Quantcast
​Immagine:Frenzel/Shutterstock

Il sito dei suicidi del deep web

Un posto dove ognuno può discutere dei suoi pensieri più oscuri e ricevere consigli su come agire.

​Immagine:Frenzel/Shutterstock

Il deep web non è un luogo solo per droghe e criminali. Ospita piattaforme per whistleblower, netizen cinesi che eludono la censura statale del Great Firewall, e molti altri siti perfettamente legali—c'è persino Facebook.

C'è anche un nuovo sito in bilico tra legalità e illegalità, tra l'empatia e quella che sembra una colpa capitale: un forum per discutere qualsiasi cosa relativa al suicidio, da pensieri e fantasie suicide, a modi effettivi per uccidersi.

Si chiama Sanctioned Suicide, e l'ethos professato è quello di fornire a chiunque un paradiso sicuro e completamente anonimo per discutere dei propri pensieri più oscuri.

"È un posto in cui le persone possono trovare aiuto e sfogarsi," ha detto a Motherboard il fondatore del sito, che risponde allo pseudonimo di Apollo, "così come un posto per trovare il modo più adatto per porre fine alla propria vita, se è ciò che si desidera."

Il suicidio è un tabù sociale, ma anche una realtà tragica. Nel 2013, ci sono stati oltre 41.000 casi denunciati di morte per suicidio negli Stati Uniti, che hanno portato il suicidio ad essere la decima causa di morte, secondo il Centers for Disease Control and Prevention.

Le principali organizzazioni per la prevenzione del suicidio la considerano una crisi sanitaria.

"Pur essendo una causa principale di morte, il suicidio può essere prevenuto. Come nazione, abbiamo una crisi di sanità mentale," recita una dichiarazione dell'American Foundation for Suicide Prevention dell'anno scorso. "Per invertire questa tendenza di crescita del tasso di sucidi, dobbiamo investire in ricerca, educazione, e dare supporto alle politiche che aiutano a fornire alle persone che soffrono di disturbi mentali l'aiuto di cui hanno bisogno."

Per le persone che non vogliono ricevere aiuto professionale, ci sono un buon numero di forum relativi al suicidio o alla depressione sulla clearnet, ma pochi o nessuno accetta discussioni aperte sul lato pratico di uccidersi davvero.

(nota dell'Editor: Il National Suicide Prevention Hotline è gratuito negli Stati Uniti e in funzione 24 ore su 24, sette giorni su sette al 1-800-273-8255, mentre suicide.org ha una lista di hotline specifiche internazionali, che include Canada e Regno Unito.)

Nelle regole, SuicideForum.com, sito con 1.3 milioni di post e più di 31.000 membri, sciorina chiaramente a caratteri spessi e colorati le regole fondamentali del forum: Non fare del male, non incitare al male.

"Non forniamo o condividiamo metodi per farsi del male," recitano le regole. "Non condividere e non fare richiesta di metodi per danneggiarti. l patti suicidi son visti come incoraggiamento al suicidio, dunque serveramente vietati."

"Non ci sei riuscito? Sono contentissimo."​

Anche un altro forum chiamato "Take This Life" ha un codice etico simile. La sua prima regola dice: "Niente metodi di suicidio né minacce." E procede specificando che non sono accettati post relativi ad intenzioni suicide, come "post d'addio," "piani," o metodi pratici.

Sancioned Suicide, invece, non fa censura.

"Sancioned Suicide è un forum di supporto pro-vita peer to peer per le persone in crisi," proclama il sito come suo slogan etico. "A differenza di altri luoghi nella clearnet, forniamo e condividiamo metodi su come farsi del male. I patti suicidi sono considerati istigazione al suicidio, ma non sono proibiti."

