ogni applicazione ha accesso. Ad esempio, a differenza dei normali Android, sul Blackphone è possibile evitare che l'app Evernote abbia accesso ai propri contatti o utilizzi la fotocamera. Distributori alternativi di Android, come CyanogenMod, offrono già da un po'di tempo queste funzionalità, ma i telefoni tradizionali Android non ne disponevano ancora. (Google implementerà questa funzione nel M. Android che deve ancora uscire).

Se invece desiderate isolare le applicazioni più sensibili da altre di cui non vi fidate, potete farlo grazie a "Spaces". Fondamentalmente una serie di telefoni virtuali separati all'interno del Blackphone, accessibili tramite PIN differenti e su cui si possono installare applicazioni diverse. Secondo Silent Circle, i telefoni virtuali sono separati "fino al livello kernel" quindi non condividono nessun dato tra loro perché si trattano effettivamente di due partizioni diverse. In altre parole, se una di queste viene violata, gli intrusi non dovrebbero avere accesso alle altre.

Immagine: Silent Circle

Il Blackphone 2 dispone anche di un "Smarter WiFi Manager", che impedisce al telefono di connettersi senza la nostra autorizzazione a hotspot WiFi non sicuri con nomi comuni come "Starbucks" o "NETGEAR".

Ah, inoltre Blackphone 2 è anche crittografato di default, proprio come l'iPhone. Tutti i telefoni Android avrebbero dovuto avere la crittografia del disco di default in Lollipop, ma si è scoperto che Google ha lasciato la scelta di implementarla ai produttori, la maggior parte dei quali ah rifiutato di attivare questa funzione .

Tra le feature paranoiche forse la più stilosa è il Randomizer PIN, che visualizza un percorso casuale ogni volta che si desidera sbloccare il telefono. Potrebbe causare un po' di confusione a volte, ma è ottima per evitare che eventuali spioni nelle vicinanze deducano il vostro PIN.

Nel complesso, il Blackphone 2 è solido, molto meglio del primo Blackphone che soffriva della mancanza di applicazioni di Gmail che gli davano un'aria da telefono di serie B. E` un telefono da fascia alta, il che giustifica in parte il suo prezzo elevato di 799 dollari (circa 710 euro), anche se, come sottolineato da Wired, le sue prestazioni non sono di così alto livello.

In ogni caso, se non necessitate di spazi memoria separati, potete ottenere funzioni di protezione simili sul nuovo Google Nexus 5X, che concede autorizzazioni granulari per quanto riguarda la privacy delle app e riceve gli aggiornamenti di sicurezza in poco tempo. Per le comunicazioni criptate, potete utilizzare proprio le app della Silent Circle—non girano solo su Blackphone. In alternativa, esistono anche opzioni gratuite e open source, come Redphone e TextSecure della Aperto Whisper Systems.

Potete ottenere funzioni di protezione simili sul nuovo Google Nexus 5X.

Comunque, se siete così paranoici, ricordate che il Blackphone 2 è pur sempre un cellulare, quindi soggetto al monitoraggio delle celle a cui si connette, inoltre dovreste tollerare la possibilità di venire attaccati attraverso la sua baseband o addirittura la carta SIM. Ecco perché i veri paranoici preferiscono utilizzare un iPod per comunicare in maniera più sicura.

Quindi il Blackphone 2 non è assolutamente "a prova di servizi segreti" come è stato descritto da alcuni blog e popolari siti di news, ma resta comunque un telefono affidabile che dispone di tutte le funzionalità di sicurezza ottenibili su Android. Sarebbe bellissimo se le imprese cercassero una soluzione Bring Your Own Device (BYOD) migliore, anche se personalmente dubito che potrebbe trasformarsi in un grande successo tra i consumatori comuni.