Pubblicità

Prima di suicidarsi, un tassista ha scritto di come la gig economy lo ha rovinato

Nella nota che ha lasciato su Facebook, l’uomo ha raccontato di lavorare oltre 100 ore alla settimana nel traffico di New York e di non farcela più.

|
feb 12 2018, 10:33am

Immagine: Marcin Wichary/Flickr

Nota del redattore: Se tu o qualcuno che ti è vicino ha pensieri suicidi o atteggiamenti autolesionisti, ti incoraggiamo a chiamare una linea di aiuto e prevenzione, come Telefono Azzurro (se minorenne) o Telefono Amico.

Pubblicità

Non sapremo mai per intero la storia di Douglas Schifter, un autista di taxi e limousine di New York che si è tolto la vita la settimana scorsa davanti al palazzo del Municipio. Quelli di noi che non lo conoscevano personalmente non hanno modo di capire quale fosse il suo stato di salute mentale, né che cosa stesse succedendo nella sua vita.

Ma nella nota finale che ha lasciato su Facebook e negli articoli firmati con il suo nome su riviste di settore, Schifter ha lasciato una traccia di opinioni relative allo stress che sopravvivere a New York come autista comporta, e, con esso, una visione di come la cosiddetta rottura causata da Uber e Lyft — nonché l'incapacità delle città di gestirla — pesi fortemente sui lavoratori.

La nota lasciata da Schifter (che Facebook ha poi rimosso), postata qualche ora prima della sua morte, racconta le difficoltà economiche di un autista a New York. Dice che lavorava almeno 100 ore alla settimana, ma ha comunque concluso la sua carriera in rovina.

Ha incolpato i poteri che esistono a New York, puntando il dito contro i politici che permettono a troppi taxi di circolare, inasprendo la competizione, e che hanno lasciato inserirsi anche i taxi green. "Sarebbe dovuto restare un numero di automobili inferiore alla domanda. Così si garantiva un'introito costante," ha scritto Schifter.

Per molti tassisti, questo flusso maggiore di rideshare e taxi ha prosciugato i mezzi di sussistenza che le persone si erano costruite in anni di lavoro. A New York, ci sono circa 40,000 taxi gialli, ma gli autisti di Uber hanno superato questo numero già nel 2015, senza contare i taxi regolari e gli altri servizi di Uber nel calcolo totale.

Pubblicità

Siamo arrivati al punto in cui né gli autisti di Uber né i tassisti riescono ad avere un reddito stabile.

Non è chiaro che tipo di norme potrebbero aiutare i tassisti a restare a galla — il sindaco Bill de Blasio ha cercato di mettere un tetto agli autisti di Uber a New York, senza successo, in grossa parte per colpa dell'influenza che l'azienda ha. E qualsiasi mossa a favore dei diritti degli autisti non ha fatto che rafforzare la possibilità di guadagnare con la app di Uber.

Gli autisti di Uber sono in lotta contro i prezzi ingiusti da tempo, come Motherboard ha raccontato. Le aree grigie della gig economy hanno lasciato spazio allo sfruttamento. Ma siamo arrivati al punto in cui né gli autisti di Uber né i tassisti riescono ad avere un reddito stabile. I tassisti hanno debiti. Gli autisti di Uber guadagnano anche 60.000 dollari all'anno a New York, stando alle stime dell'azienda, ma il numero varia a seconda del costo dell'assicurazione del veicolo, delle spese per la benzina e delle ore che lavorano.

Pubblicità

Persino tralasciando la questione della domanda-offerta, altre politiche lasciano gli autisti esposti ai capricci di chi governa. Per la rivista Black Car News, Schifter ha scritto dozzine di articoli sul proprio lavoro, accusando specifiche proposte legislative che, a suo avviso, colpirebbero i tassisti. Una normativa sulla congestione stradale, per esempio, era stata pubblicizzata come un modo per limitare il traffico imponendo un dazio sui veicoli che entrano a New York City. Al momento, sembra che un piano simile stia per attuarsi davvero.

Ma queste normative, ha scritto Schifter, non farebbero che costringere gli autisti a pagare per fare il proprio mestiere. "Il governo ci prende di mira come se fossimo vacche da mungere, spremendoci qui e lì e ovunque andiamo. Ogni singola agenzia vuole i nostri dannati soldi." Ha proseguito sostenendo che imporre un prezzo sulla congestione non ha funzionato a Londra, per quando abbia ridotto il traffico nel centro della città del 26 percento in quattro anni.

La sua rubrica esplorava i dettagli che solo gli autisti che hanno passato anni per le strade di New York possono sapere — raccontando i rischi delle corsie per ciclisti, dei camion sulla Expressway tra Brooklyn e il Queens e sottolineando come la polizia se la prenda con i tassisti ad ogni mossa. Schifter ha chiesto più volte che i tassisti si unissero contro aziende come Uber e ha profetizzato il crollo dell'industria dei taxi.

La sezione commenti sotto i post di Schifter — su Facebook e su Reddit, dove gli autisti di Uber hanno discusso del suo messaggio d'addio — rivelano reazioni miste. Qualcuno sostiene che Schifter non sia stato in grado di adattarsi ai tempi che cambiano, aspettandosi di guadagnare le stesse cifre che guadagnava quando ha cominciato a lavorare.

Pubblicità

Altri lo hanno commiserato. "È necessario creare nuove norme affinché i tassisti possano avere una vita al di fuori del lavoro," ha scritto un commentatore che ha dichiarato di essere lui stesso un tassista di nome Thomas Reid. Un'altra persona sembrava aver cambiato da poco idea sull'entrare nel settore, perché ha scritto: "Ero sul punto di prendere la mia licenza da tassista, ma dopo aver letto una serie di articoli sui problemi di guadagno dei tassisti oggi, penso di voler riconsiderare la cosa e cercare un altro mestiere."

È bene ribadire che non sappiamo esattamente perché Schifter si sia suicidato. Ma dalle reazioni alla sua morte, la veglia tenutasi in suo nome e la conversazione scaturita, è chiaro che molti lo vedono come l'ultima richiesta di aiuto proveniente da un'industria disperata. In un certo senso, la cosa dice più di quanto avrebbe potuto dire lui stesso.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.

Seguici su Facebook e Twitter

Altro da motherboard