Il forum, aperto nell'autunno dell'anno scorso, è ancora relativamente piccolo, con solo 674 membri e 275 post. Ma alcuni utenti stanno già discutendo in che modo togliersi la vita. I membri del forum discutono metodi, come mescolare sostanze o provocare un poliziotto e farsi sparare. Alcuni membri del forum parlano di come porre fine alle loro vite lasciando però gli organi intatti per le donazioni.

Altri utenti semplicemente condividono le loro storie personali, inclusi tentativi di suicidio, o solo pensieri.

"Ho provato una volta con un coltello, da adolescente, ero molto depresso e fatto. Volevo morire," ha scritto un utente. "Mi sono svegliato con i polsi tagliati ma non avevo perso abbastanza sangue. Non ci sono riuscito, e ne sono lieto. La mia vita è fantastica ora, anche se a quei tempi faceva schifo."

Nessuno degli utenti sul forum ha risposto alla richieste di commento di Motherboard.

L'idea del sito è nata quando Apollo, che ha preferito non rivelare la sua identità, ha visto un post sul subreddit Onion, in cui si discute di service nascosti che sono accessibili solo usando il motore di Tor.

"Sto cercando siti sul suicidio, su come fare, non sulla prevenzione," ha scritto un Redditor che ora ha cancellato il suo account.

Apollo, che gestisce un gruppo che sviluppa siti di deep web chiamato Darknet Solutions, ha pensato che ci fosse un reale bisogno di una cosa del genere dal momento che i siti sul suicidio della clearnet "possono essere chiusi se offrono metodi di assitenza" e i loro utenti non sono davvero anonimi, visto che i loro username sono legati a informazioni di riconoscimento come un indirizzo email che hanno usato per iscriversi al sito o, peggio, i loro indirizzi IP reali.

Sanctioned Suicide "è solo un mio piccolo progetto," ha detto Apollo, ma non c'è nessun'altra ragione personale dietro.

"Non ho tendenze suicide e non sono depresso [...] Non ho mai davvero considerato alcun tipo di atto del genere, fatta eccezione per qualche pensiero intruso," ha detto Apollo a Motherboard, spiegando che si riferiva a "un pensiero involontario, immagine o idea spiacevole."

Ma Apollo, che ha detto di aver lavorato come volontario nell'assistenza per casi di depressione durante il college, ha anche aggiunto che conosce "persone che hanno avuto problemi con il suicidio," e ha voluto offrire loro un posto per parlarne liberamente.

L'obiettivo del sito è avere 200 membri attivi entro la fine del 2015, ha detto Apollo. E sta lavorando su alcune nuove implementazioni, inclusa la creazione di un nuovo mercato per gli utenti di Sanctioned Suicide, uno con venditori "rispettabili" di armi, così come un posto dove possano comprare "tossine e altri strumenti per il suicidio," ha detto.

Benché Apollo e il suo gruppo "blocchino qualsiasi cosa che nuoce direttamente alle persone," non pensa che ci sia niente di sbagliato nell'offrire questo tipo di servizi perché "il più degli utenti che frequentano già la darknet ne conosce i mercati."

"Fornire un mercato con questo scopo specifico potrebbe aiutare, dal momento che si potrebbero moderare solo poche transazioni al giorno," ha detto via email. "Ed essere in grado di verificare ogni venditore potrebbe prevenire una grossa parte delle frodi che vedi sui principali mercati della darknet."

Nel frattempo, gli utenti del forum sono felici di Sanctioned Suicide.

Kristoph27 ha commentato sul thread di inaugurazione: "È bello che questo sito sia stato fatto. Non esistono molti siti "buoni" come questo, su Tor. :-)"

Anche altri hanno avuto reazioni positive, benché tetre, quando il sito è stato annunciato.

"Spero che questo sito decolli. Cerco un forum sul suicidio da tantissimo. Tutti quelli validi sono scomparsi," ha scritto l'utente ichithekiller01. "Sono contento che qui si possa parlare di metodi e tutta l'altra roba proibita su Reddit. Parlare di quella roba fa stare bene. Pianificare fa stare bene."