Un'opera d'arte generata da un'intelligenza artificiale è stata venduta per 430.000$

Il quadro si chiama 'Edmond de Belamy', ed è il risultato di mesi di lavoro di tre persone munite di un algoritmo di machine learning.

|
ott 26 2018, 10:33am

Screengrab: Obvious

Una stampa generata da una intelligenza artificiale è stato venduta per 432.500$ alla casa d'aste Christie, a New York, questo giovedì — Una cifra 40 volte maggiore a quanto si prevedeva sarebbe stato venduta.

La stampa si chiama Edmond de Belamy e i suoi tratti sfumati — artefatti dell'algoritmo utilizzato per generarla — la fanno sembrare quell'affresco spagnolo di Gesù Cristo che era stato restaurato così male da essere rovinato per sempre (è anche diventato un meme). La stampa fa parte di una serie di 11 opere, tutte generate da un'intelligenza artificiale e rappresentanti membri della (fittizia) famiglia Belamy, ed è firmata con la formula matematica che descrive l'algoritmo utilizzato per generarla.

"Ammirate il futuro — è arrivato," ha dichiarato il battitore d'asta prima che cominciassero le puntate per la stampa, che è anche la prima opera d'arte generata da un'intelligenza artificiale a venire venduta all'interno di una grossa casa d'aste.

L'opera è il frutto di mesi di lavoro portati avanti da tre ragazzi che vivono in un appartamento a Parigi — uno dei quali si sta laureando in machine learning — che si definiscono collettivamente Obvious.

L'inclusione dell'opera nell'asta di Christie, vicino a opere di Chuck Close e Jeff Koons, ha causato non poche lamentele nel mondo dell'arte, ma anche tra gli esperti di IA che riflettono sulle implicazioni può avere l'eventualità che un algoritmo possa essere considerato un artista vero e proprio — specialmente un algoritmo relativamente obsoleto come quello usato per creare questa opera, ovvero "Generative Adversarial Networks (GAN)", che è stato sviluppato nel 2014.

"L'algoritmo non è l'unica cosa che ha contribuito a creare questa opera — gli algoritmi non sono muniti di libero arbitrio," mi ha spiegato al telefono Mark Riedl, professore associato di AI e machine learning al Georgia Institute of Technology. "Si tratta di pennelli davvero, davvero complessi con un sacco di parametri matematici, e puoi usare questi pennelli per ottenere un effetto che potrebbe essere complesso da ottenere altrimenti."

Questo lato della vicenda è stato chiaramente perso in alcuni articolo che hanno raccontato la vicenda prima dell'asta — molti titoli hanno descritto l'opera come "creata" da una IA, e non hanno usato verbi come "generata" o "fatta con."

Quando ho parlato con Hugo Caselles-Dupré, studente laureando in machine learning e un terzo di Obvious, al telefono, ha definito questo tipo di caratterizzazione come causata da una volontà di sensazionalismo e di clickbait nei media. L'intento dell'opera, ha insistito, è di educare il pubblico ai limite dell'IA. Gli algoritmi sono uno strumento, mi ha spiegato Caselles-Dupré, non manifestazioni creative.

"Oggi non si parla di come gli algoritmi stanno rimpiazzando le persone," ha spiegato Caselles-Dupré. "In futuro, potremmo dover fare attenzione a questo tipo di cose, ma oggi si tratta ancora di strumenti. Volevamo davvero mostrare un esempio concreto di ciò che queste IA possono fare." Firmare l'opera con la formula matematica dell'algoritmo è stato un "modo divertente", ha detto, di comunicare queste idee ad una audience più ampia.

Non è chiaro, però, quanto bene abbia funzionato questa strategia di comunicazione. In una dichiarazione ad Artnet Richard Lloyd, international head of prints di Christie ha spiegato che l'opera era stata selezionato per l'asta proprio perché l'intervento umano nella generazione dell'opera era stato ridotto al minimo.

I GAN sono algoritmi che "apprendono" da grandi quantità di dati input, e usano questa conoscenza per produrre nuovi risultati dopo un lungo periodo di addestramento. Ma il fatto che "apprendano", non significa che siano autonomi. Il prodotto finale è il risultato di un lungo processo di attenta selezione dei dati di input, di calibrazione dei parametri matematici e poi di analisi dei risultati per trovare quello più vicino a ciò che desideravi.

L'ultima iterazione dell'algoritmo — ovvero la versione migliore per le necessità di Obvious — ha restituito centinaia di immagini, ha spiegato Caselles-Dupré, ridotti poi a 11. "Abbiamo attentamente selezionato le immagini che abbiamo ritenuto più interessanti in questo gruppo," ha spiegato.

Quindi, qual è il vero fattore creativo di questo processo: l'algoritmo che ha bisogno di essere seguito per mesi prima di produrre qualcosa di lontanamente interessante, o le persone che cercano un risultato estetico e fanno di tutto per raggiungere quel risultato? Benché si tratti di uno sforzo condiviso, l'ago della bilancia creativa pende dalla parte degli umani.

"La nostra ricerca vuole mettere alla prova i limiti di questi strumenti, e penso che non elimineremo mai gli umani dal processo," ha detto Riedl.