Questa donna non produce rifiuti da due anni

La sua campagna Kickstarter per un detergente naturale per la biancheria ha guadagnato oltre 30,000$. Ci ha visto giusto?

|
28 novembre 2014, 10:34am

​Immagine: Alexandra Ossola

Lauren Singer non è una predicatrice ecologista. Non è pedante e non ti guarda con pietà quando le dici che mangi carne o bevi acqua da bottiglie di plastica che poi butti via. Ha addirittura addosso una giacca di pelle (comprata di seconda mano). Ma non scherza affatto quando si tratta di spazzatura.

"Il mio ex ragazzo usava il bicarbonato di sodio come dentifricio, pensavo fosse disgustoso. Poi, ironia della sorte, la prima cosa che ho fatto da me era proprio un dentifricio composto da bicarbonato di sodio e olio di cocco," afferma ridendo. Pulisce il suo wc con l'aceto bianco, i suoi contenitori sono barattoli di vetro e si fa da sola i trucchi che usa.

Fa tutto ciò per azzerare la sua produzione di rifiuti. Da marzo del 2013 scrive su un blog chiamato "Trash is for Tossers" dove parla della sua missione e delle alternative possibili ai prodotti di uso quotidiano che producono rifiuti, dagli utensili di plastica al bagnoschiuma nelle confezioni non riutilizzabili.

Dai suoi prodotti fai-da-te è arrivata a lanciare una sua campagna su Kickstarter per un detersivo che contiene solo bicarbonato di sodio, carbonato di sodio e sapone di Marsiglia. Secondo lei l'obiettivo iniziale di 10.000 dollari era più che ragionevole, ma a quanto pare ha fatto centro; a 55 ore dalla fine della campagna, aveva ottenuto una cifra tre volte più alta.

Due mesi di rifiuti. Immagine: Lauren Singer

Il viaggio di Lauren verso una produzione di spazzatura minima è iniziato nel 2012, quando frequentava l'ultimo anno alla New York University di un master in "enviromental studies." Mentre seguiva le lezioni vedeva ogni giorno una ragazza che consumava il suo pranzo al sacco e poi buttava via il contenitore di plastica che lo conteneva, la bottiglietta dell'acqua, le posate e il sacchetto.

Era piuttosto frustrata da questo fatto e pensava che la ragazza fosse un'ipocrita, ma non le disse mai niente. Decise di far convogliare allora la sua frustrazione nel proprio consumo di plastica, che notò era presente in tutte le confezioni degli alimenti che aveva in frigo.

"Ero molto arrabbiata con me stessa," mi ha detto. "Quel giorno ho deciso che avrei smesso di usare la plastica. Ho riflettuto a lungo—e ho capito che dovevo smettere di giudicare gli ambientalisti così duramente." A poco a poco ha introdotto nella sua vita abitudini che l'hanno portata a ridurre la sua produzione di rifiuti praticamente a zero.

La plastica è la sua causa personale: ha provato a eliminare ogni forma di plastica dalla sua vita. Compra gli alimenti sfusi e ha praticamente smesso di comprare vestiti perché non sa cosa fare con le etichette plastificate o il filetto di plastica a cui l'etichetta è attaccata. Il cibo se lo porta dietro in grossi barattoli riutilizzabili e mangia con posate e piatti di metallo.

Immagine: Lauren Singer

Le sue preoccupazioni sulla plastica a volte sembrano più legate alla salute piuttosto che all'ambiente. "Non voglio produrre rifiuti ma non voglio neanche introdurre sostanze cancerogene nel mio corpo," afferma, spiegando che scaldare la plastica può provocare il rilascio di sostanze chimiche come il Bisfenolo A nel cibo.

Lo stile di vita senza plastica di Lauren ha fatto sì che adottasse alcuni comportamenti che sembrano contrari all'ambientalismo. Indossa una giacca di vera pelle perché la pelle finta è di plastica. È vegetariana ma è sospettosa nei confronti di posizioni troppo estreme (un esempio è il "No Impact Man" Colin Beavan). Lauren non ha calcolato esattamente quanto spreco stia evitando usando meno plastica, soprattutto perché è possibile che usi più acqua della media per lavare tutti i suoi strumenti riutilizzabili. Ma è abbastanza sicura che i processi industriali per creare oggetti di plastica consumino molta più acqua di quanto non faccia lei.

Parte della sua contrarietà a posizioni troppo estreme è la sua famiglia, che la criticava per le sue abitudini eco-consapevoli più tradizionali. "Mia nonna mi diceva che ero una sorta di hippie, e ha ragione," ammette. "Per molto tempo la mia famiglia ha pensato che stessi solo attraversando una fase. Ma adesso si sono resi conto che non è così e mi supportano molto."

CERCAVO DI PARLARE ALLE PERSONE, MA HO REALIZZATO CHE NON SERVE A NIENTE

Ma c'è un altro motivo per cui Lauren vuole che il suo esempio non sia troppo rigido: "spesso cercavo di parlarne con le persone, ma ho realizzato che non serviva a niente," afferma. "Ho pensato che un blog sarebbe stato il modo migliore perché è il più comodo, il più facilmente accessibile ed è un buon modo con cui le persone possono esplorare uno stile di vita diverso dal proprio."

Per i detrattori è facile evidenziare subito quanto tempo e quanto denaro sia necessario per creare i propri trucchi o procurarsi del costoso sapone di Marsiglia e che non tutti potrebbero permettersi un tale dispendio. Ma Lauren sottolinea che comprare cibo e altri prodotti sfusi porta a un grande risparmio di risorse, e se sai dove cercarlo puoi anche risparmiare molto tempo. "Bisogna fare il primo passo e capire che l'acquisto di cibo sfuso è un'opzione praticabile."

Immagine: Lauren Singer

Per Singer e altri che credono nella sua missione, parlare di rifiuti ha più significato di quanto si possa pensare. "La spazzatura è il primo passo per cercare di occuparsi di problemi più importanti."

Il suo desiderio è che i prodotti naturali e quelli che non producono spazzatura si diffondano, e per questo ha creato una compagnia chiamata The Simply Co per vendere detersivi per il bucato formati da tre soli ingredienti. Quando ha iniziato la campagna su Kickstarter si è resa conto che avrebbe potuto creare alcune scatole del prodotto nella sua cucina. Ma con oltre 600 sostenitori non ha molta idea di come soddisfare tutte le richieste. Ma non si scoraggia, "alle persone interessa."

Lauren ritiene che la sua sia una versione aggiornata al Ventunesimo secolo del movimento ambientalista. "Mette in questione ogni cosa. Non so se possiamo prendere provvedimenti su tutto, ma è importante chiedersi cosa contengano le cose che usiamo tutti i giorni."